Le strade più colorate d’Europa da visitare

Le strade più colorate d'Europa, una passeggiata fra viuzze, canali, piazze ed intere cittadine interamente dipinte. Tra le strade più colorate d'Europa citiamo due eccellenze italiane, Burano, a Venezia, e Vernazza, in Liguria. Altre strade colorate in Europa le troviamo Calpe in Spagna, Rue Crémieux a Parigi, Longyearbyen in Norvegia e Reykjavik in Islanda. Scopriamo alcuni di questi luoghi colorati.4 min


0
42 shares
Strade Colorate Europa

A passeggio per le strade più colorate

Che siate in un piccolo villaggio oppure in una storica capitale siamo certi che, passeggiando, potreste aver notato un angolo o anche una intera via particolarmente colorata. Pace, serenità o buonumore, qualunque sia la sensazione che avete provato, in Europa ci sono davvero tanti luoghi da scoprire. Scopriamo alcune delle migliori strade colorate d’Europa.

Le migliori strade colorate d’Europa

Burano, Venezia

Burano, Venezia

Siamo nella laguna veneziana e tra le tante case dei pescatori impossibile non notare un ricco colore che è il comune denominatore di tutta l’isola. I colori sono assolutamente rigorosi nella loro combinazione al punto che per cambiare il colore di una casa occorre chiedere il permesso.
Il tutto regala un colpo d’occhio davvero unico ed affascinante.
Di Burano abbiamo parlato anche in questo articolo.

Calpe, Spagna

Le cittù più colorate in Europa, Calpe

La sua costruzione risale tra il 1968 ed il 1973 ed è un labirinto architettonico ispirato ad alcune forme che richiamano il passato. Dalle sue ispirazioni simili ad una casbah ad un sapiente gioco degli spazi, accedere alla Muralla Roja di Calpe non può lasciare indifferenti.
Siamo a Calpe, vicino ad Alicante, dove l’architetto Ricardo Bofill ha saputo creare qualcosa di assolutamente nuovo ed ispirandosi al passato, come descritto, realizzare qualcosa di assolutamente contemporaneo.

Rue Crémieux, Parigi

Rue Crémieux, Parigi

A pochi passi dalla Gare de Lyon e contemporaneamente nascosta al grande flusso di parigini e turisti, la rue Crémieux è una delle strade più particolari di Parigi. Passeggiare in questa via significa essere avvolti dai suoi colori e dalla sua originalità.
La rue Crémieux nasce nel 1857 con il nome di Avenue Millard e solo visitandola si potrà ammirare l’elegante autenticità. Il vantaggio poi che sia chiusa al traffico automobilistico porta ad abbandonarsi ancora di più tra i suoi tanti colori. Prendete il giusto tempo ed ammirate gli antichi orologi e le insegne dei negozi che vi porteranno indietro di un paio di secoli nel tempo.
E, a proposito di gatti, ammirate i disegni di gatti neri che controllano le abitazioni come unici custodi del tempo che qua, fortunatamente, sembra non essere trascorso.

Sighișoara, Romania

Città colorate in Europa, Sighișoara, Romania

All’interno della Transilvania, sul fiume Tarnava, troviamo Sighișoara, una cittadella medievale molto ben conservata e dalla lunga storia. Se vi troverete da queste parti ammirate le strade lastricate, eredità romana che per primi ci hanno vissuto, e le strade colorate con i tetti storici risalenti al XVI secolo.
Naturalmente non sono le uniche cose da vedere a Sighișoara ma rimane indubbiamente un angolo colorato davvero molto interessante da ammirare.

Colmar, Francia

Le città più colorate in Europa, Colmar

Le sue strade sono fatte di ciottoli e le sue case sono a graticcio con la particolarità di essere riccamente colorate. Siamo nell’Alsazia dove troviamo quella che viene definita la ‘Piccola Venezia’ e considerata una delle più belle città in Europa.
Passeggiare per questa località fiabesca vi permetterà di assaporare le due grandi architetture con cui è realizzata. Oltre alla francese, infatti, troverete ampi spazi di architettura tedesca sapientemente conservati. Colmar è meravigliosa ovunque ma non dimenticatevi di visitare la cattedrale gotica del tredicesimo secolo e il quartiere La Petite Venise.

Longyearbyen, Norvegia

Le città più colorate in Europa, Longyearbyen

Quasi nascosta all’interno del circolo polare artico,  Longyearbyen è il centro abitato più a nord del mondo. Qui si viene ad osservare il fenomeno dell’aurora boreale, anche se ci troviamo davvero in un posto quasi dimenticato. Siamo nell’arcipelago delle Isole Svalbard, a meno di un migliaio di chilometri dal Polo Nord e pare che qui l’unico che lavora davvero tanto è il postino.
Ogni anno, infatti, sono migliaia le letterine che arrivano da ogni parte del mondo indirizzate a Babbo Natale che pare abbia casa anche qui, oltre che a Drobak ed altre residenze in giro per Lapponia e dintorni.

Reykjavik, Islanda

Città più colorate in Europa, Reykjavik, Islanda

Siamo nella capitale più a nord del mondo posta su una piccola penisola circondata dalle nevi perenni e le gelide acque dell’Atlantico. Qui troviamo Reykjavik, nota anche per le sue sorgenti termali e città iper colorata.
Si dice che gli abitanti per superare i lunghi periodi buii invernali, abbiano deciso di dipingere ogni casetta per dare della luce nelle vie cittadine.
Sicuramente è una capitale fuori dagli schemi, questo era già ben chiaro, ma merita indubbiamente una visita per assaporare uno stile di vita decisamente molto lontano dal nostro.
E, ne siamo quasi certi, ve ne innamorerete.

Vernazza, Liguria

Città più colorate in Europa, Vernazza

Anche se praticamente l’intera Riviera Ligure abbonda di colori, Vernazza ha la particolarità di avere tutti gli edifici con una vivace tonalità di arancio e di giallo, il coloro dell’estate. Ma è anche il colore del mare, che qua è proprio ovunque si cammini.
Di Vernazza si dice, come per Burano del resto, che erano proprio i pescatori a volerle dipinte per poterle notare al loro rientro dal mare. Più probabilmente il loro colore è stato creato per dare un tocco in più necessario per spingere ulteriormente il turismo di quest’angolo delle Cinque Terre.

Qualunque sia la vera ragione, oggi Vernazza rimane uno dei luoghi idilliaci della Riviera Ligure in cui trascorrere un sereno periodo di vacanza.

Nyhavn, Copenaghen  

Le città più colorate in Europa, Nyhavn

Tra i luoghi più affascinanti della capitale danese troviamo indubbiamente il vecchio porto di Nyhavn, uno scorcio di città in cui ci si ritrova per una passeggiata, bere qualcosa o semplicemente scambiare due chiacchiere.
Dopo la sua chiusura del 1950, essendo subentrato il Porto Nuovo, questo quartiere è diventato tra i più frequentati di tutta Copenhagen.
Proprio qua è possibile ammirare le classiche casette in stile danesi, naturalmente colorate, che sembrano quasi assemblarsi con le barche in legno poste sulle sponde.
Se passate da queste parti ammirate anche le taverne ed i locali che sono presenti lungo tutto il perimetro della riva, il vero ritrovo degli amanti di Copenhagen. Ancora prima ammirate l’enorme ancora, proprio all’inizio del canale, un monumento eretto in onore dei tanti marinai che durante la Secona Guerra Mondiale persero la vita.

Poznan, Polonia

Le città più colorate in Europa, Poznan

Poznan, siamo in Polonia dove troviamo la Piazza del Mercato circondata interamente da case di commercianti. Oggi la Piazza non ospita più alcun mercato e di conseguenza le abitazioni non hanno più i commercianti locali come inquilini, ma le abitazioni sono rimaste colorate. Ogni facciata ha una tonalità che ricorda lo stile mediterraneo, dall’azzurro al verde, dal rosso al giallo e cosi via.
La piazza oggi è diversa rispetto allo stile originale: durante la Seconda Guerra mondiale l’intero territorio venne distrutto dai bombardamenti ed è stato ricostruito in seguito. Oggi quindi ciascun edificio è differente rispetto al passato e ogni dettaglio è stato ricreato secondo l’esigenza dei nuovi proprietari.
Rimane ad ogni modo importante il fascino di una piazza che porta un tono di colore e di allegria a chiunque si trovi a passeggiare.


Like it? Share with your friends!

0
42 shares