La Foresta di Jozani a Zanzibar

La Foresta di Jozani a Zanzibar


Condividi su:

La Foresta di Jozani, tutto quello da sapere

Leggi tutti gli articoli della Tanzania
Foresta di Jozani Zanzibar mappa
@ Yandex Maps

Icona articolo onemagUna vasta e magnifica distesa verde, Jozani è l’ultima foresta indigena rimasta sull’isola di Zanzibar.
Situata nell’entroterra, a sud da Chwaka Bay, la zona spesso si riempie di acqua grazie alla vicina baia, che per fortuna alimenta la foresta ricca di paludi con molti alberi e felci imponenti.
Al suo interno sono imperdibili le centinaia di specie di alberi, tra cui imponenti mangrovie, e la scimmia Colobus Rossa, una specie endemica di questa zona che rappresenta una delle principali ragioni per recarsi nella foresta di Jozani.
Specie in via di estinzione, il Colobus è una specie socievole che vive in branchi, anche di diverse decine. Facile quindi incontrarne diversi in un unico momento.
La foresta si raggiunge facilmente con l’autobus (Linee 309 o 310), con un taxi o tramite un tour organizzato.

La Foresta di Jozani si estende su una superficie di oltre 50 chilometri quadrati, insignita come area protetta sin dal 1960. A causa dell’elevato costo dell’elettricità nell’isola, la popolazione si affida comunemente all’utilizzo di carbone e legna per attività domestica, come per esempio cucinare. Ciò provoca una domanda sempre crescente di legno, che può essere ricavato esclusivamente mediante il taglio degli alberi. Tale pratica è da sempre considerata una grave minaccia per l’ecosistema locale, tanto da perdere il 3% di macchia boschiva ogni anno.

Occorre attendere il 2004 prima di vedere istituirsi il Parco Nazionale Jozani Chwaka Bay per evitare lo sfruttamento commerciale degli alberi di questa foresta, proteggendo oltre che la ricca flora, anche la fauna e in particolare il Colobus Rosso che a Zanzibar era in via di estinzione.

 


 

Condividi su: