Le top 5 destinazioni europee per i motociclisti

Niente di meglio, con la bella stagione, rispolverare la propria moto e andare liberi alla scoperta di nuovi orizzonti. Scopriamo le 5 migliori destinazioni europee.

Esploriamo l’Europa in motocicletta

Niente di più bello, per gli amanti della moto, salirvi a bordo e sentirsi liberi di esplorare territori mai visitati in precedenza e che con la macchina risultano decisamente meno attraenti da visitare.

Abbiamo provato a stilare una top 5 con le migliori destinazioni in Europa da visitare a bordo della nostra due ruote.

Tenerife

Siamo a poche miglia delle coste del Marocco nelle Canarie, territorio spagnolo.
Qui troviamo temperature più miti in ogni momento dell’anno, a Gennaio la media è quella di 17° e non dovremmo avere problemi a visitare l’isola anche nei periodi per noi decisamente più freddi.

Tenerife è un’isola vulcanica scolpita da successive eruzioni nel corso della sua storia, sarebbe sciocco non iniziare con un giro su El Teide – il terzo più grande vulcano attivo al mondo.

Niente male anche l’idea di provare a percorrere il nord di Tenerife. Puoi guidare verso l’alto nord di Tenerife: il tragitto da Las Mercedes a San Andrès è meno turistico ma offre una strada infinitamente curvante che ti porta attraverso il Parque Natural de Anaga.

Il panorama sarà estremamente diverso rispetto alla zona vulcanica, ma troverete ampie zone montuose incastonate in campi e boschi.
Un viaggio davvero emozionante.

Grecia

Le top 5 destinazioni europee per i motociclisti

La Grecia è conosciuta per l’Ouzo, distillato che raggiunge i 50° alcolici, per la sua storia e per il mare spesso incontaminato con decine di isole ognuna con una sua storia, un suo paesaggio ed un percorso nuovo da scoprire.

Proviamo a pensare di visitare Cefalonia. Siamo nel Mar Ionio con baie sabbiose e paesaggi scoscesi. La sua costa è ricca di rocce e strette strisce di sabbia bianca come quella Myrtos, nella zona nord dell’isola.

A bordo della nostra moto potremmo proprio raggiungere questa o altre spiaggia il cui percorso in auto diventa proibitivo solo da immaginare.

Ottima poi l’idea divisitare Cefalonia durante il periodo estivo: potrete infatti facilmente imbarcarvi e con poche decine di euro raggiungerla per sentirvi poi liberi di esplorarla praticamente ovunque.

In inverno le temperature rimangono comunque accettabili scendendo difficilmente sotto i 15° ma potreste frequentemente trovarvi di fronte ad un acquazzone improvviso che potrebbe farvi desistere dal volerla visitare nei periodi meno convenzionali dell’anno.

Nel caso comunque non dimenticatevi di equipaggiarvi con una buona tenuta anti pioggia. Vi servirà.

Andalusia

Viaggiare in Europa con la moto

Ritorniamo in Spagna, questa volta sulla terraferma, in una delle zone dove spesso vengono proprio testate le nuove moto prima di essere immesse nel mercato.
Ma anche una volta commercializzate, l’Andalusia rimane un territorio privilegiato sia dagli esperti che dai semplici motociclisti in cerca di avventura.
Del resto la fama di questa regione spagnola è ampiamente meritata visto anche che in queste zone le giornate di pioggia sono davvero rare (generalmente non più di 5 in tutto l’inverno) ma sopratutto per i meravigliosi paesaggi che uno dopo l’altro affascinano e che fanno venire sempre più voglia di parcheggiare ed ammirare questo territorio quasi incontaminato.

Se volete farvi conquistare provate la strada che da Marbella raggiunge Ronda, la storia è davvero sotto le vostre ruote visto che questo percorso fu costruito dagli inglesi che volevano sfuggire alla calura estiva di Gibilterra per migrare, appunto, verso il clima più mite di Ronda.

La strada originale è la A377 da seguire in direzione Casares per poi virare verso la A369 da Gaucin in poi.

Se siete più temerari potrete invece optare per la più impegnativa che si estende per ulteriori 40 km da La Heredia fino a raggiungere appunto Ronda.

Durante in viaggio attenzione a non perdervi nelle maestose catene montuose con dei panorami davvero abbaglianti ricchi di canyon uno più bello dell’altro.

Per finire non mancate di riposare a Ronda, un villaggio la cui montagna è la regina incontrastata insieme al Rio Gaudalevin , il fiume che scorre interamente nella provincia di Malagà.

Prima di riposare una cenetta al Ristorante Almocabar saprà rifocillarvi in tutti i sensi.

Sicilia

Le top 5 destinazioni europee per i motociclisti

Immancabile uno sguardo in Italia dove troviamo degli spettacoli mozzafiato da percorrere affascinati a bordo della nostra moto. Proviamo a partire dal Nord dove troviamo il Parco delle Madonie che raggiungiamo da Campofelice di Rocella.

E’ un percorso storico considerando che è esattamente quello che veniva percorso durante la Targa Florio, una gara automobilistica tra le più complesse da percorrere di tutta la storia delle corse in auto.

Grazie a temperature quasi sempre ottime, 14° C la media stagionale invernale, la Sicilia risulta essere davvero un luogo fiabesco da percorrere tutto l’anno e grazie alla poca presenza di turismo durante il periodo più freddo i mesi autunnali e primaverili sono davvero i migliori da scegliere.

Mallorca

Ancora una isola e ancora Spagna.

Siamo a 250 km dalla Spagna continentale dove troviamo una delle isole più esotiche del Mediterraneo con i suoi paesaggi immersi nel verde e le sue coste meravigliosi e con un fascino interamente da scoprire.

Come tutte le isole del Mediterraneo l’estate è calda e secca e anche l’inverno è decisamente mite.

L‘isola è prevalentemente montuosa e questo dà luogo a diverse condizioni climatiche in base alla posizione: i venti provengono da nord-ovest, quindi il sud-est tende ad essere più caldo e secco, ma con 300 giorni di sole all’anno Mallorca rimane un isola sempre ricca di energia.

Da provare il montagnoso litorale costiero nord-occidentale, ovvero la strada Ma-10 da Andratx a Port de Soller ricca di tornanti e curve, alcune anche impegnative.

La mattina presto, la strada la cui lunghezza è di 60 chilometri tende ad essere piuttosto fredda e scivolosa, ma una volta abituati e aver adottato la giusta prudenza sarete premiati con una splendida vista. Ogni curva nasconde infatti una vista incredibile sulla valle, sulle montagne o sull’oceano sottostante. Brividi garantiti.

Scopri di più:

Cosa vedere a Todi
Il parco dedicato agli orsi della Svizzera

 

Condividi su: