Cosa vedere a Leon, la città tappa del Cammino di Santiago
Condividi su:

Cosa vedere a Leon, Spagna

Tutti gli articoli della Spagna

icona-articoloPoco più di 125.000 abitanti, Leon è una delle tappe del Cammino di Santiago, spesso città di partenza. Siamo a 340 km da Santiago e la sua scelta come tappa di partenza ha una sua ragione strategica, prima fra tutti la relativa breve distanza rispetto al punto di arrivo. E’ anche una città ottimamente servita dai mezzi di trasporto, fattore che permette di raggiungerla da ogni punto della Spagna.

Dal punto di vista geografico ci troviamo nella Spagna centro-occidentale i cui confini sono a ovest con il Portogallo e la Galizia mentre a nord con le regioni Cantabria e Asturie. A nord i suoi confini sono invece condivisi con i Paesi Baschi, Aragona e La Roja e a sud infine con l’Estremadura. Siamo nella regione più grande di tutta la Spagna.

Qualunque sia la ragione che vi porterà a visitare Leon, sappiate che vi troverete di fronte a una città vitale con un ricco patrimonio storico, artistico e culturale. La regione di Castiglia e Leon, infatti, ospitano ben otto siti inseriti tra i Patrimoni dell’UNESCO.
Altrettanto è una città giovane, con una movida sempre entusiasmante e ideale per qualunque fascia di età.
Pronti a scoprire cosa vedere a Leon?

Cenni storici

Mappa di LeonL’origine di Leon risale al periodo dell’Impero Romano quando venne fondata per dare alloggio alla VIII Legione, nel 70 d.C.
Concluso il periodo romano, divenne prima sede episcopale per essere poi governata dai Visigoti che nel VI secolo l’assediarono, conquistandola. Successivamente divenne territorio arabo per essere riconquistata da Alfonso I delle Asturie in quello che è definito uno dei tempi più bui della storia spagnola, in particolar modo per la poca conoscenza che abbiamo del suo regno.

La successiva divisione del Regno delle Asturie, nel 910, le permise di assumere il ruolo di capitale del Regno di Leon. Furono gli arabi nuovamente ad assediarla, distruggendola, venendo poi ricostruita dal Alfonso V, re di Sicilia e Napoli, nell’XI secolo.
Il secolo successivo la vide subire l’egemonia castigliana fino a che non divenne parte integrante del regno di Castiglia e Leon. Il suo declino era oramai segnato e varie furono le strategie messe in atto per cercare di non essere completamente sottomessa fino all’arrivo dei francesi che, nel 1808, la occuparono e la resero nuovamente indipendente, grazie in particolar modo alla scoperta del carbone e la relativa attività estrattiva.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Idea di viaggio, ecco il Teatro Romano di Saragozza

Cosa vedere a Leon

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Leon partendo da Calle Ancha, la principale via della città e tratto di unione tra la Piazza Santo Domingo e la Cattedrale. E’ una tra le vie panoramiche più interessanti tra tutte quelle spagnole, ricca di negozi, ristoranti e locali di ogni tipo. La sera, quando i negozi chiudono, la via diventa tra le più trafficate in assoluto, quasi affollata tra turisti e abitanti che passeggiano alla ricerca di come trascorrere la serata.

La Cattedrale di Leon

Cosa vedere a Leon, Cattedrale
Leon, Cattedrale

Chiamata Pulchra Leonina, la “bella leonessa“, per la sua incredibile bellezza, la Cattedrale risale al 13° secolo ed è a tutti gli effetti il cuore religioso di Leon. Edificata in stile gotico spagnolo, la sua facciata dispone di un rosone radioso e da tre porte di ingresso. L’ingresso principale è invece decorato con una rappresentazione dell’Ultima Cena, e una volta entrati le sue meravigliose vetrate sapranno accogliervi, specie se in una giornata di sole, in modo meraviglioso.

Cosa vedere a Leon, la CattedraleDa non perdere gli stalli gotici realizzati nel XV secolo e la pala d’altare neogotica, posta nell’altare maggiore.
Agli inizi del XIV secolo è stato invece costruito il chiostro, una aggiunta rispetto al progetto originario. Anche qua, oltre che in tutta la chiesa, sono presenti numerose tombe tra cui quella del vescovo don Rodrigo.
Sempre nel chiostro meritano gli affreschi del XV secolo che completano la collezione che il museo della Cattedrale dispone.

location_icon onemagPlaza Regla, s/n, 24003 León

 

Altri edifici religiosi

Cosa vedere a Leon, Basilica
Basilica di San Isidoro

Oltre alla Cattedrale, sono numerosi gli edifici religiosi presenti in città.

Tra i tanti meritano essere visitati la Basilica di San Isidoro, una chiesa romanica edificata nell’XI secolo al cui interno troviamo una serie di affreschi di notevole importanza. La sua posizione è elevata, posizionata infatti dove un tempo aveva sede un tempio romano dedicato a Mercurio. Intitolata a Sant’Isidoro di Siviglia, un tempo arcivescovo di Siviglia le cui spoglie sono custodite al suo interno, la Basilica offre anche un piccolo museo dedicato all’arte medievale con oggetti religiosi preziosi tra cui una Bibbia risalente al 960.

location_icon onemagPlaza de San Isidoro, 4, 24003 León

 

Anche il Convento di San Marcos de León, uno tra i più grandi complessi costruito in stile rinascimentale nel periodo tra il XVI e il XVIII secolo, è da inserire tra le cose da vedere a Leon. Mentre in passato fu un convento in cui veniva offerto ricovero per i pellegrini, oggi è un albergo di lusso della catena Parados. La chiesa del convento ha una pianta a croce con tre navate a stella.

location_icon onemagPlaza San Marcos, 6, 24002 León

OneMag-logo
Link-uscita icona  A colpo d’occhio, guida alle principali attrazioni di Barcellona

Plaza Mayor

Cosa vedere a Leon, Plaza MayorPasseggiate per Leon alla ricerca di Plaza Mayor, la piazza sede del Municipio e di tutti gli eventi che coinvolgono gli abitanti della città. E’ la piazza anche dedicata agli avvenimenti gastronomici (nel 2018 Leon è stata decretata come Capitale Spagnola della gastronomia) e la sola visita assicura una panoramica storica, essendo a sua volta una delle più antiche piazze spagnole.

Non troppo distante troverete anche la Plaza de San Marcelo, dove avrete modo di ammirare la Casa Botines, una delle opere di Antoni Gaudì fuori da Barcellona, una costruzione del 1892 realizzato in stile medievale con le sue graziose torri.

Ma le attrazioni sono davvero tante. Fate una tappa presso l’Ufficio del Turismo Municipale per raccogliere tutte le informazioni e gli orari di apertura delle attrazioni. Se invece volete visitare qualcosa fuori dai consueti circuiti turistici cercate la Farmacia Alonso Nuñez, posta al civico numero 3. E’ una delle farmacie più storiche di tutta la Spagna, nata nel lontano 1827, e i suoi interni sono rimasti praticamente come allora.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Viaggio in Europa per scoprire il fascino di incontrare nuove culture

Palacio de los Guzmanes

Cosa vedere a Leon, Palacio de los Guzmanes
Leon, Palacio de los Guzmanes

Nel cuore della città, il Palacio de los Guzmanes è uno degli edifici simbolo della città.
Il suo nome ricorda la sua proprietà, la famiglia dei Guzmanes, potente quanto temuta famiglia di Leon. La sua costruzione ha sostituito un precedente palazzo, sempre di proprietà dei Guzmanes, che era diventato oramai inadatto allo scopo. Venne iniziato nel 1560 e, dopo 12 anni, lasciato incompiuto.

Rimasto tale per secoli, fu l’amministrazione a prenderne possesso nel 1882 e solo nel 1977 concluso, ampliandolo notevolmente rispetto al progetto iniziale. Oggi è sede del governo della città e al suo ingresso avrete modo di ammirare una porta decorata risalente al XVI secolo con tanto di stemma della famiglia a suo tempo proprietaria.
Salendo troverete invece il balcone presidenziale, oggi quasi completamente occupato da bandiere, posto esattamente sopra all’ingresso. All’ultimo piano merita invece la galleria con archi a vetro che affacciano sulla piazza.

location_icon onemagCalle Ruiz de Salazar, 2, 24002 León

 

prezzi_icona onemagIngresso gratuito

 

Orario_icona onemagDa Ottobre a Giugno dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14.30 e dalle 16.30 alle 18.30. Weekend chiuso.
Da Luglio a Settembre aperto tutti i giorni, weekend compresi, dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 20.

Icona webSito ufficiale

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Conoscete le 10 città d’Europa più apprezzate per la loro movida? Eccole...

Museo de Arte Contemporáneo, MUSAC

Cosa vedere a Leon, Spagna

Concludiamo il nostro viaggio tra le cose con le cose da vedere a Leon con il Museo di arte contemporanea di Castilla y León, aperto dopo tre anni di intenso lavoro nel 2005.
La sua progettazione l’ha reso immediatamente il vero fiore all’occhiello di León, grazie anche a un investimento importante, oltre 30 milioni di Euro. Le sue cinque sale espositive sono completamente versatili e si possono adeguare alle mostre in programma.

Al suo interno sono presenti patii e un giardino che, a sua volta, si adegua sempre alle esposizioni presenti. Il museo è uno degli spazi artistici più dinamici di tutta la Spagna e qua si ammirano le tante opere, temporanee, tra cui quelle di fotografia spagnola o mostre a respiro internazionale in cui viene fatto largo uso di strumenti multimediali.
La sua collezione permanente è in continuo sviluppo e tornarci, di tanto in tanto, permetterà sempre di ammirare qualcosa di nuovo.

Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre 2020


 

Condividi su: