La collina di Petrin a Praga

La Collina di Petrin a Praga famosa per la sua torre della televisione, labirinto degli specchi e molte altre attrazioni.

La collina di Petrin a Praga con la torre della televisione

La collina di Petrin è uno dei colli che spalleggia la città di  Praga, capitale della  Repubblica Ceca. Il colle già dal centro città è facilmente riconoscibile per la inconfondibile torre della televisione situata alla sua cima, una struttura dalle sembianze simili alla Torre Eiffel.

La collina di Petrin attira ogni anno migliaia di turisti principalmente per il panorama che spazia sulla città, garantendo una delle migliori viste su Praga. Per gran parte incontaminata, questa è anche l’area maggiormente incontaminata della città.

In tempi antichi, precisamente nell’Alto Medioevo, questa collina era parte integrante della vasta foresta che contornava la periferia della città e ospitava uno dei vigneti di Re Carlo. Gli anni passavano e giardini ed orti andavano a rimpiazzare la gran parte del bosco. Del bosco sono rimasti sopravvissuti quasi esclusivamente gli alberi da frutta, che alla fioritura primaverile creano un colorato paesaggio magnifico.

L’area della collina è oltretutto una delle mete preferite dalle coppie e dalle famiglie con bambini. I sentieri che serpeggiano lungo la collina e le annesse vedute rendono la zona particolarmente romantica.

Sono presenti numerose strade che conducono dalla città alla collina, la principale è quella da via Úvoz, raggiungibile facilmente dalla Città Vecchia attraversando il fiume Moldava e proseguendo diritto.

Però, nonostante quella pedonale possa essere più peculiare, è presente la funicolare, chiamata Lanová dráha, che trasporta facilmente e velocemente i visitatori. La funicolare fa capolinea vicino la via Újezd ed è aperta dalle 9.15 alle 20.30 ogni giorno, fa un viaggio ogni 10 minuti.

La funicolare fa anche due fermate, la prima è al ristorante alla Nebozízek, che offre vedute fantastiche sulla città, e la seconda all’antico vigneto desiderato da Re Carlo.

La Torre della Televisione

La collina di Petrin, Praga

Una volta scesi dalla funicolare si ammirerà immediatamente la versione in miniatura della Torre Eiffel, la Torre della televisione di Praga. Facilmente riconoscibile ed alta un quarto rispetto alla più celebre parigina, è stata costruita solo due anni dopo alla Torre Eiffel, nel 1891.

Questa torre non solo testimonia gli ottimi rapporti nel 19° secolo tra  Francia e Repubblica Ceca, ma è un ottimo esempio dell’eterno splendore e sviluppo del paese già nei secoli scorsi.

La torre venne commissionata in occasione dell’EXPO di Praga del 1891 per poi essere trasferita nel luogo attuale nel quarto decennio dello scorso secolo.

Una volta arrivati ai piedi della torre è possibile osservare facilmente la somiglianza tra le due torri ed è possibile recarsi nel bar. Ma non solo, è presente un punto panoramica sulla cima, raggiungibile percorrendo 300 gradini.

Labirinto degli Specchi

Superata la stazione della funicolare e la torre si raggiungerà il Labirinto degli Specchi, una delle attrazioni più amate della Collina di Petrin.
Si tratta di un tipico gioco dei parchi di divertimento, situata all’interno di un edifico progettato sul modello di un castello neogotico, costruito nel 1891.

È senza dubbio l’attrazione più amata dai bambini, che possono passare intere ore a girovagare tra gli specchi che riflettono figure distorte e particolari che trasformano chiunque in una caricatura grottesca.

L’attrazione è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20 e il costo d’ingresso costa 90 CHZ per adulto, poco meno di 4 euro, 70 CHZ il biglietto ridotto e 250 CHZ quello famigliare.

Muro della Fame

Superato il Labirinto degli Specchi si giungerà al Muro della Fame. Questa è l’area rimasta ancora in piedi delle antiche fortificazioni costruite nel 1360 da Carlo IV.

Questo progetto è celebre storicamente per aver rimesso in risalto le attività politiche da parte di Carlo IV assumendo per la costruzione i disoccupati proletari della città.

I resti del Muro della Fame rimangono però particolarmente ben conservate e di misure anche abbastanza grandi, si parla infatti di circa 1 chilometri e 200 metri di lunghezza e 8 metri di altezza.

Chiesa di San Lorenzo

Collina di Petrin, la chiesa di San Lorenzo

Poco distante dal Labirinto degli Specchi ed oltre al Muro della Fame è situata la Chiesa di San Lorenzo. Questo pittoresco edificio ecclesiastico, uno dei pochi nella Collina di Petrin, è facilmente riconoscibile per la sua colorazione rossastra e per i suoi caratteristici campanili con la cima a forma di cipolla.

La Chiesa di San Lorenzo risale al 1784, costruita su un sito di una più antica cappella di epoca romanica, caratterizzata da una sola navata e risalente alla metà del 12° secolo.

Dell’antica cappella erano rimaste due finestre, anch’esse di epoca romanica, che successivamente murate durante un successivo restauro.

La nuova chiesa venne ricostruita in stile barocco e venduta, insieme all’annesso cimitero in una casa residenziale con diversi piccoli appartamenti. Solo nel 1935 venne acquistata dalla Chiesa cecoslovacca con lo scopo di farla riportare allo splendore originale, fallendo per mancanza di fondi.

La chiesa venne quindi adibita a sala espositiva e musicale, conservando comunque le sue peculiarità architettoniche. Venne usata per i concerti al coperto del Festival della Primavera di Praga e per la registrazione della musica rinascimentale e barocca.

I giardini reali di PragaUna passeggiata tra i Giardini Reali di Praga
Una passeggiata tra i Giardini Reali di Praga, nel complesso del Castello di Praga dove sono presenti edifici storici e diversi giardini.

Continua a leggere

Osservatorio

Percorrendo in direzione opposta la strada che raggiunge la torre è possibile recarsi nell’Osservatorio.

L’Osservatorio è aperto al pubblico e offre ai visitatori la possibilità di provare alcuni dei più potenti telescopi del paese. All’interno è presente una piccola mostra museale che espone alcuni degli antichi strumenti astronomici.

Scopri di più:

Cosa vedere a Santarem in Portogallo
Cosa vedere a Rabat, la capitale del Marocco

 

Condividi su: