Lago Ypacarai, il lago santo del Paraguay oggi non balneabile

Lago Ypacarai, il lago santo del Paraguay oggi non balneabile a causa inquinamento. Scopriamo il lago Ypacaraí.

Conosciamo il Lago Ypacaraí,
il lago santo del Paraguay

In principio fu il lago Tapycuá, poi il suo nome divenne Lago Ypacaraí che secondo alcuni significa lago santo, poiché benedetto dal beato  Luis de Bolaños, missionario spagnolo, nel 1600, mentre per altri è il frutto di un equivoco tra spagnoli ed indios: quando i primi chiesero il nome del lago quelli risposero «ypa karai?», che significa «si riferisce all’acqua?».

 

Il lago paraguayano si estende per circa 144 chilometri quadrati con una profondità massima di 3 metri ed è raccolto tra colline dalla fitta vegetazione che perfezionano il suo paesaggio. Intorno al lago sorgono anche le città Ypacaraí, San Bernardino ed Areguá. La bellezza del lago e l’azzurro delle sue acque sono famose ovunque tanto da essere celebrata in una canzone famosa nei paesi latinoamericani: Recuerdos de Ypacaraí, cantata anche da Julio Iglesias.

Dove ci troviamo?

Il bacino si trova a circa 50 chilometri dalla capitale Asunción e durante la stagione estiva diventa meta balneare per numerosi villeggianti che si riversano sulle sue spiagge. Le sue coste sabbiose sono dotate di molti servizi che permettono ai turisti di godersi il posto in tutto relax e grande comodità.

Vicino al lago sorgono numerosi villaggi coloniali, ricchi di storia e tradizioni. Da alcuni punti di osservazione particolari si può godere la vista di scorci paesaggistici molto suggestivi, che permettono di apprezzare la natura circostante ed i suoi colori intensi. 

Il lago inquinato

Recentemente, il lago Tapycuá è stato dichiarato non balneabile per problemi di inquinamento. Le sue acque, infatti, sarebbero contaminate dagli scarichi abusivi di 150 aziende conciarie private, 97 delle quali sono state incriminate dalla Procura ambientale. Immediati sono stati i progetti di bonifica riguardanti la pulizia dei primi tratti di spiaggia. Il ministero dell’Ambiente ha comunque sottolineato la necessità di costruire impianti per il trattamento dei rifiuti immessi nell’ambiente dalle aziende costiere.

Un ulteriore piano di bonifica del lago è stato presentato recentemente all’Italo Paraguayan Circle e prevede un intervento svolto da tecnici italiani, olandesi e paraguaiani con finanziamento di circa 900 mila dollari non rimborsabile  dalla Inter-American Development Bank (IDB).

Il progetto di recupero, comprende anche la realizzazione di un sistema di tubazioni di pompaggio poste a valle per la gestione degli scarichi incriminati. L’intero piano prevede anche la realizzazione di un manuale educativo per promuovere l’educazione ambientale.

Scopri anche: 

I laghi da non perdere in Egitto
I 5 laghi più belli e spettacolari del mondo
Condividi su: