Kharkiv, Ucraina | Cosa vedere a Kharkiv, la seconda città dell’Ucraina


Condividi su:

Cosa vedere a Kharkiv, Ucraina

Leggi tutti gli articoli dell’Ucraina
Mappa di Kharkiv, Ucraina
Mappa di Kharkiv, Ucraina

Icona articolo

Kharkiv, conosciuta anche come Kharkov, e talvolta riportata come Charkiv, è la seconda città per numero di abitanti dell’Ucraina. Con oltre un milione e mezzo di abitanti, Kharkiv è una delle città più ricche e splendenti dell’Est Europa, un polo di primaria importanza sia in ambito industriale che in quello scientifico, oltre che commerciale. Si tratta anche di un importante luogo per lo sport internazionale, con lo stadio che ha ospitato alcuni dei più importanti match della competizione calcistica Euro 2012, che in quell’anno si teneva proprio tra l’Ucraina e la Polonia.

Sulla carta la città è una delle più intriganti dell’Ucraina, caratterizzata da un ricco patrimonio architettonico di alto valore artistico. La centrale Piazza della Libertà è la sesta più grande d’Europa, con i suoi circa 12 ettari di dimensioni, esempio rapido che ci suggerisce la portata maestosa della città. In virtù della sua articolata storia si aggiunge una grande varietà di stili architettonici, di tradizioni e di ideali, che formano un tutt’uno davvero stupendo.

Cenni storici

Panorama sul centro storico di Kharkiv, Ucraina

Fondata come avamposto cosacco nel 1654, Kharkiv mantenne dimensioni ridotte fino all’inizio del XIX secolo, quando avvenne la svolta industriale dell’insediamento. Nel 1805 fu inaugurata l’Università, ancora oggi considerata una delle migliori del paese, e nel periodo compreso tra il 1800 e il 1917 la città fece registrare un incremento demografico del 3.000%. Grazie all’importanza acquisita tramite il suo apparato industriale, Kharkiv fu nominata capitale della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina dal 1917 al 1934, per poi essere occupata dall’esercito nazista durante la seconda guerra mondiale e successivamente liberata dalle truppe dell’Armata Rossa.

A differenza di molte altre città passate attraverso la parentesi sovietica, Kharkiv ha scelto di non cancellare le testimonianze del passato, ma bensì di incorporarle all’interno di un tessuto urbano che comunque non si discosta troppo da quello degli anni ’50. Ciò nonostante, chi definisce Kharkiv un mero centro industriale privo di fascino sbaglia. Il realismo socialista che l’ha plasmata le ha conferito prerogative urbanistiche e architettoniche uniche, non più riscontrabili in nessun altro insediamento dell’Europa orientale. A ciò si è aggiunta la fase di “destalinizzazione khrushcheviana” che non ha fatto altro che arricchire la città dove, oltre alla sospensione di alcuni grandi cantieri di matrice sovietica, si assistette ad un rinascita culturale senza precedenti.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Kiev, la capitale dell’Ucraina

Cosa vedere a Kharkiv (Charkiv) | Itinerario completo

Kharkiv, Ucraina - Confluenza dei fiumi Kharkiv e Lopan, nel centro della grande città ucraina di Kharkiv
Confluenza dei fiumi Kharkiv e Lopan, nel centro della grande città ucraina di Kharkiv

Infatti, grazie alla sua felice posizione e alla sua ramificata rete stradale e ferroviaria, la città di Kharkiv è collegata a zone come la Crimea, il Caucaso, i porti del Mar Nero e del Baltico. E qui si trovano industrie di alta tecnologia che vanno dall’ingegneria energetica alla costruzione di macchine agricole, dall’elettronica all’industria aerospaziale e anche carri armati moderni, aerei e turbine che vi si producono sono richiesti in tutto il mondo.
Kharkiv è anche considerata la città delle sette meraviglie. In aggiunta alla già citata Piazza della Libertà, notevole è il monumento a Taras Shevchenko, poeta e scrittore, oltre che uomo politico del Paese, gloria della città. Grazie alle sue efficientissime tre linee metropolitane (aperte dalle 6 alle 24), Kharkiv permette al turista facili spostamenti.

Come in passato, ancora oggi il cuore pulsante di Kharkiv è l’Università, alla quale si affiancano le grandi arterie stradali di Sumska e Pushkinska, sopravvissute alle distruzioni dell’ultimo conflitto mondiale. Qui sfilano i personaggi più estroversi Kharkiv, animata da un fervore culturale davvero raro da riscontrare da queste parti. Percorrendo la Sumska a partire dalla stazione della metropolitana Radyanska si incontrano negozi alla moda, boutique di grandi marche internazionali e grandi librerie.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Odessa, Ucraina | Cosa vedere nella quarta città d’Ucraina

Piazza della Libertà

Visuale aerea su Piazza della Libertà di Kharkiv, una delle più grandi d'Europa
Visuale aerea su Piazza della Libertà di Kharkiv, una delle più grandi d’Europa

Simbolo della città di Kharkiv e meraviglia assoluta è Piazza della Libertà, la sesta piazza più grande d’Europa e la ventitreesima più grande del mondo. La piazza è spesso teatro di solenni parate militari, oltre a concerti, eventi culturali o politici.
Le fanno corona numerosi Parchi, vivacissime strade, scenografiche fontane e diversi pittoreschi caffè all’aperto.

In città il turista troverà sempre una calorosa e amichevole accoglienza, da qualunque parte del mondo giunga perché gli abitanti hanno una lunga consuetudine ad accogliere stranieri. Qui, a fianco degli scrostati palazzi sovietici in cemento, sono stati aperti bar e ristoranti dall’atmosfera glamour, per certi versi modaiola, indubbiamente poco gradita agli occhi di Lenin che tiene d’occhio la piazza dalla statua posta al centro. Guardando oltre i rigidi edifici sovietici, si notano le linee dinamiche e ondulate retaggio del periodo Art Nouveau, anch’esso decisivo nella formazione dell’odierna Kharkiv.

Nella piazza troviamo l’università e i palazzi del Governo, quali il Derzhprom ovvero il primo grattacielo sovietico ospitante attualmente il Ministero dell’industria. Soprattutto durante le sere d’estate la piazza diventa un suggestivo punto di ritrovo sia per i turisti che per i locali. E una sosta imprescindibile è davanti alla Fontana Zerkal’naya Struya (Getto a specchio), un altro importante simbolo di Kharkiv, costruita nel 1947sito protetto dall’UNESCO.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Leopoli, mix di culture sotto il cielo d’Ucraina

Cosa vedere nei dintorni della piazza

Monumento di Taras Shevchenko in via Sumskaya a Kharkov
Monumento di Taras Shevchenko in via Sumskaya a Kharkov

Lasciata Piazza della Repubblica, ci si dirige più a sud alla volta del Parco Shevchenko, nel quale si possono ammirare le statue di Lenin e del poeta Taras Shevchenko. All’interno del parco ci si può divertire nel più grande e famoso zoo ucraino, nel delfinario e nelle sale giochi presenti.

Nella parte più prossima a piazza della Repubblica in estate aprono le porte affascinanti club e ristoranti all’aperto nei quali poter degustare la tipica zuppa Borsch e i tradizionali syrniki (pancakes al formaggio).
Proseguendo l’itinerario verso sud si può ammirare il monastero Pokrovskyi, mentre spostandosi sull’altra riva del fiume Lopan si può visitare la Cattedrale Blahovishchenskyi dallo stile turco.

Se ci si vuole dedicare, invece, allo shopping ci si può dirigere verso nord nel mercato Tsentralny Rynok nel quale poter trovare di tutto e di più, dalle componenti meccaniche ai tipici prodotti locali quali gli shapki (cappelli in pelliccia).

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Lutsk in Ucraina

Le attrazioni turistiche di Kharkiv

Cattedrale Pokrovsky e Tempio della Madre di Dio Ozeryansky nel Monastero della Santa Intercessione a Kharkov.
Cattedrale Pokrovsky e Tempio della Madre di Dio Ozeryansky nel Monastero della Santa Intercessione a Kharkov.

Tra le attrazioni più meritevoli da essere visitate in città è d’obbligo menzionare le chiese di Kharkiv. Tra queste primeggia maestosa la Cattedrale Pokrovsky costruita nel 1689, la bizantina Cattedrale dell’Annunciazione, la più grande dell’Europa Orientale, e la Chiesa dell’Assunzione: tutti monumenti che attestano la lunga storia della città e la passione degli abitanti per l’arte.

Numerosi sono i musei sparsi un po’ ovunque a Kharkiv, musei peraltro dedicati in gran numero anche a quella che è la più prosperosa attività della città, come l’interessante Museo del Software e del Computer, che ripercorre la storia di questi strumenti tecnologici, o il Museo della Storia e della Tecnologia delle Ferrovie del Sud. Se per l’arte occorre visitare Il Museo d’Arte di Kharviv, con dipinti del XIX e XX secolo di arte russa e ucraina, anche le glorie nazionali hanno i loro Musei: da vedere, per la sua atmosfera, la Casa del pittore e scultore russo Ilya Repin.

Kharkiv offre, infine, una serie di interessantissimi musei: dal più tradizionale Museo di Storia (in Via Università, 5) al più originale Museo delle Culture Sessuali del Mondo (in Via Mironositska,

Tra i vanti della città di Kharkiv da non perdere il Delfinario, il Dolphinarium Nemo, una vera delizia per tutti dove si possono ammirare spettacoli davvero inconsueti, come le acrobazie di foche e delfini a suon di musica, e dove ci si può anche immergere nella vasca per giocare con gli animali, e che offre pure collaudate terapie con i delfini per rinforzare e riabilitare bambini con ridotte funzioni motorie. E sempre in tema naturalistico, vicino al Parco Shevchenko i bambini possono divertirsi allo Zoo, il più antico dell’Ucraina fondato nel 1895, dove si trovano molte specie rare di animali.

Per finire un invitante profumo di dolci guiderà a occhi chiusi il visitatore verso la famosa Pasticceria Vedmedyk, decorata nell’elegante stile Impero, la più rinomata e antica della città, attiva dal 1900, che ha servito da più di cento anni notabili del Paese e fuori, oltre allo zar di Russia.


 

Condividi su: