Guida di viaggio alle Cascate Iguazù

Tutti gli articoli dell’Argentina

icona-articoloAl confine tra tra lo stato brasiliano di ⇒ Paranà e Missiones in Argentina, non troppo distante nemmeno dal Paraguay, sorgono le cascate di Iguazu. Sono ben 275 cascate, distribuite lungo un territorio a pochi chilometri dal fiume Iguazu, lo stesso che delimita il confine tra l'Argentina e il Brasile. Annoverate dall'UNESCO come Patrimonio Mondiale dell'Umanità, il complesso delle Cascate Iguazu è lungo circa 3 chilometri con salti d'acqua che arrivano a 70 metri di altezza. Circondate da una natura quasi selvaggia, le Cascate di Iguazu attirano ogni anno quasi 2 milioni di appassionati che possono scegliere anche di alloggiare in una delle diverse strutture ricettive della zona, all'interno del territorio che comprende la cascata più grande al mondo.

 

Come esplorare le cascate Iguazu

Le cascate Iguzu, veduta

Annoverate tra le nuove sette meraviglie del mondo naturali, le Cascate di Iguazù sono da visitare principalmente tra dicembre e gennaio, l'estate australe, periodo in cui il fiume gode del maggior volume di acqua, circa 800 volte la media annuale.

Se volete programmare un viaggio per visitarle, considerate di dedicarle almeno un paio di giorni, visitando anche i suoi dintorni. Tra i luoghi da preferire subito dopo averle ammirate, il → Jardin de los Picaflores potrà rivelarsi una splendida meta, un piccolo spazio verde al cui interno vivono una quindicina di specie diverse di colibrì.

Iniziamo però a scoprire le cose da vedere e fare proprio nelle Cascate di Iguazù.

 

Giro turistico in barca, il Macuco Safari

Le cascate di Iguazu, Macuco Safari
Macuco Safari sulle cascate di Iguazu

Il metodo di esplorazione più movimentato è indubbiamente il Macuco Safari.

Preparatevi a bagnarvi e quindi vestitevi di conseguenza, meglio portando con voi una maglietta asciutta conservata in un sacchetto di plastica. Si tratta infatti di un giro in barca o meglio gommone, che farete bardati di mantella di plastica paraschizzi. Da questo gommone avrete modo di attraversare nuvole di vapore acqueo e gli arcobaleni che su di esse si formano. Il tour prevede anche un giro di un paio di chilometri all'interno della foresta a bordo di jeep elettriche, con tanto di passeggiata. Ogni barca può contenere al massimo una trentina di persone in un viaggio della durata di un paio d'ore.

I meno avventurosi potranno scegliere di ammirare i barconi dalle terrazze panoramiche o di scrutare la forza del fiume da uno dei diversi punti di osservazione disseminati nella fitta vegetazione. Il risultato finale sarà il medesimo ma naturalmente meno divertente e più sicuro. All'interno del parco e a pochi passi dalle cascate, sorge un unico albergo che solo ai propri ospiti riserva il privilegio di escursioni oltre i normali orari di visita per il pubblico come al chiaro di luna.

Macuco Safari può anche organizzare uno esclusivo viaggio di trenta minuti di puro divertimento fra amici. Altrettanto si potrà optare per la Iguaçu Explorer, una vera e propria crociera di quasi quattro ore in una comoda barca che può ospitare una quarantina di persone. Durante il viaggio farete tappa al Museo Moises Bertoni, l'istituto intitolato allo scienziato svizzero che nel 1884 scelse di stabilirsi nella foresta paraguiana. Fu lui a scoprire molta della fauna locale oggi conosciuta ma anche a raccontarci le culture in uso in questo angolo piuttosto remoto del mondo.

Visitare Kururu Kua, il capriccio della natura

Visitare Kururu Kua, il capriccio della natura in Paraguay vicino ad Ojo de Mar, significa scoprire la caverna acquatica Bella Vista Norte.

In elicottero alla scoperta del Fiume Iguazù

Le cascate di Iguazù, tour in elicottero

Altrettanto avventuroso ma indubbiamente più costoso modo di esplorare le cascate è scegliere di sorvolare il complesso di Iguazù in elicottero.

I costi sono del tutto indicativi, ma piuttosto vicini ai 5€ a persona al minuto, una tariffa non certo abbordabile per tutti ma assolutamente ben spesi per una emozione del tutto diversa dalle precedenti. I voli sono organizzati dalla → Helisul, la compagnia con sede a Foz do Iguaçu che sorvola le cascate dal lontano 1972.

Per visitarle in questa differente prospettiva, recatevi all'ingresso del Parco Nazionale dove è presente uno degli eliporti di partenza, quello successivo è invece situato più vicino alle cascate. La partenza è garantita solo con tre ospiti a bordo e la durata minima del viaggio è di 10 minuti. Sono disponibili anche tour di durata maggiore che permettono di osservare anche la diga idroelettrica di Itaipu, aperta nel 1984.

 

Akumal, la baia messicana delle tartarughe

Cosa vedere ad Akumal, una località turistica della penisola dello Yucatan nota per la baia delle tartarughe. Il periodo migliore per visitare Akumal è infatti...

Tour notturno

Le cascate Iguazù, veduta notturna

L'ultima modalità per visitare le Cascate di Iguazù è salendo a bordo di un bus notturno.

Prenotabile unicamente nelle notti di luna piena, il bus a due piani è una delle modalità più insolite per scoprire le cascate. In partenza dal Centro visitatori nel sito di Porto Canoas, il tour prevede un'aperitivo per far conoscere i partecipanti a cui fa seguito una cena con musica dal vivo. Quindi raggiunto Naipi si potrà prendere un ascensore e avvicinarsi di molto alle cascate.

San Miguel de Allende, Messico, la città coloniale messicana

Cosa vedere a San Miguel de Allende, città Patrimonio UNESCO nota per la sua incredibile bellezza, con un nucleo storico di fattura coloniale davvero eccellente....

Il Parco Naturale

Le cascate di Iguazu, il ponte tra Argentina e Brasile
Veduta sulle cascate di Iguazu

Il parco naturale che abbraccia le cascate di Iguaçu, ospita molte specie animali che costituiscono un patrimonio naturalistico molto ricco e unico nella sua varietà.

Nel parco, infatti, sono state classificate 257 specie di farfalle, 41 di serpenti e 8 di lucertole, 18 di pesci e 12 di anfibi, oltre a 45 specie di mammiferi. In questo paradiso naturale hanno trovato il proprio habitat anche specie in via di estinzione  come formichieri, lontre, alligatori e leopardi, oltre tapiri e cervi.

Un animale simile al procione che rientra tra le specie protette della zona è il coati, simbolo del parco, comunque piuttosto diffuso come i 348 tipi di uccelli che vivono qui: tra tucani, colibrì e pappagalli, visitabili nel Parque de las Aves, giardino ornitologico all'entrata del parco nazionale, il più importante dell'America latina dove vengono accolti anche gli esemplari salvati dal commercio illegale, per un totale di 900 specie diverse di volatili.