Condividi su:

Cosa vedere a Lana | Il più grande comune frutticolo in Alto Adige

Leggi tutti gli articoli del Trentino Alto Adige

icona-articoloGiusto alle porte di ⇒ Merano, lungo la Strada Statale 38, si trova Lana, il più grande paese frutticolo dell’Alto Adige, popolato da circa dodicimila residenti. Lana è una località tranquilla, costruita lungo una grande vallata (Val d’Ultimo) scavata dal fiume Adige nel versante meridionale della conca di Merano. Il comune si sviluppa per 1700 metri in altezza, componendosi per numerose frazioni, tra cui Lana di Sopra, Lana di Sotto, Lana di Mezzo, Pavicolo e Foiana.

Ai bordi della località è possibile individuare facilmente i grandi campi coltivati e i numerosi vigneti piantati lungo le pendici del Monte San Vigilio. Il comune, settimo in ordine di popolazione in Alto Adige, sorge su un’area storicamente paludosa, bonificata interamente solo in epoca moderna. Il grande boom demografico della città lo si ebbe alla fine del XIX secolo, quando fu costruita la ferrovia Bolzano-Merano.

Sede di numerosi eventi, tra cui LanaLive, importante festival culturale che si tiene a cadenza annuale (secondo le informazioni a disposizione a Dicembre 2020). Altri importanti eventi che si tengono a Lana sono le giornate della zucca e la Festa della fioritura, anch’essi molto importanti su scala nazionale.

Oltre ai festival, Lana offre ai propri visitatori un discreto numero di attrazioni turistiche, tra edifici di culto, monumenti e castelli. Consigliamo di dedicare almeno un weekend per assicurarsi di visitare tutto ciò che Lana ha da offrire.

Cenni storici

Mappa di Lana

Le origini di Lana si ramificano sin dall’epoca preistorica. Già molto prima dell’arrivo dei romani la Val d’Ultimo presentava degli insediamenti umani anche abbastanza sviluppati, come possibile vedere nel sito archeologico di Foiana. Per vedere la nascita della città di Lana per come la conosciamo occorre andare molto avanti nel tempo, sino al IX secolo.

Durante il IX secolo sorsero i primi edifici di culto cattolico, mentre al 990 è datata la prima denominazione di Lana, trascritta in un documento con il toponimo di Lenon. Tra il XII e il XIII secolo furono costruiti i primi castelli della zona, mentre alla fine del XIV secolo l’istituzione religiosa cittadina fu gestita dall’ordine teutonico.

Per l’intero medioevo e rinascimento la piccola località seguì le sorti del territorio, conservando bene o male tutti gli usi e costumi tra la popolazione. Nel 1850, diverse località indipendenti, assieme alle aree di Lana di Sopra Lana di Sotto si unirono sotto un unico grande comune, l’odierna Lana.

Lana è rinomata in tutta Europa per la sua economia centrata sulla produzione agricola, principalmente rivolta ai frutteti di mele. A Lana, infatti, viene prodotto circa il 10% del totale complessivo delle mele raccolte in tutto l’Alto Adige.

OneMag-logo
Link-uscita icona Madonna di Campiglio, Trento | Le Dolomiti di Brenta

Cosa vedere a Lana

Cosa vedere a LanaLana è il comune con la maggior produzione di mele di tutto l’Alto Adige. Proprio a Lana hanno sede alcune delle più famose aziende di prodotti alimentari. Giusto per citare un nome, Lana ha dato i natali alla famiglia Zuegg e al loro primo stabilimento. Il centro di Lana si caratterizza per la sua struttura urbana composta da numerosi edifici in perfetto stile altoatesino.

La periferia si compone invece per la varie frazioni, altrettanto importanti in ambito turistico. A Postal è presente la funivia che porta a Verano ed è anche il punto di partenza del famoso sentiero per lo speed hike. Nella località di Cermes è invece presente la famosa tenuta Kränzelhof e a Gargazzone si trova uno dei più grandi giardini di orchidee d’Italia.

La località è una destinazione sempreverde, adatta per essere visitata durante l’intero arco dell’anno. La stagione estiva, con il clima mite suggerisce di vivere gite ed escursioni, a piedi o in bicicletta. L’inverno, invece, garantisce esperienze indimenticabili sulla neve, tra sci e snowboard, contando anche il vivace mercatino di Natale.

Il centro storico di Lana si caratterizza per le numerose chiesette e per il museo frutticolo, il più importante nel suo genere. Qua è anche conservata la più grande campana dell’Alto Adige, pesante oltre seimila chilogrammi. Nella chiesa parrocchiale, invece, vi consigliamo di ammirare il maestoso altare di stile gotico, realizzato interamente in legno.

OneMag-logo
Link-uscita icona Levico Terme, Trento | Cosa vedere nella località termale in Trentino

Cosa fare a Lana

Cosa fare a LanaLana viene scelta perlopiù come punto di partenza per attività outdoor. Il suo fascino rurale, unito all’incontaminato territorio circostante, la rende una destinazione emozionante, ricca di sorprese e perfetta per godersi avventure outdoor di ogni genere.

Consigliamo di percorrere, correndo o passeggiando, i cosiddetti waalwege, piccoli canali e rogge costruiti in Tirolo e Alto Adige nel XIII secolo per irrigare i campi. Il più famoso è il canale che attraversa le Prealpi Ortler, unendo Lana di Sopra a Lana di sotto, con un dislivello minimo, quindi semplice da percorrere per tutti.

Alto itinerario è quello del waalweg di Brandis, che comincia da Lana di Sotto e giunge sino alla Gola di Lana, famosa per la sua scenografica cascata. Da qua è possibile proseguire passeggiando sino al biotopo Falschauer, situato negli immediati pressi della zona industriale.


Condividi su: