Le attrazioni di Copenaghen, la Sirenetta

La Sirenetta di Copenaghen


Condividi su:

La Sirenetta di Copenaghen

Tutti gli articoli della Danimarca

Cosa vedere a Copenaghen, la SirenettaIcona articolo onemagUno dei simboli noti in tutto il mondo di Copenaghen è indubbiamente la Den lille Havfrue, meglio conosciuta in Italia come La Sirenetta. Siamo di fronte a una statua in bronzo realizzata da Edvard Eriksen che rappresenta uno dei monumenti in assoluto più fotografati d’Europa. La trovate sul lungo fiume di Langelinie, giusto all’ingresso del porto della città, 1 metro e 25 cm di altezza ammirata ogni giorno da centinaia di persone, migliaia in certe occasioni.

La statua è proprio ispirata alla fiaba di Hans Christian Andersen, forse lo scrittore danese più noto internazionalmente. La sua espressione quasi annoiata, rivolta verso il mare, ci fa pensare che esprima una profonda nostalgia per la sua dimora naturale, il mare. In realtà la statua che simboleggia la fancuilla è probabilmente in attesa del suo principe azzurro che, molto probabile, non arriverà mai. La sua nascita risale al 1909 quando venne commissionata da Carl Jacobsen, il figlio del fondatore della Carlsberg, il quale rimase affascinato da una piece teatrale che rappresentava proprio la fiaba della Sirenetta. Oggi il monumento che possiamo ammirare ritrae la prima ballerina dell’epoca, Ellen Price, che posò come modella per la scultura.

 

Le attrazioni di Copenaghen, la Sirenetta

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Non perdere la Torre Circolare di Copenaghen: qua puoi scoprirne tutti i segreti

 

La sua inaugurazione avvenne qualche anno dopo, nell’Agosto del 1913. Se il volto rappresenta proprio la ballerina dello spettacolo visto da Carl Jacobsen, il corpo è invece quello della moglie dello scultore, visto il rifiuto di posare nuda da parte di Ellen Price.

La sua posizione l’ha vista in alcune occasioni protagonista di atti vandalici, imbrattata più volte con vernici colorate e persino decapitata. L’episodio più importante in tal senso accadde nel 2003 quando venne gettata in mare e ritrovata solo dopo nel vicino porto. Simbolo a volte anche di rappresaglie politiche, oggi sono presenti 13 copie della Sirenetta, sparse nel mondo. Proprio una replica è presente nell’aeroporto della città, pronta a dare il benvenuto ai suoi visitatori. Ognuna delle copie è stata autorizzata dallo scultore o dalla sua famiglia odierna, essendo la stessa protetta da utilizzi non autorizzati fino al 2029.

La statua è stata tuttavia volutamente spostata in un’occasione. Siamo nel 2010 quando venne rimossa e spostata in esibizione dell’Expo di Shanghai. Non venne mai spostata prima di allora e, fino a oggi, l’esperimento non si è replicato. Durante la sua assenza venne proprio installata una copia, quella che è solitamente visibile nei → Giardini di Tivoli.

 

Scopri Copenaghen


&nbsp

Condividi su: