Condividi su:

La casa di Goethe a Francoforte

Tutti gli articoli della Germania

Map

 

Icona articolo

In posizione centrale, al numero 23 della Hirschgraben, troviamo la Casa di Goethe, l’abitazione dove è nato il poeta e scrittore tedesco. Giusto al suo fianco ha sede invece il Museo di Goethe, entrambi accessibili con un unico biglietto. La dimora è quella in cui, il 28 agosto del 1749, vide la luce il neonato Johann Wolfgang von Goethe, colui che un paio di decenni dopo divenne uno dei principali autori della letteratura mondiale. Qui visse fino al 1795, anno in cui la morte del padre costrinse la madre a venderla, divenuta troppo onerosa da mantenere.

Quasi completamente distrutta durante i bombardamenti del secondo conflitto mondiale, venne ricostruita al termine del conflitto e nuovamente resa disponibile al pubblico nel 1951. Oggi la sua apertura è quotidiana, dalle 10 alle 18, e con il biglietto di accesso avrete la possibilità di unire la visita all’adiacente Museo di Goethe, al cui interno è possibile ammirare una serie di dipinti e di busti del periodo compreso tra il XVIII e il XIX secolo. Entrambi gli edifici sono visitabili anche con una visita guidata.

OneMag-logo
Link-uscita icona  La guida completa per visitare Francoforte

La Goethehaus, la casa museo a Francoforte

La casa museo di Goethe a Francoforte, interni

Oggi completamente ricostruita, la Casa di Goethe a Francoforte è suddivisa su quattro piani, ognuno dei quali sapientemente arredato anche con un richiamo allo stile italiano, passione trasmessa dal padre al giovane Johann Wolfgang e poi da lui proseguita nella sua vita, come testimoniato dal suo Viaggio in Italia, compiuto dal 3 settembre 1786 al 18 giugno 1788. Il libro, pubblicato in due volumi nel 1816 e nel 1817, ha avuto poi un seguito nel 1829 con la pubblicazione riferita alla sua seconda visita a Roma.

Una volta varcato l’accesso avrete modo di visitare le tre stanze collocate al piano terra, ovvero la cucina e le stanze gialla e blu. La prima è la stanza che conserva i ricordi della madre dopo il 1775, anno in cui il poeta si trasferì a Weimar. La stanza blu era invece la sala da pranzo con tanto di pompa ad acqua e luogo condiviso sia dalla madre del poeta che dal suo personale, un cuoco e due cameriere. Da qua si accede mediante una scala al piano superiore.

Al primo piano avremo modo di visitare da subito la stanza rossa, quella dove venivano organizzati i ricevimenti e adibita anche ad ospitare le eminenze in visita. A fianco ha sede una delle sale maggiormente apprezzate dal giovane Goethe, la stanza della musica, al cui interno è conservato il piano verticale, opera rara che dimostra l’amore per la musica di tutta la famiglia Goethe.

Il secondo piano conserva la stanza dove il piccolo Johann Wolfgang von Goethe nacque e le due stanze laterali sono quelle della madre e della sorella, oltre alla biblioteca dove oggi sono presenti oltre 2.000 volumi, gli stessi utilizzati per gli studi della famiglia.

Conclude la visita il terzo e ultimo piano, dove ha sede la stanza della scrittura, la sala dove il poeta si ritrovava a scrivere le sue prime opere. Completa il piano il teatro delle marionette, offerto in dono all’età di quattro anni dello scrittore e raccontato nell’opera la missione teatrale di Wimhelm Meister, composto tra il 1777 e il 1785.

location_icon onemagGroßer Hirschgraben 23-25, 60311 Frankfurt am Main
+4969138800

Icona web onemagSito ufficiale

 


 

Condividi su: