Cosa vedere a Koh Samui, la terza isola
della Thailandia

Tutti gli articoli della Thailandia

Ko Samui Thailandia, mappaIcona articolo

Ci troviamo nel Golfo del Siam dove troviamo Koh Samui, quella che è la terza isola di tutta la Thailandia, per estensione. La capitale, ⇒ Bangkok, è piuttosto distante, oltre 600 km, ed è possibile raggiungerla con voli che la connettono più volte quotidianamente. Non è l’unico modo per raggiungere l’isola di Koh Samui, è infatti possibile arrivarci salpando dal porto di Surat Thani con uno dei diversi ferry che la uniscono alla terraferma.

Distinta da una catena montuosa e da meravigliose spiagge bianche, Koh Samui è un’isola  attrezzata per il turismo con alberghi di varie categorie. Una volta individuato l’alloggio preferito non rimane altro che rilassarsi, staccare la spina e lasciarsi avvolgere dall’atmosfera dell’isola.
Pronti a scoprire cosa vedere a Koh Samui?

Cosa vedere a Koh Samui

Cenni storici

Cosa vedere a Koh Samui, veduta dell'isola

La storia dell’isola di Koh Samui la colloca come già abitata nel VI secolo, anche se non è da escludere una sua presenza umana già in periodo precedente. In quel periodo, infatti, la terza isola thailandese ospitava una grossa comunità di pescatori che si era stanziata su queste terre. Oltre al mare che garantiva una sopravvivenza assicurata, anche il territorio forniva ottimi spunti per decidere di viverci. In passato erano proprio le terre fertili, la pesca e anche le palme da cocco a far scegliere i primi coloni a stabilirsi sull’isola.

Una volta raggiunta, si potrà passeggiare per il più grande centro abitato dell’isola, Na Thon, dove avremo modo di scoprire la storia dell’isola di Koh Samui.

Oggi la risorsa più importante è il turismo e Na Thon è il fulcro con la sua importante sede del porto turistico e anche commerciale dell’isola. Bastano giusto un paio d’ore di navigazione oppure meno in aereo per planare su una terra meravigliosa, con spiagge più simili al borotalco che alla sabbia.
In passato i primi turisti arrivati dovevano percorrere sentieri impervi e lunghe camminate prima di rimanere estasiati dalla bellezza di Koh Samui. Ma anche allora ne valeva davvero la pena.

OneMag-logo
Link-uscita icona  La guida a Chang Mai, la seconda città più grande della Thailandia

Come muoversi a Koh Samui

Cosa vedere a Koh Samui, elefante da trasporto turisti

Per visitare l’isola la modalità migliore è quella di noleggiare uno scooter in una delle tante agenzie presenti a Na Thon. Se preferite un’alternativa sicuramente più originale e avventurosa, allora non mancate di scegliere una escursione in sella a un elefante, probabilmente meno pratico dello scooter ma impagabile e indubbiamente da raccontare al vostro rientro. Tra le cose da fare a Koh Samui, il safari ecologico è tra le attività più apprezzate e interessanti. Una volta saliti in sella al vostro elefante potrete raggiungere praticamente ogni luogo ma non mancate di farvi portare in uno dei luoghi più belli in assoluto, le cascate di Na Muang.

Conclusa la magnifica esperienza in elefante, risulta logico tornare con i piedi più a terra e riprendere in mano lo scooter. Una volta in sella al veicolo a due ruote preparatevi ad ammirare i dintorni di Na Thon oppure scegliere di spostarvi completamente in altra zona. Tra i villaggi segnatevi Bo Phut Bay, noto per ospitare una delle statue più grandi di Buddha.
Se invece siete alla ricerca di una spiaggia non avrete che l’imbarazzo della scelta.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Un viaggio alternativo per scoprire il complesso religioso di Phimai

Le spiagge di Koh Samui

Cosa vedere a Koh Samui, le spiagge

Sono proprio le spiagge la principale cosa da vedere a Koh Samui, la ragione che spinge ogni anno qualche migliaio di turisti provenienti anche dall’Europa di sceglierla come meta di vacanze. Il Grande Buddha appena citato si posiziona, piuttosto distanziato, solo secondo come attrazione ma valorizzato dalla Big Buddha Beach, la spiaggia intitolata a suo nome e che vuole naturalmente rendere omaggio all’antica tradizone religiosa dell’isola. Proprio questa è una delle principali spiagge di Koh Samui, scelta soprattutto da famiglie con bimbi al seguito e ben attrezzata con numerosi locali e ristoranti.

La più grande spiaggia è invece la Chaweng Beach, lunga ben 7 km e altrettanto servita da negozi, locali e innumerevoli ristoranti. E’ una spiaggia ideale per chi vuole sentirsi coccolato, vista la presenza di tutti i servizi ma meno indicata se volete rilassarvi. Proprio la presenza dei locali, infatti, coincide con un certo affollamento ed è una tra le spiagge più frequentate da giovani alla ricerca di divertimento.

Più tranqulla ma altrettanto con tanti servizi è la spiaggia di Lamai, forse la scelta ideale per trovare riposo ma potendosi concedere anche qualche divertimento. Lamai è la seconda spiaggia di Koh Samui e questa potrebbe essere anche un’ottima zona per trovare alloggio.

Se cercate invece proprio il relax assoluto dirigetevi a Choeng Mon Beach, una lunga sequenza di piccole baie intervallate con resort di lusso e abitazioni piuttosto lussuose. La sua distanza da quasi ogni cosa la rende esclusiva e il luogo ideale dove cercare il vero riposo. Da scegliere quando la vostra batteria è quasi completamente scarica.

OneMag-logo
Link-uscita icona  L’isola di Ko Chang, la seconda isola più grande della Thailandia

I ristoranti di Koh Samui

Cosa vedere a Koh Samui

La Thailandia è anche una meta da apprezzare per la sua cucina, salutare e ricca di pesce e verdure. Koh Samui tuttavia si differenzia rispetto alla classica gastronomia thailandese con l’uso di meno spezie e anche con molti piatti in cui al posto del peperoncino gli si preferisce un condimento preparato con latte di cocco e curry.

Koh Samui è ricca di ristoranti perfetti per provare qualsiasi tipo di cucina, anche quella internazionale tra cui l’immancabile cucina italiana o quella brasiliana. Per uno spuntino o per una pausa informale non mancano locali pronti a vendervi un sandwich o un caffè mentre per una fame improvvisa anche le bancarelle di street food non saranno difficili da trovare vicino alle spiagge e ai villaggi più frequentati.

I prezzi sono generalmente economici, non sarà difficile trovare ristoranti con un menù serale a base di pesce appena pescato con una decina di euro. Tuttavia se la vostra scelta volesse ricadere sulla cucina internazionale o su ristoranti particolarmente eleganti, il conto è destinato a salire, senza tuttavia arrivare mai a cifre esagerate.

OneMag-logo
Link-uscita icona Pattaya, la meta balneare della Thailandia

Turismo a Koh Samui

Cosa vedere a Koh Samui, il Grande Buddha

La scelta di vietare costruzioni più alte rispetto all’altezza media della pianta di noci di cocco ha evitato grandi palazzi o grattacieli, lasciando piuttosto equilibrato l’intero territorio. Se avrete deciso di arrivarci in aereo troverete uno degli aeroporti più belli in assoluto mentre se avrete scelto il battello arriverete lungo la costa, tra turisti, palme e spiagge.

Se volete esplorare l’isola meglio scegliere invece che lo scooter un fuoristrada che vi consentirà di esplorare luoghi altrimenti inaccessibili senza una guida. Questa soluzione è quella da preferire se volete esplorare tutte le cose da vedere a Koh Samui.

Per una esperienza probabilmente nuova raggiungete invece la spiaggia di Chaweng dove, nelle sue vicinanze, troverete la Samui Crocodile Farm e i suoi spettacoli quotidiani tra coccodrilli e cobra. I suoi dintorni offrono tanti negozi di artigianato locale o delle tante repliche di borse, orologi e accessori, in particolar modo.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Viaggio nei paesi orientali, il fascino di un turismo esclusivo

Quando andare a Koh Samui

Cosa vedere a Koh Samui

Con il suo clima monsonico, Koh Samui ha una temperatura quasi sempre calda.
La temperatura maggiore si registra a maggio, con una media di 33°, mentre a gennaio si scende fino ai 29°. Le minime scendono a 23° a dicembre e a 25° nel mese di aprile.
Il periodo migliore è quello che va da gennaio ad aprile mentre è da evitare quello tra ottobre e dicembre per via dei monsoni.

Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio 2021