Lago di Varano, Puglia | Il più esteso lago del Sud Italia


Condividi su:
Leggi tutti gli articoli della provincia di Foggia
Mappa del Lago di Varano, Puglia
Mappa del Lago di Varano, Puglia

Icona articolo onemagIl più esteso dei laghi del Sud Italia è il Lago di Varano, nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, in provincia di Foggia. Il Lago di Varano, appartenente al comune di Cagnano Varano, si sviluppa nell’immediato parallelo del Mar Adriatico e può essere facilmente raggiunto per via della discreta vicinanza con il Lago di Varano. Il perimetro del lago tocca i 37 chilometri, per una superficie complessiva di 60,5 chilometri quadrati, numeri che lo rendono sotto ogni aspetto il più grande lago dell’Italia meridionale.

OneMag-logo
Link-uscita icona Laghi Alimini, Lecce | Vacanza nella natura del Salento

Breve descrizione del Lago di Varano

Tramonto al Lago di Varano
Tramonto al Lago di Varano

Il Lago di Varano comunica direttamente con il mare mediante i due passaggi di Foce Varano e Foce Capojale, ed è uno dei luoghi più riccamente biodiversi della Puglia. Infatti, soprattutto lungo il tratto della sottile striscia sabbiosa che lo separa dal mare, si trovano centinaia di esemplari unici di pino, eucalipto e lentisco. Molto più atipica e curiosa è la sua morfologia, con coste alte e fondali che arrivano a toccare anche i 5 metri di profondità. Da sempre, il Lago di Varano ha costituito un’importante risorsa per l’economia locale, soprattutto dapprima per la pesca, poi per il turismo.

Interessante è anche sapere che durante il corso della Prima Guerra Mondiale il bacino d’acqua fu utilizzato come base per sommergibili e idrovolanti. Oltre al comune di Cagnano Varano, il lago è lambito anche dai comuni di Ischitella e Carpino, importanti centri abitativi del Gargano settentrionale. Il più grande specchio d’acqua del Sud Italia si estende in larghezza per ben dieci chilometri ed è situato a ridosso tra la punta in cui si erge Rodi Garganico, abbracciato dal Monte d’Elio.

La striscia di terra e sabbia che separa l’Adriatico dal Lago di Varano si estende per appena 10 chilometri con 1 solo chilometro di profondità, caratteristiche che hanno insignito questa porzione di territorio con il nome de l’isola. L’isola è composta dalla Riserva Naturale statale dell’Isola di Varano, un’ente preposto sulla protezione del territorio, creato nel 1977 e facente direttamente parte del Parco Nazionale del Gargano.

OneMag-logo
Link-uscita icona Grotte di Castellana, Bari | Uno dei più importanti siti speleologici d’Italia

Cosa vedere al Lago di Varano

Cosa vedere al Lago di Varano
Cosa vedere al Lago di Varano

Come brevemente già anticipato, sui bordi del Lago di Varano cresce una ricchissima biodiversità, caratterizzata da una flora e fauna davvero variegata, che oltre alle già citate specie si compone per un alto numero di salici piangenti. La ricca flora è spalleggiata da un altrettanto ricca fauna: fenicotteri, martin pescatori, cormorani, svassi, aironi, morette, folaghe e beccaccini. È inoltre definito un vero paradiso per gli amanti del birdwatching. I tre borghi del Lago di Varano costituiscono la principale attrazione turistica di questo territorio, subito dopo allo stesso bacino d’acqua.

OneMag-logo
Link-uscita icona Grotte di Castellana, Bari | Uno dei più importanti siti speleologici d’Italia

Cagnano Varano

Vista panoramica di Cagnano Varano
Vista panoramica di Cagnano Varano

Cagnano Varano è una cittadina di circa 7000 abitanti, adagiata lungo le pendici di un colle che si fronteggia elegante allo specchio d’acqua. Del borgo antico si conservano alcune porzioni di cinta muraria, uno dei più importanti esempi in Puglia, a cui si sommano anche diversi importanti edifici religiosi. Di questi storici edifici di culto spicca il Convento di San Francesco, le cui origini si collocano al XIII secolo. Questo edificio serviva come luogo di rifugio per i pellegrini in visita alla Grotta di San Michele, dove una leggenda narra dell’apparizione di San Michele Arcangelo.

Spostandosi nell’area più antica della cittadina è possibile visitare invece la Chiesa di Santa Maria della Pietà, pregevole opera eretta tra il XV e il XVII secolo. Altrettanto interessante è il Caut, letteralmente ‘buco’, un gruppo di edifici storici organizzati attorno a vicoli angusti e ricavati in parte da grotte.

OneMag-logo
Link-uscita icona Peschici, Puglia | Cosa vedere e cosa fare a Peschici, nel Gargano

Ischitella

Ischitella, Lago di VaranoLa seconda località da visitare nelle coste del Lago di Varano è Ischitella, un piccolo centro abitato che si sviluppa lungo un’altura compresa dentro il Parco Nazionale del Gargano. Il centro storico sorge a ben trecento metri sul livello del mare: il panorama mozzafiato è garantito. Il nucleo antico di Ischitella è detto terra vecchia e si caratterizza per il labirintico dedalo di vicoli molto stretti, contornati da file di storici edifici bianchi, abitazioni addossate l’una all’altra.

Anche Ischitella vanta un buon numero di attrazioni storiche dal forte valore storico, sia di fattura civile che religiosa. Anche qua si trova un Convento di San Francesco davvero ottimo in termini architettonici, come altrettanto lo è la Chiesa di Sant’Eustachio e la Chiesa della Santissima Annunziata, nota anche con il nome di Chiesa del Crocefisso di Varano, le cui origini si legano al X secolo. Il Palazzo de Cata è una delle strutture storiche di maggior pregio, a cui si aggiunge il Castello, risalente al XII secolo.
OneMag-logo
Link-uscita icona Vieste, la città aggrappata al promontorio

Carpino

Carpino, Lago di VaranoUltima tappa del nostro viaggio nelle cose da vedere sul Lago di Varano, Carpino è un piccolo e grazioso borgo di circa 4 mila abitanti, perlopiù rinomato per la sua industria agricola di primo livello, in particolare nella coltivazione di fave e olive. Carpino è frequentata molto grazie al Festival del Folk, un appuntamento di tipo musicale dedicato alla musica popolare. Lato gastronomico, Carpino è ben nota per il suo gustoso e saporito olio extravergine di oliva. Eccellenti sono infine le Chiese di San Cirillo e di San Nicola di Mira.


 

Condividi su: