Kuldiga, viaggio nella Curlandia

Kuldiga è un giovane comune della regione storica di Curlandia della Lettonia. Visitiamo la cittadina sul Mar Baltico.

Cosa vedere a Kuldiga, la fiabesca città ispirata dal Mare dell’ambra

Nel territorio pianeggiante della regione di Curlandia, circondata dal Mar Baltico, detto anche mare dell’ambra, e dal Golfo di Riga, sorge il comune di Kuldīga. La città, un tempo parte della Lega Anseatica, conserva l’aura di località pittoresca dal passato intraprendente e segnato da uno sviluppo incalzante, interrotto dalle guerre del diciottesimo secolo.

Giovane comune di Kuldiga

Kuldiga

Visitando la Lettonia, è inevitabile fermarsi in questo giovane comune, istituito solo nel 2009, e lasciarsi conquistare dal fascino della cittadina. Kuldīga, ammirata e decantata da poeti e pittori per i suoi ridenti paesaggi e per il suo centro, ha conservato i vecchi edifici in legno che si assiepano lungo le strette strade ritagliandosi un’immagine di longevità che nulla ha a che vedere con la greve vecchiezza.

Giunti a Kuldīga, ci si immerge nell’atmosfera avvolgente della parte vecchia della  città, piccola ma molto bella con l’antico e caratteristico ponte di mattoni. Da questo ponte si vede tutto il letto del fiume Venta, che evoca gli ambienti tipici delle favole nordiche. D’obbligo la visita delle Chiese della Santa Trinità e quella di Santa Caterina, edifici suggestivi e pregni di storia.

Il parco cittadino Kuldiga

Kuldiga, parco

Mantenendo il fil rouge dell’atmosfera fiabesca, la visita del Parco cittadino regala un’istantanea di attenzione e pulizia che sfiora l’incredulità. Fiori bellissimi e piante ben curate affiancano i vialetti lungo i quali diventano piacevolissime le passeggiate. Tutt’intorno sculture di legno, raffiguranti curiosi personaggi, a ridosso di un ameno laghetto.

Apprezzati gli esempi della bellezza architettonica di Kuldīga, ci si può immergere nella magnificenza della sua ricchezza ambientale. Qui, infatti, si trova la cascata di Venta, la più ampia di Europa, con fronte molto esteso ed il salto modesto, ma spettacolare. In estate è possibile farvi il bagno per regalarsi un’esperienza particolare passando sotto la rapida.

Il monumento naturale di Kuldiga

La Venta rapid o Ventas Rumba, come la chiamano i lettoni, con i suoi 270 metri di larghezza ed i 180 di altezza, nel 1997 è diventata monumento naturale della Lettonia e sono tantissimi i uristi e gli appassionati di escursionismo che la visitano ogni anno. In autunno, inoltre, la cascata regala un altro spettacolo caratteristico: la risalita della corrente fatta dai salmoni che, come da loro natura, percorrono al contrario il corso d’acqua.

Viaggio in LituaniaGruto Parkas e Druskininka, un viaggio in Lituania
Un viaggio in Lituania attraverso il museo all’aperto di Gruto Parkas ed i bagni termali di Druskininka. Scopriamo Gruto Parkas

Grotte di sabbia di Riezupe

Un’altra tappa imperdibile visitando Kuldīga sono le grotte di sabbia di Riezupe. Le caverne sono frutto degli scavi effettuati per estrarre la sabbia necessaria per la produzione dei bicchieri. Accompagnati da una guida ci si addentra nei cunicoli, presenti negli oltre 2 chilometri di tunnel, ed armati di torce e maglioni, si vive la suggestiva esperienza speleologica.

Attrazioni di ogni tipo a Kuldīga: e che nessuno dica che lungo la via dell’ambra che dal mar Baltico scendeva verso il Mediterraneo, non ci sono ancora tesori da ammirare.

Scopri di più:

Cosa vedere a Bergen, Norvegia
Il lago di Bracciano

 

Condividi su: