Lago Titicaca, ecco cosa vedere e cosa sapere

Lago Titicaca, ecco cosa vedere e cosa sapere di questo spettacolare bacino d'acqua posto tra il Perù ed il Sudamerica.

Scopriamo il lago Titicaca, il bacino d’acqua degli Inca tra Perù e Bolivia

Il Lago Titicaca è uno spettacolare bacino d’acqua situato tra Perù e Bolivia, in Sud America.
È uno dei laghi più vasti del Sud America ed è anche uno dei laghi navigabili più ad alta quota dell’intero mondo.
Gli inca furono i primi a colonizzare, creando grandi centri urbani, le sponde del lago nel 15esimo secolo anche se nei millenni precedenti furono tante le popolazioni indigene che costruirono vari villaggi a bordo del lago.

Cosa vedere nel lago Titicaca

Entrambe le sponde, quella peruviana e quella boliviana, possono essere esplorate ammirando rovine storiche e paesaggi unici.

Il centro turistico del Titicaca è Puno, in Perù.
La città più caratteristica è però Capocabana, in Bolivia, ricca di monumenti ed edifici antichi.

Il panorama del Lago Titicaca

Lago Titicaca

Sulla sponda del lago sono ormeggiate in fila una miriade di variopinte imbarcazioni, dalle piccole barche sino ai grandi yatch.
Ed è possibile, con un semplice passeggiata in uno dei paesi sul Titicaca, ammirare tantissime bancarelle di ceviche fresco, una specialità del luogo.
Per gustarsi il panorama al meglio raggiungete il monte Calvario, da cui si gode una vista sul circondario davvero unica.
Una delle attrattive migliore del lago è senza dubbio l’Isla del Sol, a poca distanza di Copacabana c’è Yumani, la località da cui parte il traghetto per l’isola.

Una volta arrivati troverete un sentiero meraviglioso lungo 9km, da nord a sud, che attraversa villaggi, spiagge deserte e siti archeologici.

Cosa vedere a Santa CruzCosa vedere a Santa Cruz, la città boliviana
Cosa vedere a Santa Cruz, la città boliviana situata nel cuore del Paese ed è unica ad essere costruita completamente in pianura.

Le isole galleggianti

Lago Titicaca

Altra attrazione affascinante sono le isole galleggianti degli uros.
Costruite interamente con canne di tortora e cordami, queste “isole” furono fatte a mano dalla popolazione degli uros per fuggire dalle razzie e dai domini da parte degli inca. Le isolette sono piuttosto piccole, ci vivono 20 o 30 persone e sono unite tra loro da collegamenti percorribili.

Per concludere l’esplorazione di questo magico luogo bisognerà assolutamente pernottare una notte all’isola di Taquile, presso i taquileno, una comunità accogliere per i loro tessuti, dichiarati patrimonio UNESCO.
Perfetta per scoprire le tradizioni e le culture locali.

 

Scopri di più:

Condividi su: