La nascita e la storia della bandiera greca

La nascita e la storia della bandiera greca, uno dei vessilli che più di altri ha unito un popolo dominato dagli invasori stranieri. Ecco la sua storia.

I segreti della bandiera della Grecia

Alcune bandiere non hanno bisogno di presentazioni. Basti pensare a quella americana, a quella inglese o anche a quella canadese. Anche la bandiera svizzera è facilmente individuabile.
Ma è così anche per la bandiera greca?

La bandera bianco e blu potrebbe ricordare il mare, le vacanze e sicuramente qualcosa di fresco, di sereno.

La bandiera greca

Storia della bandiera greca

La bandiera nazionale greca ha una croce bianca su uno sfondo blu con 9 strisce orizzontali della medesima dimensione alternate di blu e bianco.
La croce raffigura il cristianesimo ortodosso, la religione ufficiale della Grecia.
La tonalità di blu non è mai stato definito: generalmente viene utilizzato un blu piuttosto scuro.

Le 9 righe orizzontali hanno differenti origini in base alle varie teorie. La più accredita porterebbe a pensare che sia il simbolo della parola ‘libertà’ che in greco viene appunto indicata con 9 lettere.
L’unica cosa che pare essere concordante sono invece i colori: il cielo ed il mare.
Di fatto l’economia e la cultura della Grecia.

La storia della bandiera greca

Sebbene l’origine della bandiera greca sia ancora oggetto di dibattito, ciò di cui siamo certi è la data di adozione che è molto recente. La bandiera per come la conosciamo è ufficiale solo dal 22 Dicembre del 1978.
In precedenza diverse erano le bandiere utilizzate tra cui quelle raffiguranti santi o emblemi di ogni genere.

L’obiettivo era naturalmente quello di riunire tutta la nazione sotto l’unica amministrazione centrale. E così quando nel 1974 cadde la Dittatura dei Colonnelli e venne instaurata nuovamente la Repubblica Ellenica fu il Parlamento a deliberare la scelta di una unica bandiera nazionale. Contemporaneamente nacque anche la Costituzione Greca.
La bandiera scelta non era una novità: la bandiera odierna infatti risale al 1822, l’anno successivo dall’indipendenza dall’impero ottomano.

La forma

La legge stabilì anche che le strisce orizzontali, come abbiamo visto, devono essere di uguale altezza e devono iniziare e terminare con il blu o meglio con il ciano, il colore corretto della bandiera. In pratica 4 strisce bianche e 5 di colore bianco.

La celebrazione

Il 27 ottobre si celebra lagiornata nazionale della bandiera greca, la festa più importante e più sentita dal popolo greco.
La bandiera è da sempre a fianco dei rivoluzionari per l’indipendenza contro l’invasore.

Oggi i Greci mostrano con orgoglio il loro vessillo. Finalmente il popolo è unito in una Nazione dopo che nei secoli sono stati dominati dagli stranieri.

Scopri di più:

Cosa vedere a Salonicco
Mykonos, le cose da sapere prima di partire

 

Condividi su: