Condividi su:

Cosa vedere a Lech

Tutti gli articoli dell’Austria

icona-articoloInnevata per gran parte dell’anno, incastonata tra le alture delle Alpi austriache, nell’estremo ovest del paese troviamo Lech, una piccola ed elegante città di poco meno duemila residenti. Apprezzata in inverno per la sua strategica posizione per i comprensori sciistici, Lech è una località vacanziera sempre più in voga per le settimane bianche.

La città si presenta con un piccolo centro abitato sviluppato lungo le rive dell’omonimo fiume Lech, nel Land Vorarlberg. È una località raffinata e consigliata a chi ama il benessere, con resort lussuosi e appartamenti di alto livello.
Ecco cosa vedere a Lech in Austria.

Cenni storici

Mappa di Lech
Mappa di Lech

La storia di Lech ci riporta indietro nel tempo sino al XIV secolo, periodo di fondazione. I suoi coloni furono dei migranti provenienti dal canton Vallese, in Svizzera, e fino al XIX secolo era conosciuta con il toponimo di Tannberg. Il cambio di nome fu graduale: passò a chiamarsi Tannberg am Lech, finché non ottenne il suo attuale nome.

Il centro abitato storico sorse attorno alla storica chiesa di St. Nicholas, fondata indicativamente alla fine del 1300. La chiesa costituì la parrocchia del distretto amministrativo di Tannberg. Oggi la città si è sviluppata perlopiù grazie alle piste sciistiche, che portarono consistenti investimenti economici nel settore turistico.

OneMag-logo
Link-uscita icona Hallstatt, il paradiso tra i monti dell’Austria

Cosa vedere a Lech

I comprensori sciistici

Cosa vedere a Lech, panorama

Il nostro viaggio tra le cose da vedere a Lech comincia dalla sua più celebre caratteristica: le piste sciistiche. La cittadina è infatti protagonista di un’efficiente rete di impianti di risalita che la connettono con i vicini borghi di ZürsSt ChristofSankt Anton Stubai. Sono disponibili scenografiche discese adatte a tutte le esperienze, con panorami spettacolari, tracciati adrenalinici e sentieri più tranquilli, perfetti per godersi attimi di relax completo.

L’intero contorno di Lech si compone di seggiovie, funivie e skilift, spesso descritte come le migliori dell’Austria. Le più note e importanti piste sciistiche possono essere raggiunte facilmente mediante la funivia Schlegelkopf, che parte dal centro città di Lech.

Lech è innevata per gran parte dell’anno. Le prime nevi iniziano a comparire già in ottobre, mentre si sciolgono sino ai primi calori primaverili. Se l’inverno regala un suggestivo paesaggio innevato, quasi pittoresco, l’estate invece offre estesi territori verde smeraldo, ricchi di pascoli e sentieri escursionistici. Soprattutto negli ultimi anni Lech inizia a essere apprezzata anche dal turismo estivo, grazie alla ricca proposta di attività outdoor, che coinvolgono l’equitazione e il ciclismo, oltre che alle classiche passeggiate.

OneMag-logo
Link-uscita icona Bregenz | Cosa vedere nel capoluogo del Vorarlberg

Attrazioni di Lech

Attrazioni di Lech

Tra le cose da vedere a Lech consigliamo di visitare il lago di Spullersee, ubicato a 1800 metri sul livello del mare e facilmente raggiungibile dal centro città. Il lago dalle tonalità cristalline è contornato da un ricco bosco di alberi di rododendro, che si estendono sino a raggiungere il vicino lago di Formarin. Il lago di Formarin è inoltre meta apprezzata per gli appassionati di pesca, grazie alle ricche colonie di trote e salmerini.

La città è stata più volte immortalata in alcuni film e romanzi. Tra questi si cita il film Il Diario di Bridget Jones 2, del 2004, e il romanzo del 1949 The Eye of God, di Ludwig Bemelmans.

In città merita visitare la chiesa di St. Nicholas, caratterizzata dal suo stile gotico, fondata nel 1390 e ampiamente rimaneggiata nel 1987. L’edificio religioso offre dei pregevoli dettagli interni rococò, implementati alla fine del XVIII secolo, e il campanile di 33 metri, coronato dalla caratteristica cima a ‘cipolla’.

Concludiamo il nostro viaggio tra le cose da vedere a Lech presso la Huber House, realizzata nel 1590 e oggi trasformata in museo. Al suo interno si possono osservare dei tipici ambienti domestici utilizzati in passato. Si passa dalla cucina ai laboratori artigianali, con aree in cui sono ospitate varie opere scultoree a grandezza reale dell’artista Antony Gormley.


 

Condividi su: