Islanda, i luoghi da non perdere

Islanda, i luoghi da non perdere nel vasto territorio vulcanico. Ecco cosa visitare nel Paese dei geyser, i ghiacciai e le maestose montagne.

Islanda, i luoghi da non perdere nel vasto territorio vulcanico

L’Islanda è un vasto territorio vulcanico in cui potenti forze naturali danno vita ad uno spettacolo mozzafiato. I geyser punteggiano le regioni, i vulcani coperti di ghiaccio contornano le città ed i ghiacciai caratterizzano i grandi sentieri attraverso le montagne.

Il patrimonio culturale islandese, come lo stile di vita, è qualitativamente paragonabile al magnifico paesaggio dell’isola. Basta pensare all’eredità letteraria che spazia dalle antiche saghe medievali sino ai thriller contemporanei senza dimenticare anche alcuni vincitori del premio Nobel.

L’Islanda non è unicamente escursioni e gite tra i vulcani. Infatti questo paese è anche molto legato alle tradizioni e alle celebrazioni festive.

La musica dal vivo è molto diffusa, l’arte è un organo integrante dello stile di vita e la gastronomia un pilastro che unisce le tradizioni popolari.

Perciò benvenuti in questo viaggio, è ora di scoprire le perle dell’Islanda.

Westfjords

Il superlativo territorio naturale dei fiordi occidentali è sicuramente la punta di diamante islandese, qua dove l’avventura è alla base del viaggio.

Brevi ma frequenti litorali sabbiosi caratterizzano la zona costiera, spalleggiata immediatamente dai diversi altopiani dei fiordi, le smeraldine distese territoriali vivacizzano quello che uno dei panorami naturali più belli del mondo.

Per un’esperienza ancora più estrema, imperdibile la penisola dell’Hornstrandir, dove aspre scogliere si uniscono a sentieri tortuosi, il tutto caratterizzato da una delle zone maggiormente incontaminate nell’estremità del Circolo Polare Artico.

Jökulsárlón

Islanda, visitare Jökulsárlón

Il Jökulsárlón è una delle lagune più suggestive del paese. Qua il lago semi ghiacciato è punteggiato da svariati piccoli iceberg, che donano un’esperienza visiva a dir poco eccezionale.

Gli iceberg qua depositati provengono dal ghiacciaio “BreiÐamerkurjökull”, un vecchio organo della potente calotta glaciale Vatnajökull, ampia oltre 8 kmq.

Le gite in barca tra gli iceberg sono molto gettonate tra i turisti, anche se una semplice passeggiata può risultare estremamente piacevole. Preparatevi a vedere intere mandrie di foche appisolate qua e là, è un luogo molto ricco di questi animali!

Imperdibile infine la Crystal Ice Cave qua situata, un magico luogo dall’azzurro scuro che abbraccerà l’intera vostra escursione, caratterizzata da un paesaggio tutt’altro che claustrofobico e un’atmosfera surreale.

Percorrere la tangenziale

Non c’è modo migliore di esplorare l’Islanda che noleggiare un 4×4 ed attraversare la principale arteria stradale, la Ring Road.

Questa tangenziale lunga oltre 1300 km percorre interamente l’isola, attraversando vallate verdeggianti ricoperte di cascate, enormi lingue glaciali, calotte di ghiaccio grandi quasi come colline, pianure desertiche e lunghissime distese di sabbie nera, oltre ad antichi campi di lava raffreddata e ricoperta di muschi.

È a dir poco spettacolare, anche se perle paesaggistiche di altrettanto livello (se non superiori) le si possono trovare esplorando le varie diramazioni che da qua hanno origine.

Fimmvörðuháls

Le escursioni richiedono molte energie e molto tempo e, considerando che la maggior parte delle gite guidate in questo luogo hanno una durata di più giorni, si potrebbe rischiare di non riuscire a godersi il magnifico paesaggio.

Perciò, per esplorare un lato eccezionale del territorio senza consumare troppe energie e senza utilizzare più di un giorno, il Fimmvörðuháls è la destinazione migliore per soddisfare il proprio desiderio d’avventura.

Parliamo di una magnifica escursione nell’entroterra, perfetta per scoprire il patrimonio di cascate presente e per esplorare i resti fumanti del vulcano Eyjafjallajökull, protagonista di una delle più devastanti eruzioni del nuovo millennio, avvenuta nel 2010.

Vatnajökull National Park

Islanda, visitare Vatnajökull National Park

Il più grande parco nazionale d’Europa copre quasi il 14% dell’Islanda e l’imponente Vatnajökull, la più grande calotta di ghiaccio al di fuori dei poli, è tre volte più grande del Lussemburgo.

Decine di ghiacciai ricoprono la sua massa superficiale, mentre nel sottoterra sono presenti alcuni dei vulcani sotterranei più attivi del mondo, oltre ad un gran numero di altopiani che contornano il paesaggio.

Si rimane incantati dalla biodiversità dei paesaggi e dalla versatilità dei sentieri e attività all’interno di questo parco. Date le sue dimensioni, i punti di accesso sono numerosi: partono da Skaftafell a sud e da Ásbyrgi a nord.

Penisola di Tröllaskagi

Visitare Tröllaskagi è una gioia, soprattutto ora che i nuovi tunnel stradali collegano le pittoresche cittadine di Siglufjörður e Ólafsfjörður, un tempo insediamenti end-of-the-road.

Lo scenario molto cupo ma maestoso della penisola viene vivacizzato dal contrasto visivo ottenuto con le dolci colline, che attraversano la maggior parte del nord dell’Islanda.

Imperdibili i magnifici fiordi di Hofsós, le pregiate ricette tradizionali di Lónkot ed il suggestivo museo delle aringhe di Siglufjörður. Inoltre si riusciranno ad ammirare panorami splendidi e si potranno fare escursioni di qualità, senza dimenticare le varie piste sciistiche.

Eccezionali anche i tour per avvistare le orde di balene che qua nuotano pacificamente ed i traghetti per le varie isole al largo di Grimsey e Hrisey.

Islanda, un tour nel Circolo d’OroIslanda, un tour nel Circolo d’Oro
Nell’Islanda sud occidentale Il parco nazionale di Thingvellir del Circolo d’Oro è una selezione delle attrazioni dell’isola.

Continua a leggere

Penisola di Snæfellsnes

Islanda, visitare Penisola di Snæfellsnes

Con la sua riserva di spiagge selvagge, nidi di uccelli, allevamenti di cavalli e campi di lava ghiacciata, la penisola di Snæfellsnes è una delle migliori mete dell’Islanda. Perfetta sia come gita di un giorno dalla capitale che come un rilassante fine settimana.

Questo luogo viene oltretutto chiamato “La piccola Islanda”, perché nel suo territorio ospita le stesse caratteristiche territoriali, in miniatura, di quelle che possono essere esplorate nel resto del paese. Basta pensare che ospita un parco nazionale e uno strato vulcanico ghiacciato.

Askja

Accessibile solo per pochi mesi ogni anno, Askja è una gigantesca caldera naturale, circondata da alte montagne, e che racchiude un lago blu zaffiro. Per accedere a questo luogo glorioso e ultraterreno, sarà necessario guidare un fuoristrada, visto i tortuosi sentieri e il territorio impervio.

Le escursioni sugli altopiani comprendono generalmente una visita nei territori fluviali, nei campi di lava -incredibilmente vasti- e panorami di montagna mozzafiato.

Scopri di più:

Islanda, patrimonio di lagune e cascate
Cosa vedere in Islanda

 

Condividi su: