Chiesa di Federico
Copenhagen

Tutti gli articoli di Copenhagen

!function(){“use strict”;window.addEventListener(“message”,(function(e){if(void 0!==e.data[“datawrapper-height”]){var t=document.querySelectorAll(“iframe”);for(var a in e.data[“datawrapper-height”])for(var r=0;r<t.length;r++){if(t[r].contentWindow===e.source)t[r].style.height=e.data["datawrapper-height"][a]+"px"}}}))}();

Icona articolo onemagLa Chiesa Marmorea, originariamente nota come Chiesa di Federico (Frederiks Kirke) rappresenta uno dei migliori esempi di architettura barocca presenti a Copenaghen. La sua costruzione si è ispirata alla Basilica di San Pietro e occorsero circa 150 anni per vederla completata. Il progetto venne commissionato da Federico V, a cui è stata originariamente intitolata, nel 1749. Appena vent’anni più tardi i lavori furono sospesi a causa di mancanza di fondi.

 

Del progetto originale, ideato in stile rococò da Nicolai Eigtved, è rimasto poco: dato che a inizio XX secolo la Chiesa di Federico fu aperta al pubblico in puro stile barocco. Da ammirare è la scenografica cupola di marmo, indubbiamente la parte più interessante della chiesa, che si presenta con un diametro di 31 metri e un’altezza di circa 50: è la più grande cupola di tutta la Scandinavia.

 

Descrizione della Frederiks Kirke

Cosa vedere a Copenaghen, la Chiesa di Federico

Il punto centrale del Frederiksstaden doveva essere una chiesa costruita in onore dei 300 anni della famiglia reale.

La chiesa fu progettata dall’architetto Nicolai Eigtved nel 1740-49. In occasione della sua progettazione, re Federico gettò la prima pietra durante una grande cerimonia pubblica.

Tuttavia, dopo la morte di Eigtved nel 1754, i progetti per la chiesa si arrestarono e subirono un considerevole cambiamento quando un nuovo architetto, il francese Nicolas Henri Jardin, continuò l’opera di Eigtved.

Infatti, in origine la costruzione della chiesa doveva essere effettuata interamente in marmo norvegese.

Tuttavia, questo si dimostrò così costoso che nel 1770 il primo ministro Johann Friedrich Struensee ordinò la sospensione del progetto e anche dopo la morte di quest’ultimo nessun tentativo di portare a termine il progetto ebbe successo.

Per quasi un secolo e mezzo la costruzione della chiesa non andò avanti e solo nel 1874, Andreas Frederik Krieger, allora ministro delle finanze della Danimarca, vendette le rovine della chiesa incompiuta e la piazza della chiesa a Carl Frederik Tietgen, un ricco e influente uomo d’affari, per 100.000 Rigsdaler a condizione che la chiesa mantenesse uno stile simile a quello dei piani originali e venisse donata allo stato una volta completata.

Anche con Krieger il percorso non fu facile perché quest’ultimo, a causa dell’accordo con Tietgen, fu accusato di corruzione. Le accuse caddero nel 1877 e Tietgen fu in grado di ingaggiare l’architetto Ferdinand Medahl per la costruzione della chiesa definitiva.

A causa di restrizioni finanziarie, i piani originali per la costruzione della chiesa quasi interamente in marmo vennero definitivamente scartati, e invece Meldahl optò per la costruzione della chiesa in pietra calcarea con qualche punto strategico in marmo Norvegese. La chiesa fu finalmente aperta al pubblico il 19 agosto 1894.

Oggi, la chiesa cerca di essere un moderno punto di riferimento della città le cui porte sono aperte al pubblico ogni giorno. Tra i giovani Danesi è divenuto estremamente popolare sposarsi in questa chiesa. Infatti, Marmorkirken è così popolare che vi è addirittura una lunga lista d’attesa per poter celebrare le nozze, che in genere vengono consentite solo il Venerdì e il Sabato di ogni settimana. La cupola offre una delle più belle viste della città da cui possono essere avvistate anche le isolette più piccole di Copenaghen.

 

Informazioni pratiche

Marmorkirke è situata a Frederiksgade 4, a soli dieci minuti a piedi da Nyhavn. Nel 2018, i lavori per aprire una fermata della metropolitana nei dintorni sono stati conclusi e adesso è possibile raggiungere la chiesa con le linee M3 e M4 fermandosi alla stazione “Marmorkirke”. La zona è servita anche dalle linee di autobus 1A, 6A, 2 e 42 che collegano le aree urbane di Nørrebro e Østerbro.

L’ingresso generale alla Chiesa è gratuito ma vi è invece un ingresso a pagamento per quanto riguarda il tour della torre della cupola (da cui è possibile ammirare la vista di Copenaghen dall’alto). Il tour della cupola è disponibile tutto l’anno.

Ma vi sono delle limitazioni nel periodo invernale in cui i tour si svolgono solo ogni sabato e domenica alle ore 13.00. Il tour della torre dura circa 45 minuti e costa € 5 per gli adulti e € 3 per bambini e ragazzi sotto i 18 anni. Il biglietto non è prenotabile in anticipo ed è acquistabile in loco solo in contanti. In caso di funzioni e prove del coro, la chiesa non è visitabile.

 

Continua a scoprire Copenaghen: