Condividi su:

Cosa vedere a Kaunas | La seconda città in Lituania

Tutti gli articoli della Lituania

Mappa Kaunas, Lituania
Mappa Kaunas, Lituania

Icona articolo

A un centinaio di km di distanza da → Vilnius, la capitale, troviamo Kaunas, la seconda città della Lituania e antica capitale. Posizionata giusto alla confluenza dei fiumi Nemunas e Neris, i due principali della Lituania, Kaunas è posizionata anche giusto in centro alle più grandi arterie del paese.

Colorata e vivace, Kaunas è sede di importanti festival tra cui vari dedicati alla musica, dal jazz alla classica. La città è stata scelta come una delle due Capitali della Cultura in Europa del 2022 insieme a Esch-sur-Alzette, in Lussemburgo. Luogo di antiche tradizioni, Kaunas è anche uno dei più grandi centri industriali e commerciali della Lituania, apprezzata anche per le sue sette università che rendono il nucleo urbano tra i più giovanili in assoluto.

Passeggiando lungo i viali alberati della città avrete modo di ammirare l’architettura che gli ha permesso, nel 2015, di essere avvalorata con il riconoscimento di Città Creativa da parte dell’UNESCO. Camminando lungo le lunghe strade, intervallate da magnifiche piazze, avrete modo di scoprire il patrimonio artistico e culturale di Kaunas composto da un gran numero di musei, teatri ma anche locali e ristoranti, oltre alle già citate Università.
Pronti a scoprire cosa vedere a Kaunas?

Cenni storici

Cosa vedere a Kaunas, vedutaLe prime notizie di Kaunas risalgono al 1140 quando venne citata per la prima volta da un geografo arabo che riportò sulle carte quello che si suppone essere il sito medievale della città.

Le origini certe della nascita di Kaunas risalgono tuttavia alla fine del XIII secolo quando venne costruito un castello, proprio alla confluenza dei due fiumi dove oggi sorge il centro urbano cittadino. Lo scopo della fortezza era difendere il Granducato di Lituania dai crociati dell’Ordine di Germania, intenti a conquistare il territorio. Nel XIV secolo il Castello di Kaunas divenne a tutti gli effetti la linea di confine tra i lituani della Prussia, sottoposti al controllo della Germania e il resto del popolo lituano. Nello stesso periodo la città iniziò ad accettare i primi ebrei che avevano chiesto di potersi stanziare nel territorio. Il Granducato di Lituania era in forte espansione, sia demografica che territoriale.

L’importanza della città era confermata anche da alcuni mercanti appartenenti alla Lega Anseatica che qui fondarono una sede commerciale. Nel 1408 la città lituana divenne a tutti gli effetti una città autonoma, facendo ulteriormente crescere l’economia e permettendo ancora di espandersi territorialmente.
La seconda metà del XVI secolo fu quello di una profonda decadenza a causa dell’unione del Granducato al Regno di Polonia che vide diminuire l’importanza di Kaunas e dell’intero stato.

La Guerra del Nord del secolo successivo videro Kaunas data alla fiamme nel 1635 e nuovamente incendiata, per cause naturali, nel 1732. La città era ovviamente piegata dagli eventi e nel 1795 sia la Lituania che la Polonia divennero governate dalla Russia, dando inizio alla centenaria dominazione zarista. L’impero russo venne poi attaccato nel XIX secolo dalle truppe di Napoleone, iniziando la guerra proprio da Kaunas. Bonaparte non riuscì tuttavia a sconfiggere i russi facendo tornare la città sotto il controllo dell’impero.
L’arrivo del Risorgimento, nella seconda metà del secolo, diede il via a numerosi movimenti che sfociarono nella rivolta del 1863 con i moti di protesta verso il regime russo.

Dopo il primo conflitto mondiale, la Lituania ottenne finalmente l’indipendenza nazionale, dando nuovamente origine nel 1918 allo Stato Lituano. Due anni dopo, con la Polonia che annesse Vilnius, la capitale divenne Kaunas. Prima dell’arrivo della seconda guerra mondiale, la città ebbe una nuova fase di crescita e la città venne definita la Piccola Parigi per la sua splendida architettura.
L’arrivo della seconda guerra mondiale vide Kaunas prima cadere sotto i russi e poi sotto i tedeschi, momento in cui i nazisti distrussero la comunità ebraica, la stessa iniziata nel periodo del Granducato. A guerra conclusa furono i russi a tornare in città, trasformandola con enormi quartieri residenziali operai.

L’indipendenza della Lituania venne proclamata nel marzo del 1990 e pochi mesi dopo, nel gennaio del 1991, i russi attaccarono la torre della televisione provocando 14 vittime tra i civili. Poche settimane dopo la Lituania iniziò a essere riconosciuta come Repubblica autonoma dall’Islanda, seguita poi da tutti gli altri paesi del mondo.

OneMag-logo
Link-uscita icona Sudovia, Lituania | Cosa vedere nella storica regione della Lituania

Cosa vedere a Kaunas

Cosa vedere a Kaunas, viale della Libertà
Kaunas, viale della Libertà
Cosa vedere a Kaunas, chiesa di San Michele
Kaunas, chiesa di San Michele

Iniziamo a scoprire le cose da vedere a Kaunas dal suo centro cittadino e dal più lungo viale pedonale di tutta Europa. Il Viale della Libertà o Laisves Aleja come qua chiamato, è lungo 1,6 km e unisce la Posta Centrale e il Museo Zoologico con la Chiesa di San Michele, un percorso senza alcun mezzo di trasporto che attraversa l’intero centro storico cittadino.
Qui l’architettura è quella tipica di fine ‘800 con palazzi adibiti non solo a residenza ma anche a uffici, locali e anche teatri. L’arrivo è proprio davanti le cupole della Chiesa di San Michele Arcangelo, uno dei principali punti di ritrovo di Kaunas.

location_icon onemagNepriklausomybės a. 14, Kaunas 44320
+37037226676

 

Icona web onemagSito ufficiale

 

Non allontaniamoci di troppo per raggiungere la più grande Cattedrale gotica della Lituania, la Cattedrale dei Santi Pietri e Paolo. La sua inaugurazione risale al 1624 e pochi anni dopo, nel 1655, subì profondi danni a causa della guerra e la sua ricostruzione pressoché totale avvenne a partire dal 1671. Quella che oggi possiamo quindi ammirare è il suo restauro a cui sono state aggiunte alcune caratteristiche rinascimentali.

Al suo interno troviamo degli imperdibili altari decorati e la cripta che conserva i resti di molte personalità del clero lituano ma non solo, considerando che qui è proprio sepolto Monsignor Luigi Faidutti, sacerdote friulano che qui visse negli anni ’20 dello scorso secolo.
Se avete la possibilità, visitatela di sera quando la interessante illuminazione la rende ancora più gradevole.

location_icon onemagVilniaus gatvė 1, Kaunas 44281
+37037324093

 

Icona web onemagSito ufficiale

 

Quasi alle spalle della Cattedrale troverete il cuore della città vecchia con la sua elegante Piazza del Municipio con l’edificio che per lungo tempo è stato il fulcro amministrativo della città. Il vecchio municipio di Kaunas si riconosce subito grazie alla sua struttura bianca con la torre che sovrasta l’intero quadrilatero e l’edificio stesso.
Soprannominato dai suoi abitanti il Cigno Bianco, il Municipio di Kaunas è ancora oggi uno dei punti di riferimento per i suoi quasi 300.000 abitanti.

Il castello di Kaunas

Cosa vedere a Kaunas, il castello

Il secondo più grande castello della Lituania è stato costruito in stile gotico nel 1361, giusto alla confluenza dei due più importanti fiumi del paese. La sua storia e la sua leggenda lo portano ai vertici delle cose da vedere a Kaunas ma anche in tutto il paese, rappresentando infatti il maniero più visitato della Lituania.

Parzialmente distrutto durante i vari assedi di cui è stato protagonista, il castello ricorda il terribile attacco dei cavalieri teutonici che lo distrussero in più riprese prima di essere fermati, nel 1410, dall’esercito lituano. Quello che oggi possiamo ammirare è unicamente una torre, completamente ricostruita, mentre il rimanente spazio aperto viene utilizzato per concerti ed eventi. Al suo interno è presente un museo che racconta proprio la sua storia, imperdibile momento per conoscere sia le vicissitudine del maniero che della stessa Kaunas.

location_icon onemagPilies g. 17, Kaunas 44275
+37068755263

 

Icona web onemagSito ufficiale

 

A breve distanza dal castello potrete anche unire una visita alla Chiesa di San Giorgio, edificio religioso in stile gotico nonostante sia stato più volte ricostruito dopo essere stato incendiato o abbattuto durante guerre, tumulti o eventi naturali.
E’ una delle cinque chiese realizzate tra il 1495 e il 1510 appartenenti al Patrimonio dell’Architettura Lituana. Recentemente sono stati dati il via ai lavori di recupero degli interni.

location_icon onemagPapilio g. 7, Kaunas
+370 682 47794

 

Icona web onemagSito ufficiale

 


 

Condividi su: