Cosa vedere in Irlanda

Vacanza in Irlanda? Avete scelto di visitare un territorio caratterizzato da una rigogliosa vegetazione spesso chiamato proprio terra verde o isola di smeraldo per la sua conformazione. Coste rocciose, mare calmo e dal colore blu intenso, verdi vallate e colline, questa è l’⇒ Irlanda, uno dei paesi più belli di tutta Europa.

Oltre alla sua capitaleDublino, l’Irlanda è nota per uno dei suoi simboli che ulteriormente la identificano, i castelli medievali. Sono un pò ovunque e completano quella che possiamo definire una tra le esperienze perfette, una meta in grado di regalare serenità, storia, cultura e naturalmente tanta natura, rappresentata anche dai vari Parchi Nazionali.

Se anche voi avete voglia d’Irlanda, ecco alcune delle cose che non dovete assolutamente perdervi.

Conosciamo l’Irlanda

Cosa vedere in Irlanda, mappa

Con una superficie di 70.273 km quadrati, l’Irlanda è abitata da poco più di 4 milioni di abitanti, di cui oltre 1,3 milioni vivono nella capitale, Dublino.
Due le lingue ufficiali, l’inglese e l’irlandese, il gaelico, oggi sempre meno parlato e gradualmente a rischio estinzione.
La moneta è l’Euro e la forma di governo è la repubblica parlamentare. Due le religioni più praticate, la cattolica e quella protestante.

L’Irlanda è un’isola interamente circondata dall’Oceano Atlantico e dal mare d’Irlanda. A livello di confini si divide dal ⇒ Regno Unito dal Canale di San Giorgio e dai Canali del Nord.
Territorio estremamente piovoso, l’economia irlandese è da qualche anno in sviluppo, grazie all’annessione all’Unione Europea. Il turismo è tra le attività principali mentre agricoltura e allevamento rientrano tra le attività economiche più produttive. Quasi assente la pesca, l’Irlanda ha numerose aziende farmaceutiche e alimentari.

Cosa vedere in Irlanda

Parco nazionale di Killarney

Cosa visitare in Irlanda, Parco Nazionale di Killarney
Parco Nazionale di Killarney

Iniziamo a conoscere cosa vedere in Irlanda partendo proprio da una delle ragioni per cui viene definita l’isola di smeraldo, ovvero uno dei suoi tanti Parchi Nazionali.
Ci troviamo nella Contea di Kerry dove ha sede il Killarney National Park.

Qui il territorio selvaggio ed incontaminato ha ricevuto il riconoscimento UNESCO nel 1982 come Riserva della Biosfera ed è qua che si viene per passeggiare tra distese di querce e i meravigliosi laghi che si affacciano sulle Purple Mountains.
E’ un vero paradiso per tutti coloro che amano la fauna selvatica del posto, una serie di escursioni che hanno come protagonista la natura tipica dell’Irlanda, tra falchi e rondoni.

Le sue origini lo ricordano come Tenuta Muckross con una estensione di soli 4.000 ettari, pochi rispetto ai 10.000 che oggi occupa. La sua realizzazione risale al 1932 e al suo interno troviamo anche varie zone lacustri.
Per tutte le altre informazioni sul parco di Killarney vi invitiamo a leggere l’articolo dedicato.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Irlanda, parco nazionale di Killarney

Sligo

Cosa visitare in Irlanda, Sligo
Veduta di Sligo

Proseguiamo a scoprire l’Irlanda da una piccola e graziosa cittadina. Sligo è posta alla foce del fiume Garavogue, nella omonima Sligo Bay, ed è il capoluogo della contea.
Caratterizzata da un affascinante centro medievale, Sligo si caratterizza per le sue graziose case a schiera costruite nel XIX secolo raggiungibili attraversando ponti ad arco in pietra con strade a grossi ciottoli.

Sebbene non sempre rientri tra i circuiti turistici più consueti, Sligo rappresenta una delle città più genuine e autentiche dell’Irlanda. Non ricca di monumenti o attrazioni particolari, la cittadina a nord dell’Irlanda è perfetta per essere scoperta con calma, la stessa che serve per passeggiare in un territorio dove la fretta non è certo la principale compagna.

Niente di meglio che assaporare l’essenza irlandese passeggiando lungo il fiume pedonale, dove è possibile rilassarsi in uno dei tanti locali qua presenti. Dalla tranquillità del fiume è facile immergersi tra gli abitanti di Sligo addentrandosi nelle colorate vie del centro, spesso avvolte da musica diffusa, soprattutto nei periodi di festival.

OneMag-logo
Link-uscita icona
  Scopriamo Bangor, la terza città dell’Irlanda

La Rocca di Cashel

Cosa visitare in Irlanda, Rocca di Cashel
Rocca di Cashel

Lo avevamo annunciato nella presentazione, l’Irlanda è nota per il suo verde territorio e per i castelli medievali. Dopo aver iniziato a scoprire cosa vedere in Irlanda da uno dei suoi parchi più importanti, aver passeggiato in uno dei villaggi più autentici è proprio arrivato il momento di introdurre una rocca.

Perfetto momento per conoscere meglio la storia dell’Irlanda, la Rocca di Cashel ha un fascino quasi inquietante, prerogativa di molti altri manieri presenti da nord a sud.
La Rock of Cashel è stata in passato la capitale dei re dei Munster dal V° Secolo fino al 1101. In quell’anno la fortezza venne ceduta alla Chiesa, diventando sede dell’arcivescovado.

Praticamente nulla rimane oggi dell’antica fortezza e i pochi edifici rimasti sono quelli costruiti fino al XV secolo.
Sono particolarmente interessanti da ammirare la Cappella di Cormac e la Round Tower, risalenti all’epoca dei Munster.

OneMag-logo
Link-uscita icona
  Cosa vedere a Galway, la colorata città irlandese capitale della cultura 2020

Dingle

Cosa visitare in Irlanda, Dingle
Dingle, Irlanda

Proseguiamo la nostra guida sull’Irlanda scoprendo Dingle, una penisola tra i luoghi più suggestivi da ammirare in tutto il paese.

Parte del fascino è dato dal mare che si infrange sugli scogli e dall’intero panorama circondante, verde come la bandiera d’Irlanda. Dingle è posto tra le spiagge e le scogliere della Contea di Kerry e vicino alla meta di pellegrinaggio del Monte Brandon.
Il modo migliore per esplorare la penisola è attraversando il Connor Pass, un valico che da Kilcummin porta proprio alla città di Dingle. In questo percorso si potranno ammirare laghi glaciali e panorami mozzafiato.

Immerso nel fascino irlandese, la città è praticamente circondata da barconi da pesca, la principale attività commerciale del villaggio, insieme alle distillerie, che da queste parti regalano un whisky di notevole fattura. Questo spiega anche la presenza di numerosi pub, ognuno con una caratteristica differente, da quelli colorati a quelli più raffinati, come anche i vari ristoranti che potreste aver modo di provare.
Dingle tra l’altro è spesso usata come location per vari film, tra i quali Cuori Ribelli con Tom Cruise o il più recente Star Wars:Gli ultimi Jedi.

OneMag-logo
Link-uscita icona
Kilkenny e il suo castello

Le scogliere di Moher

Cosa vedere in Irlanda, le scogliere di Moher
Le scogliere di Moher

Tra le cose da vedere in Irlanda, le scogliere di Moher sono una delle attrazioni in assoluto tra le più visitate di tutta l’Irlanda. Con una lunghezza di oltre 8 km, è una camminata praticamente a strapiombo in cui è possibile avere una vista spettacolare della costa e delle isole che affiancano l’Irlanda.

Il momento ideale per passare da queste parti è durante il tramonto quando i colori regalano emozioni ancora più intense.
Informatevi presso il Centro Visitatori prima di intraprendere la meravigliosa passeggiata, potreste trovare utili informazioni per scoprire i milioni di anni di storia geologica.

OneMag-logo
Link-uscita icona
  Voglia di Irlanda nel Ponte di Ognissanti? Ecco cosa fare e dove andare

Cork

Cosa vedere in Irlanda, la città di Cork
Veduta della città di Cork

Con i suoi 120.000 abitanti, Cork è la seconda città più grande dell’Irlanda, dopo ⇒ Dublino. E’ la città che più di ogni altra ha avuto una grande rinascita culturale durante il periodo di recessione della capitale e per questo, ancora oggi, gli abitanti sono particolarmente orgogliosi di vivere a Cork. A dire il vero vi è quasi un desiderio di indipendenza dal resto dell’Irlanda e, magari, potreste anche sentire parlare della fantomatica “Repubblica Popolare di Cork”.

Facile quindi comprendere come esista una profonda rivalità con la capitale e per gli abitanti non vi è certo alcun complesso di inferiorità.
Cork è a tutti gli effetti una città culturale, nominata anche in passato “Capitale europea della cultura“.

Cork è una citta vivibilissima e vivace, grazie anche alla presenza di molti studenti che frequentano la locale università. Il suo centro storico, piuttosto piccolo, si potrà visitare facilmente in una passeggiata di qualche ora, approfittando delle tante piccole cose da vedere e visitare.

Tra le cose da fare in Irlanda, Cork ve ne offre una singolare. Molto probabilmente non avrete mai suonato delle campane di una chiesa. Qua a Cork questo è possibile, una esperienza che potrete provare nella St. Anne’s Church, dove potrete suonare le Shandon bells, ricevendo anche un attestato che conferma di essere stati campanari per un giorno.

Cork è anche la meta ideale per visitare il sud dell’Irlanda e le sue ulteriori attrazioni ma, una volta arrivati, non mancate di visitare Kinsale, poco distante, un villaggio costiero meta ideale per coloro che apprezzano la buona tavola.

OneMag-logo
Link-uscita icona La prigione di Cork diventa attrazione turistica

Castello di Blarney

Cosa vedere in Irlanda, il Castello di Blarney
Castello di Blarney

Non spostiamoci di molto per raggiungere Blarney, villaggio medievale a 8 km da Cork.
Qui troviamo uno splendido maniero risalente al 1200, una fortezza caratterizzata da un insieme di torri e bastioni in rovina. Rientra tra i siti di carattere storico più visitati, anche se le sue cattive condizioni permettono di visitarlo solo in parte.

In cima al castello troviamo una delle icone del castello, la sua pietra.
Definita come la pietra più baciata al mondo, la pietra di Blarney richiama una leggenda secondo la quale ognuno che la bacia ottiene l’abilità di convincere chiunque a fare qualunque cosa. Viene baciata da migliaia di turisti, curiosi e speranzosi di riuscire magari a conquistare il cuore della propria amata.

Raggiungerla non è però cosi semplice: si dovrà infatti salire, attraverso una serie di strette e tortuose scalinate, fino alla cima e quindi sdraiarsi sulla schiena e inclinare la testa fino a rendere possibile il bacio. Se vi è sembrato semplice, sappiate che il tutto prevede che la maggior parte del corpo rimanga sospesa nel vuoto, a circa 25 metri di altezza.
Oggi è naturalmente tutto quanto messo in sicurezza e a vostra disposizione troverete, oltre che ringhiere in ferro come protezione, anche l’assistenza di robusti aiutanti pronti a venirvi in eventuale soccorso.
Se il pericolo, che una volta era parte integrante dell’esperienza, è superato, le emozioni forti saranno di certo assicurate.

Le isole Aran

Cosa vedere in Irlanda, le isole Aran
Irlanda, le isole Aran

Spostiamoci nella Contea di Galway per trovare la prossima attrazione da inserire tra le cose da vedere in Irlanda. Siamo, a dire il vero, a quasi una cinquantina di km da Galway, capitale della cultura europea nel 2020, per trovare le isole Aran.

Sono tre isole note con il nome di Inis Mór, Inis Meáin e Inis Oírr, elencate nel suo ordine di grandezza. Qui abitano stabilmente poco più di 1200 persone che hanno scelto di vivere in quello che è da sempre il simbolo della atmosfera più autentica dell’Irlanda.
L’arcipelago offre bellissime pianure carsiche scavate da ruscelli e canyon, ricche fioriture di trifoglio rosso e altri fiori artici che emergono dai grykes, le fessure naturali del terreno roccioso.

Sono le terre dove per migliaia di anni poeti e artisti hanno abitato, convinti della magia del luogo e dei benefici per il loro estro. Chissà, provate a visitarle per vedere se avevano ragione.

OneMag-logo
Link-uscita icona
Limerick, cosa vedere nella patria dell’Irish Coffee

Glendalough

Cosa vedere in Irlanda, Glendalough
Glendalough

Incastonato tra le ondulate colline della contea di Wicklow, nella parte orientale dell’Irlanda, la splendida valle di Glendalough attira i visitatori con il suo mix di storia e meraviglie naturali.

L’intera zona è da sempre una delle principali escursioni da Dublino, quando si vuole staccare dal caos della capitale e da inserire tra le cose da vedere in Irlanda.
Glendalough è noto per essere uno dei tesori dell’Ancient East irlandese e per essere sede di un antico monastero. L’antica abbazia nel cuore del sito risale agli inizi del VI secolo, fu fondata dal venerato San Kevin di Glendalough e presenta delle architetture religiose altomedievali tra le meglio conservate del paese.

Nei suoi dintorni i viaggiatori possono addentrarsi in un bosco di querce e felci, noccioli e cenere di montagna, dove le silenti volteggiano tra i baldacchini e i sentieri segnalati penetrano nel Parco Nazionale dei Monti Wicklow.
Da non perdere anche i due laghi, Lower e Upper Lake, due meravigliosi specchi d’acqua che riflettono le ripide colline spesso imbiancate. Glendalough, del resto, significa proprio la Valle dei due laghi.

Burren National Park

Cosa vedere in Irlanda, Burren National Park
Burren National Park

Concludiamo la nostra guida dell’Irlanda con l’ultima delle attrazioni che abbiamo scelto di raccontarvi. Vogliamo farlo raccontandovi uno degli altri luoghi fondamentali dell’isola di smeraldo, ovvero il Burren National Park, noto anche come The Burren.
Siamo nella contea di Clare, una tra le regioni più storiche dell’Irlanda e tra le più importanti a livello geologico e geomorfologico.

The Burren è cesellato dalle tante rocce carsiche che formano i letti delle colline a nord di ⇒ Limerick, l’area è piena di fessure e grykes che esplodono con fiori e piante rare.
Anche se definito paesaggio naturale, il Parco che oggi possiamo ammirare ha in realtà subito molte influenze dalle attività umane.
Ciononostante rimane interessante passeggiare nell’habitat di oltre 700 specie di piante da fiore, la più grande concentrazione irlandese di arbusti e piante in un territorio che ricopre unicamente l’1% di tutta la massa terrestre del paese.

Tra i luoghi più fragili dell’Irlanda, il Burren è visitabile seguendo però un preciso regolamento, definito come Codice Burren, che informa come muoversi senza mettere a rischio la pietra calcarea, le piante e l’intero patrimonio, tra cui anche alcune tombe monolite delle antiche tribù gaeliche.
Facile quindi comprendere le ragioni di tanto turismo in questo angolo di vera Irlanda.

Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2020