Lazise, Lago di Garda | Cosa vedere a Lazise

Cosa vedere a Lazise, una delle più importanti destinazioni del Lago di Garda, con oltre 4 milioni di visitatori annui. Lazise merita particolare attenzione per il suo passato, in quanto si tratta del primo libero Comune d'Italia. Tra le cose da vedere a Lazise citiamo il centro storico, che si sviluppa anche lungo il suo lungolago, Piazza Vittorio Emanuele, da cui si estendono vari scorci molto suggestivi, il Castello di Lazise, risalente al XI secolo, e la la romanica chiesa di San Nicolò, ubicata nelle vicinanze del porto vecchio. Ecco cosa vedere a Lazise, Lago di Garda.3 min


1
Cosa vedere a Lazise
Condividi su:

Cosa vedere a Lazise, Lago di Garda

Borghi sul Lago di Garda | I più belli da visitare

icona-articoloLazise è una delle più importanti destinazioni del Lago di Garda. Con oltre 7 mila residenti, Lazise è una meta turistica apprezzata della sponda veneta, grazie anche alla vicinanza con Gardaland. Sempre nel territorio sorge la struttura termale di Aquardens Terme Verona, che attira turisti da tutta Italia. Menzioniamo anche la ricca cultura gastronomica, influenzata dalla vicina ⇒ Valpolicella, che regala alcune delle preparazioni più caratteristiche del territorio gardesano.

Nonostante le sue ridotte dimensioni, Lazise è una delle più visitate città di tutto il mondo, con un numero di visitatori annui che si aggirano tra le 4 e le 5 milioni di presenze. Certo non è un caso se il Lago di Garda, come bacino idrico, è posizionato al secondo posto al mondo per traffico turistico
Sebbene il gran numero di turisti e nonostante l’urbanizzazione moderna, Lazise conserva ancora il suo caratteristico centro storico medievale, che rappresenta la principale attrazione della località.
Scopriamo cosa vedere a Lazise.

Cenni storici

Lazise, Cenni storiciLazise è nota per essere considerata come il primo Comune d’Italia. Torniamo indietro nel tempo, nel X secolo. Nel 983 la comunità di Lazise chiese all’Imperatore del Sacro Romano Impero, Ottone II, di poter fortificare il borgo.

L’imperatore consegnò un documento per l’esazione di diversi tributi e diede il diritto per transitare e pescare, oltre che la possibilità di fortificare il borgo.

Con questo documento a Lazise si organizzò una struttura socio-politica autonoma, che diede alla città molte più libertà che in precedenza. Per le questioni economiche, religiose e politiche vennero eletti dei ì, mentre i residenti potevano liberamente commerciare e pescare. Si tratta del primo caso di comune libero in Italia. Nel XI secolo i residenti descrissero Lazise come patria, mentre nel XIV secolo furono costruiti il castello e le mura cittadine. 

Nel XV secolo la città di Verona passò al protettorato di Venezia. Questo evento però non fu condiviso da Lazise, tanto da diventare l’unico borgo a ribellarsi, sino a venir messa sotto assedio e conquistata. Venezia ordinò il restauro delle fortificazioni di Lazise, in quanto reputate instabili. Per un breve periodo la cittadina passò al protettorato dei Gonzaga, che diedero gli stessi diritti conferiti dall’Imperatore Ottone II. Lazise entrò a far parte dei Lanzichenecchi nel 1529, da cui per oltre due secoli vi fu serenità e prosperità. Nel XVII secolo la peste dimezzò la popolazione.

Con l’ascesa delle truppe napoleoniche nel XVIII secolo la cittadina fu adibita a quartier generale per permettere di raggiungere il Tirolo. Nel XIX secolo, infine, la cittadina venne inserita dapprima nella Repubblica Cisalpina, poi nel Regno d’Italia. Nel XX secolo la città crebbe notevolmente in termini turistici, attirando visitatori da tutto il mondo.

Cosa vedere a Lazise

Cosa vedere a Lazise, lungolagoLa principale attrazione di Lazise è il centro storico, che si sviluppa anche lungo il suo lungolago. Il nucleo storico di Lazise si caratterizza per i suoi edifici eleganti e colorati, con ristoranti e negozi che riescono a intrattenere il visitatore per interi pomeriggi.

Dal lungolago è immediata la visuale sia sulle antiche mura sceligere che sul castello. Suggeriamo di visitare Lazise partendo da Piazza Vittorio Emanuele, da cui si sviluppano una serie di scorci molto suggestivi: da non perdere assolutamente!

Risalente al XI secolo, il Castello di Lazise è stato eretto per difendere il primo comune d’Italia dalle numerose incursioni unghere. Parliamo dell’assoluto simbolo della città nonché imperdibile cosa da vedere a Lazise. Il castello, restaurato in epoca veneziana, si presenta oggi in splendido stato di conservazione, che lo rende ancor più prezioso e suggestivo.
Sul castello si possono ancora osservare gli stemmi degli Scaligeri.

Non manca anche una tappa a tema religioso. Da non perdere è assolutamente la romanica chiesa di San Nicolò, ubicata nelle vicinanze del porto vecchio. Altrettanto interessante è la chiesa neoclassica intitolata ai santi Zenone e Martino, le cui fondamenta risalgono al XII secolo.

Lungolago di LaziseNella cittadina vi sono numerose testimonianze del ricco passato. Imperdibili sono le sue ville, tra cui la Villa Bernini e la Villa Bottone, quest’ultima caratterizzata da uno splendido giardino botanico punteggiato da piante secolari. Non meno interessante è la Villa Pergolana, costruita nel medesimo edificio di un monastero del XVI secolo. Le altre ville sono quelle Bazzoli e dei Cedri, entrambe molto apprezzate architettonicamente.

Poco distante dalla cittadina troviamo Aquardens, uno dei più grandi e importanti centri termali d’Europa, di recente costruzione e ricco di aree in cui rilassarsi e svagarsi. Immancabile, poi, Gardaland, ubicato a 5 km di distanza, come anche i vicini CanevaWorld e Movieland.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

1