Cosa vedere all'isola di Korčula in Croazia

Korčula, Croazia | Cosa vedere all’isola di Korčula


Condividi su:

Cosa vedere all’isola di Korčula

Tutti gli articoli della Croazia
Cosa vedere a Korcula, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemag

Korčula è un’isola croata appartenente alla contea di Dubrovnik-Neretva ed è la seconda isola per abitanti del paese. Poco distante dalla terraferma, l’isola è quasi affiancata alla Penisola di Peljesac raggiungibile in pochi minuti di traghetto ed è connessa direttamente sia con Spalato, Dubrovnik e l’isola di Hvar, da cui è separata dal Canale di Korčula. Con i suoi 15.000 abitanti, l’isola è la sesta più grande dell’Adriatico e al suo interno troverete tre città che meritano essere visitate, Korčula, Vela Luka e Blato Korčula.

I suoi quasi 47 km di lunghezza e i quasi 8 di larghezza nel punto più ampio fanno di Korčula la sesta isola dell’Adriatico. Lungo la sua estensione è caratterizzata da una catena montuosa la cui cima più alta è rappresentata dal monte Klupcsa, di modeste dimensioni, a 568 metri di altitudine. La costa dell’isola, circa 180 km, è suddivisa tra la costa meridionale con rocce alte e la costa settentrionale con un facile accesso al mare e con coste basse o assenti.

Cosa vedere sull’isola di Korčula

L’isola croata per alcuni studiosi è il luogo di nascita di Marco Polo, durante il periodo in cui l’isola era parte della Repubblica di Venezia. Oltre a questo dettaglio storico, l’isola è particolarmente visitata per le sue spiagge di ciottoli che caratterizzano il nord mentre la parte più meridionale è quasi interamente con spiagge di sabbia.

La parte più occidentale è invece l’area preferita dagli amanti delle immersioni che qua possono approfittare delle coste rocciose per ammirare il suo ricco fondale. In molti la scelgono durante il mese di Settembre quando da anni viene organizzato il Festival barocco di Korkyra. Altro evento importante è quello del 29 Luglio, la Festa di San Teodoro, dove nella piazza principale si svolge la Moreska, una danza cavalleresca organizzata dal XV secolo.

La città di Korčula

Cosa vedere isola di Korcula, panorama della città di KorculaCon i suoi circa 3.000 abitanti, la città di Korčula è la più importante dell’omonima isola e caratterizzata da una storia antica. Una volta arrivati sarete da subito accolti da antichi palazzi e chiese che sono racchiuse da mura e bastioni del centro storico. La parte moderna della città è invece sviluppata all’esterno delle mura, in direzione Luka Zagradac.

Korčula, o Curzola come nota in italiano, ha uno stile architettonico tipico delle città medievali ed è stata fondata su una piccola collina che testimonia la sua storia di città di difesa. Sono proprio le mura e le torri che racchiudono il centro storico della città a cui si accede attraversando la torre Veliki Revelin, con i suoi stemmi dei dogi di Venezia che ricordano il passato dell’isola. La città è stata creata con estrema attenzione anche nella sua pianta urbana, caratterizzata da un sistema di vie e vicoli studiati per fornire la massima sicurezza.

Cosa vedere nella città di Korčula

Cosa vedere isola di Korcula, porta di ingresso città vecchia KorkulaLa sua struttura urbana risale al XIII secolo e delle torri che originariamente erano di difesa della città oggi possiamo ammirare unicamente la torre Ravelin, la torre Tiepolo e la torre Barbarigo. La prima, la torre Ravelin, risale al 1493 ed è la porta principale di accesso al centro storico della città; la torre Tiepolo è invece posta nella parte più settentrionale della cinta muraria e la torre Barbarigo, l’ultima, è stata costruita nel 1488 e si trova a breve distanza dal porto, nell’area occidentale della città.

Nel suo centro storico possiamo ammirare il Museo Civico, istituito all’interno del Palazzo Gabrieli risalente al XVI secolo, il Municipio cittadino, costruito nel 1525 e la Cappella di Nostra Signora, risalente invece al 1531. Merita particolare attenzione, nell’omonima piazza, la Cattedrale di San Marco, costruita nel XV secolo in gotico-rinascimentale da un gruppo di artigiani che la realizzarono utilizzando la pietra locale. Al suo interno l’edificio è singola navata e sono custodite alcune opere come una statua di bronzo raffigurante San Biagio e alcuni dipinti, tra cui un’opera dell’artista veneziano Jacopo Bassano. Nella parte occidentale della città, infine, troviamo il Monastero Domenicano con annessa la chiesa di San Nicola.

Le altre città dell’isola di Korčula

Cosa vedere a Korcula, Vela Luka
Vela Luka, veduta notturna

Oltre alla principale, nell’isola di Korčula sono presenti altre città come Blato, la seconda per grandezza, posizionata nella parte orientale. Si tratta di un centro agricolo dove viene prodotto anche un ottimo vino e qui merita una visita la chiesa Parrocchiale di Ognissanti, risalente al XVII secolo dove al suo interno è presente un altare di legno risalente al periodo rinascimentale. La piazza principale della città ospita la Loggia Barocca, risalente al Settecento e la chiesa di San Girolamo, tra gli edifici più antichi, costruita nel quattordicesimo secolo.

Prigradica è nella parte nord-occidentale dell’isola a 5 km da Blato. Siamo in un piccolo villaggio di pescatori, in passato una delle prime zone abitate. E’ una tra le località più storiche dove poter ammirare le abitazioni tradizionali realizzate in pietra. La cittadina oggi, sede di resort e alberghi, viene scelta per praticare vari sport e per il trekking, luogo di partenza ideale anche in bicicletta per scoprire la parte più incontaminata dell’isola.

Dal lato opposto dell’isola, Lombarda si trova a 8 km a est da Korčula ed è una cittadina di un migliaio di abitanti. La sua storia la ricorda come possedimento ellenico dove dal XVI secolo gli abitanti più facoltosi costruirono ville fortificate note come castelli. Ancora oggi alcune di queste ville sono tuttora presenti in città e abitate. Merita anche una visita la Parrocchiale di San Rocco, chiesa a tre navate e gli altri più modesti istituti religiosi. Qui hanno sede numerosi alberghi, pensioni ma anche campeggi, rendendo la cittadina una delle mete da valutare per soggiornare sull’isola di Korčula.

Vela Luka è posizionata su un’ampia baia e rappresenta il principale centro di pesca e la città più a ovest dell’isola. Insieme a Korčula rappresenta il centro turistico più importante e la sua economia, oltre alla pesca, è il turismo. In città merita una visita il Museo Civico e la baia Kale, ottima per le sue proprietà terapeutiche mediante i suoi fanghi curativi. A livello di edifici non perdetevi la chiesa di San Giovanni, posta nella baia Gradina che vedremo meglio in seguito e quelle che oggi sono solo rovine di un’antico Monastero.

OneMag-logo
Link-uscita icona Guida a Morter, la splendida isola della Croazia

Le spiagge dell’isola di Korčula

Spiagge di Korčula a nord dell'isolaTante le spiagge presenti sull’isola di Korčula, una costa frastagliata ricca di baie e insenature. Molte delle baie sono le zone da preferire per coloro che cercano relax e tranquillità pressoché assoluta, immersi nella natura praticamente incontaminata.

Spiagge di Korčula a sud dell’isola

La parte meridionale è quella più inaccessibile, caratterizzata da una piccola presenza di villaggi vacanze. Nelle vicinanze di Lombarda si trovano tre baie interessanti, quella di Rasohatica, Bratinja Luka e Bacva tutte caratterizzate da spiagge di ghiaia circondate dalla vegetazione.

Altre spiagge da prendere in considerazione sono quelle di Tri Luke, Karbuni e Zaglav, poco distanti dal piccolo abitato di Grsica. A meno di una decina di chilometri da Blato troviamo invece la baia Karbuni, utilizzata anche come ricovero per le barche con diversi isolotti nelle vicinanze che permettono sia di abbronzarsi che di fare snorkeling lontano dai centri più turistici.

Nelle vicinanze della città di Vela Luka troviamo la baia di Zaglav e a circa 3 km di distanza l’insenatura nota come Tri Luke con le sue tre campate più piccole estremamente protetti dai venti. Sempre nei suo dintorni altre tre baie sono meritevoli di una visita, quella di Gradina, di Mikulina Luka e di Stratincica. L’insenatura Gradina propone anche il noleggio di barche per esplorare i dintorni direttamente dal mare. Straticinca invece è una insenatura protetta dai venti con una bella spiaggia di ciottoli.

OneMag-logo
Link-uscita icona Hvar, l’isola croata tra le più belle al mondo

Spiagge di Korčula a nord dell’isola

La parte settentrionale propone, a un paio di km da Prigradica due baie da prendere in considerazione, quella di Spiliska e Crnja Luka, quest’ultima con una bella spiaggia di ciottoli mentre Spiliska con una riva prevalentemente rocciosa. Entrambe isolate, distano 4 km da Blato e 6 km da Vela Luka.

Più centrale la baia Babina, a breve distanza da Prigradica con la riva tipicamente rocciosa e priva di spiagge ma luogo ideale per immergersi nell’assoluto relax. A breve distanza dalla città di Korčula sono presenti le baie Vrbovica e Medvinjak, entrambe nella periferia occidentale. La loro vicinanza con la città più importante dell’isola le rendono particolarmente frequentate, specie di sera quando diventano sede della movida locale.


 

Condividi su: