Spiaggia di Les Hattes
Dove nidificano quattro specie di tartarughe marine

Leggi tutti gli articoli della Guyana francese

!function(){“use strict”;window.addEventListener(“message”,(function(e){if(void 0!==e.data[“datawrapper-height”]){var t=document.querySelectorAll(“iframe”);for(var a in e.data[“datawrapper-height”])for(var r=0;r<t.length;r++){if(t[r].contentWindow===e.source)t[r].style.height=e.data["datawrapper-height"][a]+"px"}}}))}();

Icona articolo onemag

Siamo nell’estremo nord-ovest della Guyana Francese, in quella porzione di territorio compreso tra la foce del Fiume Maroni e la costa dell’Oceano Atlantico. Les Hattes è il nome della piccola frazione del comune di Awala-Yalimapo. Qua non si trovano quartieri residenziali o particolari attrazioni turistiche. Ciò che traina il turismo locale, infatti, è la sua spiaggia.

Un magnifico litorale di circa 5 chilometri, ombreggiato da lunghe file di palme e bagnato dalle vivaci acque dell’Atlantico. Questa è la destinazione perfetta sia per chi vuole godersi il più totale relax in spiaggia, sia per chi, invece, è alla ricerca di un tratto costiero in cui cimentarsi in attività sportive, come per esempio il trekking. Tuttavia, ciò che ha reso la Spiaggia di Les Hattes famosa su scala internazionale è un’affascinante fenomeno naturalistico.

 

La nidificazione delle tartarughe marine

Tartaruga liuto adulto nella spiaggia di Las HattesLes Hattes è difatti uno dei più grandi e importanti siti di nidificazione delle tartarughe marine di tutto il mondo. Ogni anno, durante il periodo di fecondazione, la spiaggia si riempie di centinaia, a volte migliaia, di esemplari che vengono a deporre le proprie uova. In particolare, a Les Hattes nidificano quattro specie, tra cui le tartarughe verdi e le tartarughe liuto (Dermochelys coriacea).

Quest’ultima è la specie di tartarughe marine più grande al mondo, con esemplari che raggiungono i 600-700 kg di peso e i 2,2 metri di lunghezza. La tartaruga liuto è stata per la prima volta catalogata in Italia nel 1761, dal naturista Domenico Agostino Vandelli, dopo che un esemplare venne catturato vicino a Ostia e donato all’Università di Padova da Papa Clemente XIII.

Attualmente questa è una specie considerata vulnerabile. Tuttavia, per gli studiosi è plausibile che il numero di esemplari possa più che triplicare entro il 2040, passando dagli attuale 50 mila esemplari ai 180-200 mila stimati. Per nidificare, le tartarughe liuto raggiungono la costa di Les Hattes tra i mesi di febbraio e luglio. Sono solite a deporre di notte, scavando grosse buche profonde fino a un metro.

Ogni esemplare femmina è in grado di deporre in una sola notte dalle 50 alle 150 uova ogni volta. La schiusa delle uova avviene dopo circa 50-70 giorni. Sono pochissimi gli esemplari che una volta nati riescono a sopravvivere. Il tasso di mortalità è altissimo: su 1000 uova, solamente 1-2 piccole tartarughe riescono a superare il primo anno d’età.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Alla scoperta del PAG della Guyana francese

Riserva Naturale Nazionale di Amana

Guida di Les Hattes in Guyana francese, tartaruga marina che nidificaNel 1998 è stata istituita la grande Riserva Naturale Nazionale di Amana. Questa riserva si estende su una superficie di quasi 15 mila ettari lungo la costa nord della Guyana Francese. È stata istituita specificamente per tutelare la nidificazione delle quattro specie di tartarughe marine. In passato, il fenomeno di bracconaggio era purtroppo molto diffuso, contribuendo fortemente a mettere in pericolo le specie di tartarughe marine. Oggi, i casi sono ancora presenti, ma fortunatamente molto rari, grazie anche alle severe norme in vigore.

Il periodo di deposizione comincia nel mese di aprile e termina intorno a metà luglio. Raggiungendo la Riserva Naturale Nazionale di Amana in questo periodo si può assistere a uno spettacolo davvero incredibile. Si può infatti vedere in prima persona questi giganteschi rettili marini uscire dall’acqua per depositare le uova nella sabbia. Il periodo di schiusa, invece, è tra luglio e settembre, durante il quale si possono vedere i piccoli esemplari uscire dalle uova e strisciare in spiaggia verso il mare. Per completare l’esperienza, nei pressi della spiaggia si può visitare il piccolo museo locale dedicato alle tartarughe marine.