Parchi Nazionali dello Sri Lanka, safari e avventure

I parchi Nazionali dello Sri Lanka offrono il divertimento a contatto con la natura, safari e avventure. Tra i parchi dello Sri Lanka segnaliamo il Parco Nazionale di Bundala e la Riserva forestale di Sinharaja, ideali per ammirare gli uccelli migratori. Tra i parchi dello Sri Lanka ricordiamo il Parco nazionale Kaudulla e il Parco nazionale Uda Walawe, dove entrare in contatto con elefanti, leopardi e orsi bruni. Da non perdere anche il Knuckles Range, dove poter ammirare grotte, cascate e una magnifica foresta. Ecco i parchi nazionali dello Sri Lanka.

Guida ai parchi nazionali dello Sri Lanka,
fauna selvatica e safari a sud dell’India

icona-articolo

Programmare una vacanza in Sri Lanka significa entrare sicuramente a contatto con la natura e con l’incredibile fauna selvatica tipica del luogo. Chiunque si avventuri da queste parti per la prima volta non potrà rimanere indifferente ai grandi branchi di elefanti, alle migliaia di uccelli variopinti o dai tantissimi pesci tropicali.
Del resto una delle tante possibilità turistiche offerte proprio dallo Sri Lanka è quella di immergersi tra parchi naturali e aree protette per una vacanza a stretto contatto con la natura. Quindi, perchè non pensare ad un safari nello Sri Lanka?

I parchi nazionali dello Sri Lanka

La natura incontaminata

La natura incontaminata dello Sri Lanka

La natura dello Sri Lanka, dicevamo, è decisamente varia ed ampia. Oltre un centinaio le varie specie di mammiferi, altrettanto quelle di farfalle ed in numero decisamente superiore quelle degli uccelli.
Il principale predatore dello Sri Lanka è invece il
leopardo solitario, animale notturno, uno tra le specie difficilmente individuabile. Ma la lista può diventare davvero lunga se aggiungiamo anche i tanti primati che passano di albero in albero. Le emozioni di munirsi di un binocolo e osservare il mondo animale attorno non termina certo qua.
Visibili molto bene a occhio nudo sono naturalmente i maestosi elefanti asiatici o uno dei tanti cinghiali selvatici che qua certo non mancano.
Riutilizziamo invece il nostro binoloco per scorgere scoiattoli, cervi e volpi volanti, una famiglia di pipistrelli la cui fonte di cibo principale è la frutta.
Nelle acque occhi aperti per scrutare le tante balenottere ma sopratutto per i delfini, attrazione unica specie durante la navigazione.
Sopra la testa invece si potranno scorgere facilmente i tanti uccelli che hanno da queste parti il loro habitat naturale. Alcune di queste specie sono inoltre esclusivamente presenti nello Sri Lanka e ancora più quelle che possono essere visibili unicamente qua e nella zona a sud dell’India.
Gli appassionati di bird watching potranno trovare assoluto divertimento da queste parti, specie durante i mesi che vanno da febbraio a inizio aprile, i migliori grazie all’assenza dei monsoni.

Parchi naturali

Guida ai parchi nazionali dello Sri Lanka

Se si ha intenzione di programmare un safari in Sri Lanka occorre prima di tutto comprendere cosa si vuole osservare.
Di seguito alcuni tra i principali Parchi Nazionali dello Sri Lanka e riserve con l’indicazione di cosa vedere e quando andare.

  • Parco Nazionale di Bundala: ideale per ammirare gli uccelli migratori e gli elefanti. Ogni mese dell’anno è perfetto per essere visitato.
  • Parco Nazionale Horton Plains: posto ad una altitudine compresa tra i 2100 e i 3000 metri, l’Horton Plains è uno dei siti naturali UNESCO e qui è possibile apprezzare sopratutto le foreste e le praterie paluose. Il periodo ideale per visitarlo è compreso tra Dicembre e Marzo
  • Knuckles Range: in questa grande catena montuosa proprio nel centro dello Sri Lanka, anch’esso Patrimonio dell’Unesco, dove poter ammirare grotte, cascate e una magnifica foresta sempreverde dove trovare oltre 30 specie diverse di mammiferi. Il periodo migliore per la visita è tra Dicembre e Maggio
  • Riserva forestale di Sinharaja: annoverata anch’essa tra i Patrimonio dell’Umanità UNESCO, qui si viene per osservare sopratutto la foresta pluviale e i tantissimi uccelli. Il periodo migliore è Agosto e Settembre e il periodo tra Gennaio e Marzo
  • Parco nazionale Uda Walawe: un vastissimo territorio composto sopratutto di praterie in cui osservare elefanti, cinghiali e il bufalo indiano, noto anche bufalo d’acqua. Non vi sono periodi preferiti, ogni mese dell’anno può risultare perfetto
  • Parco nazionale Kaudulla: una vera e propria giungla dove entrare in contatto con elefanti, leopardi e orsi bruni. Pianificatelo tra Agosto e Dicembre.

Altri parchi dello Sri Lanka

Queste sono ad ogni modo solamente alcune tra le tante proposte che lo Sri Lanka è in grado di offrire. Sono infatti un centinaio i parchi e le riserve protette, quasi tutte tutelate dal governo.
Le aree sono suddivise tra quelli inaccessibili al pubblico, quelle visitabili in determinati periodi dell’anno e in quelle in cui è anche possibile viverci, ovvero le riserve naturali.

Safari nello Sri Lanka

Nonostante il grande numero di aree protette e la spesso ampia estensione, è piuttosto normale trovare un grande affollamento che spesso rende la visita meno confortevole di quanto si possa immaginare. Per questa ragione viene quasi sempre proposto un safari o una escursione nei parchi meno noti ma che hanno in ogni caso un grande valore naturalistico.
Tra questi troviamo il Lunugamvehera, ufficializzata area protetta nel 1995, posto nel distretto di Monaragala. E’ uno dei ‘santuari’ della zona dedito alla protezione della fauna selvatica ed importante corridoio per gli elefanti che possono muoversi in sicurezza tra il Parco Nazionale di Yala a est e il Parco nazionale di Udawalawe a ovest.

Oltre alla foresta sempre verde e agli elefanti, come citato, qui è possibile ammirare tra gli altri il cervo Sambar, il cervo macultato, l’orso bradipo, lo scoiattolo gigante brizzolato e un discreto numero di pesci.
Altro santuario è quello di Anawilundawa, un centinaio di km a nord di Colombo e sentiero poco conosciuto se non agli amanti di birdwatching. La scarsa conoscenza del luogo è anche probabilmente a causa di una mancata segnaletica. Se non conosciuto, infatti, sarà quasi impossibile trovarlo, nonostante sia un parco nazionale protetto.
Visitabile tutto l’anno, il periodo migliore è quello che inizia ad ottobre e termina ad aprile, grazie alla presenza di stormi di uccelli migratori.

Quando organizzare un safari in Sri Lanka

Ovviamente la natura dello Sri Lanka è una destinazione fruibile in ogni mese dell’anno.
Tuttavia la migliore stagione per organizzare un viaggio che contenga anche un safari in Sri Lanka coincide, ovviamente, con la stagione turistica che inizia a novembre e termina ad inizio maggio.
E’ il periodo in cui la grande maggioranza dei parchi sono aperti e visitabili.
Se invece preferite organizzare nella seconda parte dell’anno, da novembre a maggio, ricordatevi che il periodo coincide con l’arrivo dei monsoni. Meglio rimanere nella parte più orientale e concentrarsi nei parchi più vicino alle città.

Scopri di più:

Sri Lanka, consigli di viaggio
La gastronomia dello Sri Lanka, viaggiare con gusto
Kandy, viaggio nel centro dello Sri Lanka
Viaggio per immagini, le 25 più spettacolari nel mondo

 

Condividi su: