Le 10 migliori città da scoprire in Cambogia

Tutti gli articoli della Cambogia


Icona articolo onemagNell'Asia sud-orientale troviamo la Cambogia, ufficialmente Regno di Cambogia, al confine con Laos, Vietnam e Thailandia. Sono circa 181,000 i chilometri² che compongono un territorio noto per la presenza dell'Angkor Wat, il tempio poco distante da Siem Reap. Il territorio infatti offre numerosi siti antichi che contrastano piacevolmente con spiagge paradisiache, territori naturali e anche aree urbane altrettanto affascinanti.

Nelle quattro regioni morfologiche in cui la Cambogia è suddivisa, quella meno sviluppata e la zona orientale, quella che confina con Laos e Vietnam. Diverse le città della Cambogia presenti nella zona centrale e in quella nord occidentale, il confine naturale tra la Cambogia e la Thailandia. Nella parte più meridionale troviamo invece oltre 400 chilometri di coste, quelle del Golfo della Thailandia. Siamo quindi pronti a scoprire e conoscere le 10 città della Cambogia da visitare?

 

Le città della Cambogia

Numero 10 (dieci) onemag

Poipet

Le città della Cambogia, PoipetIniziamo il nostro viaggio tra le principali città della Cambogia con Poipet, la città di confine per eccellenza, quella che consente di arrivare in Thailandia.

La meta è particolarmente nota per i suoi casinò, probabilmente l'unica vera attrazione della città, un luogo che attrae turisti e visitatori proprio per il divieto del gioco d'azzardo presente in Thailandia. Ma Poipet è anche studiata per coloro che vogliono acquistare qualcosa, per gli irriducibili amanti dello shopping che qua potranno scegliere tra negozi e centri commerciali. Oltre per acquistare un souvenir, quasi d'obbligo, approfittatene per acquistare praticamente di tutto a prezzi particolarmente convenienti.

Se però siete da queste parti per visitare la Cambogia, allora meglio scegliere un tuk tuk e salire per scoprire quella che è l'anima cittadina più tradizionale. Tra questi merita proprio il piccolo stabile di frontiera, quello che vi permetterà di accedere dall'altra parte della dogana, in Thailandia. Da Poipet, se avete deciso di trascorrere qualche giorno, potrete facilmente raggiungere Battambang, che vedremo in seguito ma anche per visitare il Roneam Daun Sam Wildlife Sanctuary, l'area protetta dedicata all'ambiente e alla fauna.

Prima di lasciare la cittadina non mancate di visitare uno degli innumerevoli mercati, dove avrete modo di interagire con gli abitanti, sempre sorridenti e molto accoglienti. Naturalmente, tanto che ci siete, approfittate per gustare qualche piatto locale in una delle tante economiche bancarelle.

 

Numero 9 (nove) onemagKep

Le città della Cambogia, Kep

Meta forse ancora più nota tra le città da visitare in Cambogia è Kep, nel sud del paese.

Scelta dalla classe più abbiente come luogo di riposo durante il periodo pensionistico, qua si viene per il mercato del pesce, tra i più forniti. In passato Kep era anche turisticamente piuttosto visitato ma dagli anni '70 a oggi il suo tramonto è stato quasi inesorabile. Questo perchè di fatto non esiste un vero e proprio centro storico e le sue tante ville lussuose, quelle acquistate dalla classe dirigente in cerca di relax, oggi sono praticamente abbandonate a sé stesse. Oggi però si assiste a una lenta ripresa turistica, grazie a spiagge che accolgono nuovi turisti ma anche per gli appassionati proprio del pesce.

Tra le caratteristiche che spingono quaggiù molti cambogiani, troviamo i Crab Market, posto giusto affiancato al più tradizionale mercato del pesce. Il granchio qua venduto, preparato e cucinato è tra i migliori che probabilmente avrete mai mangiato, realizzato con una serie di innumerevoli varianti. E' anche il mercato di altri molluschi, come calamari e gameri, ma inutile dire che sono i granchi che attirano le maggiori attenzioni.

Se il vostro desiderio di escursione è sempre acceso, allora a Kep potrete anche visitare il Parco Nazionale, una piccola area protetta ben organizzata. Aiutati dalle guardie forestali che qua stazionano, potrete percorrere uno dei tanti sentieri tra cui merita il Zeppelliano momento di Stairway to Heaver, il sentiero che sale su una collina dove in cima troverete un convento di monache. Lo sguardo, una volta sopra, potrà spaziare fino al non lontano Vietnam.

Se invece preferite rilassarvi, le spiagge e i ristoranti sul mare sapranno accogliervi anche per praticare qualche sport outdoor ma anche per pescare o riposare in uno dei diversi bungalow fronte mare. Una volta riposati prendete nuovamente il cammino, questa volta per raggiungere il Wat Kiri Sela, il tempio buddista sulla cima del Phnom Kompong Trach, una collina ricca di grotte. Anche da qua il panorama è garantito e se siete particolarmente pronti per una vacanza attiva scegliete di arrampicarvi sulle pareti rocciose, esperienza indimenticabile.

 

Numero 8 (otto) onemag

Koh Kong

Le città della Cambogia, Koh Kong

Difficile pensare che si possa conoscere questa cittadina sperduta se non si è prima preso qualche informazione.

Tra le città della Cambogia meno note, Koh Kong è quella forse meno indicata turisticamente parlando, ma come vedremo gode di gran fascino. Luogo deputato al contrabbando, al gioco d'azzardo e alla prostituzione, oggi è molto meno pericolosa di un tempo e il suo sguardo si rivolge a un altro tipo di pubblico, quello amante dell'ecoturismo. Ci troviamo nella regione più selvaggia in assoluto del paese, la regione dei Cardamomi, ancora una volta non troppo distante dal confine thailandese, qua a meno di 8 chilometri.

Anche in questo caso la dogana thailandese ha permesso alla città di svilupparsi, essendo proprio la seconda città, dopo la già visitata Poipet, a essere scelta per varcare il confine. Sceglietela per la vicinanza del fiume Koh Poi, quello che si getta in Thailandia attraversando un imperdibile ambiente naturale. I suoi dintorni sono eccellenti e ci si potrà rilassare sulla spiaggia di Koh Yor, pochi chilometri al confine con la Thailandia ma anche rimanere nel nucleo urbano e visitare il mercato di Dong Tong, ottimo per la sua scelta di frutta fresca e di varie preparazioni tipiche.

In tema ecoturismo, di cui la città sta lentamente indirizzando il suo flusso turistico, merita uno sguardo la cascata sul fiume Tatai, una ventina di chilometri dal centro urbano o anche una visita alla foresta di Mangrovie, quest'ultima meno distante rispetto alle cascate. Altra cascata che può essere interessante da visitare è quella di Kbal Chhay Prek Koh, una ventina di chilometri da Koh Kong e perfettaper un bagno rinfrescante. Concludete infine visitando la Koh Kong Island, la quarta isola più grande della Cambogia dove si potrà concludere una piccola vacanza in assoluta serenità.

 

Numero 7 (sette) onemag

Kampot

Le città della Cambogia, Kampot

Il nostro viaggio tra le città da visitare in Cambogia prosegue a Kampot, località dalle dimensioni tutto sommato piccole considerati gli appena 50'000 abitanti, ma dall'altissimo interesse turistico. Su scala internazionale Kampot è nota per la produzione del pepe, considerato una vera eccellenza cambogiana. Focalizzandoci sul lato turistico, Kampot attira un numero sempre crescente di turisti per la sua splendida costa, caratterizzata da litorali sabbiosi e acque turchesi.

Nonostante Kampot possieda tutte le caratteristiche da destinazione turistica di punta e il traffico di turisti internazionali sia effettivamente in crescita, è ancora immune al turismo di massa. Difatti, Kampot con la sua privilegiata posizione sul Golfo di Thailandia, offre ai propri visitatori un tratto di paesaggio incontaminato e sorprendentemente affascinante. Se estendiamo la nostra fascia di interesse all'intera Provincia di Kampot le opportunità turistiche incrementano a dismisura. Trattandosi infatti di un territorio fluviale, la Provincia di Kampot è caratterizzata da vasti paesaggi rigogliosi e lussureggianti, capaci di immergere gli amanti dell'escursionismo in luoghi di bellezza incommensurabile.

Kampot si presenta come un tipico esempio di città coloniale, nata come centro portuale, caratteristica che permise di alimentare l'economia locale per secoli, fino alla fondazione di Sihanoukville nel 1959, che la mise in secondo piano. In tempi recenti è riuscita a riscattarsi grazie al turismo, in particolare quello ecologico, trasformandosi nel principale punto di partenza per esplorare il Parco Nazionale di Bokor e la costa orientale della Cambogia.

 

Numero 6 (sei) onemag

Kratie

Le città della Cambogia, Kratie

Quella di Kratie è una località dall'atmosfera rilassata, dai ritmi lenti e dal fascino autenticamente cambogiano. Situata sulla sponda destra del fiume Mekong, Kratie è il principale centro abitato di un vasto territorio scarsamente popolato e quasi interamente ricoperto da foreste incontaminate. Kratie è la meta perfetta da scegliere se ci si vuole avventurare nei lussureggianti e fertili paesaggi del Mekong e nei piccoli villaggi dove lo stile di vita è immutato da decenni.

Il turismo di massa a Kratie è un fenomeno del tutto inesistente, e la stessa presenza di viaggiatori stranieri è pressoché una rarità, complice anche il lungo viaggio che occorre programmare per raggiungere la cittadina. Tuttavia, i locali accolgono i viaggiatori con gran gioia, offrendo a loro uno sguardo all'autentica genuità della popolazione cambogiana. È molto recente lo sviluppo cittadino, sia urbanistico che architettonico, incentrato sull'accoglienza turistica. La costruzione di strade asfaltate stanno trasformando Kratie da luogo di frontiera a tappa obbligata, per chi vuole avventurarsi nel nord-est della Cambogia.

 

Numero cinque (5) OneMag

Battambang

Le città della Cambogia, Battambang

Non lontano dal confine con la Thailandia troviamo la città di Battambang, un luogo dai forti contrasti, dove si passa dall'assordante caos al silenzio più assoluto nell'arco di qualche isolato. Anche Battambang è una città ancora immune dal turismo, nonostante sulla carta si presenti come una versione in miniatura della caotica capitale della Cambogia, Phnom Penh. Battambang è una città dove il tempo si è fermato, dove i ritmi di campagna e tradizioni secolari sono ancorate tra la popolazione locale.

Ma anche in questo caso Battambang si dimostra una città di contrasti. Infatti, se la popolazione risulta legata allo stile di vita di altri tempi, l'urbanistica è invece più contemporanea e sotto certi aspetti anche industrializzata. Ai margini della città, attraversata dal fiume Sangker, si estendono vaste distese di risaie e pianeggianti campagne verdi, in cui immergersi nella Cambogia meno conosciuta e più autentica.

Battambang si trova nel cuore centrale della Cambogia e, pur essendo la seconda città più popolosa del Paese, ha conservato un’atmosfera rilassata, immersa com’è in uno scenario di verdi risaie e pianure rese fertili dal vicino lago Tonle Sap. La città ha una storia ricca, che passa dalle origini leggendarie della sua fondazione nell’XI secolo, al periodo coloniale francese, agli anni in cui è diventata governatorato del Siam, fino a quelli recenti in cui è stata roccaforte delle milizie dei Khmer Rossi.

 

Battambang e il suo treno di bambù

Battambang e il suo treno di bambù

Battambang e il treno di bambù

Tutti gli articoli della Cambogia
Battambang, mappaicona-articoloCi troviamo a Battambang, la seconda città...

Numero 4 (quattro) OneMag Banlung

Le città della Cambogia, Banlung

 

Il nostro viaggio tra le città della Cambogia ci porta alla cittadina di Ban Lung, spesso scritta senza interruzione, a oltre 600 chilometri dalla capitale Phnom Penh, nella provincia remota del Ratanakiri. La regione è tra quelle più importanti della Cambogia per la sua biodiversità biologica in un territorio formatosi milioni di anni fa che oggi si ritrova nella sua caratterista terra color rossastro.

Nella zona più a ovest del territorio troviamo il capoluogo di provincia Ban Lung, il centro abitato più popoloso di tutta la provincia che richiama i suoi visitatori all’interno del tradizionale mercato, il luogo in assoluto più frequentato della città. Non sono molte infatti le cose che si possono fare in questa zona remota della Cambogia raggiungibile quasi esclusivamente in jeep, mezzo ideale per percorrere le poche strade della zona più settentrionale del paese, quasi al confine con il Vietnam e con il Laos.

 

Numero 3 (tre) OneMag

Sihanoukville

Le città della Cambogia, Sihanoukville

Sihanoukville è la terza città della Cambogia, nota su scala internazionale per le sue splendide spiagge sabbiose e per lo stile di vita tradizionalista, che negli ultimi anni è diventata protagonista di una notevole trasformazione urbanistica. Quella che era una rilassante località balneare, meta di backpackers e viaggiatori indipendenti, dal 2018 ha subito un profondo cambiamento. Il governo cambogiano, diretto da oltre 35 anni dal primo ministro Hun Sen, ha aperto le porte della cittadina al programma cinese Belt and Road “La Nuova Via della Seta”. Programma di vasta portata che prevedeva massicci investimenti economici in infrastrutture, per esempio strade, ponti e parchi, come anche però luoghi d'interesse turistico, come casinò, hotel e centri commerciali. L’auspicio del premier cambogiano era quello di una modernizzazione di Sihanoukville e del suo territorio, che fungesse da volano per l’economia e il turismo.

Il risultato è stato un restyling edilizio che ha modificato enormemente il profilo urbano della città. Sihanoukville, dopo essere stata per tre anni un grande cantiere a cielo aperto, oggi si presenta come una città moderna, percorsa da ordinati boulevard intervallati da ponti, piazze e monumenti, che offre ai suoi visitatori uno skyline avveniristico.

 

Numero 2 (due) OneMag

Siem Reap

Le città della Cambogia, Siem Reap

Siem Reap è una località rinomata nel Nord-ovest della Cambogia, è il punto di partenza per  visitare le rovine di Angkor, sede del regno Khmer tra il IX e il XV secolo. Il grande complesso di Angkor, caratterizzato da edifici in pietra lavorata, ha in Angkor Wat il tempio principale, come è rappresentato anche nella bandiera nazionale. Ad Angkor Thom, invece, volti giganteschi e misteriosi sono scolpiti nel tempio Bayon

Nell’area nord occidentale della Cambogia troviamo Siem Reap, poco più di 170.000 abitanti, posta sulla sponda settentrionale del Lago Tonle Sap. La seconda città della Cambogia è particolarmente nota per essere il punto ideale di partenza per visitare il tempio di Angkor, l’eccezionale testimonianza dell’impero Khmer che per oltre 6 secoli regnò nel sud-est asiatico.

La città, in pienissimo sviluppo economico e demografico, si presenta da una parte come una città moderna e con uno skyline composta da grattacieli recentissimi, dall’altra invece con quartieri che richiamano la tradizione più pura, con quartieri risalenti allo scorso secolo, ricchi di negozi e ristoranti. Siem Reap è quindi una meta da scoprire sia nel suo nucleo urbano ma anche come altro punto di partenza, quello che vi porterà alla scoperta del suo lago, il Tonle Sap, il secondo lago d’acqua dolce più grande del sud-est asiatico.

 

 

Numero 1 (uno) OneMag

Phnom Penh

Le città della Cambogia, Phnom Penh

Phnom Penh è la caotica capitale cambogiana, metropoli di quasi due milioni di abitanti posta nella parte centro-meridionale dello stato. La sua posizione è sulle sponde del maestoso fiume Mekong godendo di un territorio davvero unico garantito dalla confluenza degli altri due fiumi, il Bassac e il Tonle Sap. Parliamo dei principali corsi d’acqua del paese, utilizzati come trasporto merci e persone. Al vostro arrivo vi ritroverete catapultati nella frenesia della città, migliaia di moto che contemporaneamente si spostano tra le altrettante autovetture, rendendo Phnom Penh una delle città più rumorose in assoluto. Tuttavia è proprio questa la caratteristica principale della capitale della Cambogia, una città in continuo fermento che si muovono in ogni direzione, spesso verso uno dei tanti mercati di pesce appena pescato.

Nota come perla d’Asia, Phnom Phen è il punto di riferimento del turismo, una meta che nonostante tutto riesce a essere rilassante e, probabilmente insolitamente viste le premesse, una delle città più pulite, perfettamente in linea con gli standard asiatici più elevati.

 

 

 

Cosa vedere a Siem Reap, la seconda città della Cambogia

Cosa vedere a Siem Reap, la seconda città della Cambogia

Cosa vedere a Siem Reap, Cambogia

Tutti gli articoli della Cambogia

Cosa vedere a Siem Reap, mappa
© Apple Maps
<img class="alignleft size-full wp-image-30750" src="https://www.onemag.it/wp-content/uploads/2019/04/Icon-articolo.png"...

 

Continua a scoprire la Cambogia: