Condividi su:

Come viaggiare sereni con
bebè al seguito

icona-articoloAvete finalmente programmato le vostre vacanze e volete godervele in assoluto relax anche in compagnia dei vostri bambini?
Ecco allora qualche suggerimento per riuscire davvero a fare una vacanza divertendosi e rilassandosi anche con i vostri piccoli.

Certo, quando si viaggia per il mondo (ma anche a pochi km da casa) con bimbi piccoli non tutto è così facile e scontato. Imprevisti e complicazioni sono quasi sicuramente assicurati ma non per questo dobbiamo rinunciare al viaggio, anzi.

Ecco come partire sereni con i nostri figli piccoli al seguito.

Programmare una vacanza con i vostri piccoli figli al seguito

Scegliere l’età corretta per il viaggio

Come viaggiare sereni con bebè al seguito

Anche se la voglia di vacanza è sempre prioritaria, come prima cosa bisognerebbe valutare attentamente la destinazione quando si è in viaggio con il proprio neonato.

Meglio evitare di fare lunghi viaggi quando il vostro piccolo… è proprio piccolo. Questo per evitare quanto più possibile traumi al bebè ma anche a voi stessi. Se è possibile meglio attendere qualche mese e scegliere, come prima vacanza, una meta non troppo distante.

Se il bimbo è nato in autunno, probabilmente sarà meglio attendere l’estate o la tarda primavera prima di mettersi in viaggio. I mesi perfetti per una vacanza di mare sono quelli di giugno e settembre quando le spiagge sono ancora accessibili ma il grande afflusso si è oramai allontanato. Programmate una meta che non sia eccessivamente lontano da casa, meglio evitare lunghi viaggi e ancora meglio rimanere a una relativa breve distanza in modo da essere pronti a eventuali imprevisti.

Una volta deciso il periodo di partenza passate a verificare in ogni dettaglio la struttura selezionata, dovrà essere idonea a ospitare il vostro piccolo e magari non lontano dalla spiaggia o dall’attrazione principale. Non dimenticatevi di portare con voi anche il numero del vostro pediatra e quello del servizio di guardia pediatrica. Il servizio di continuità assistenziale per i più piccoli è generalmente svolto negli ospedali: controllate che non sia eccessivamente distante rispetto alla località prescelta.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Come dormire bene in hotel, ecco i piccoli segreti per un riposo perfetto

Il giusto bagaglio

Come viaggiare sereni con bebè al seguito

Poche cose ma giuste, questo è il motto. In valigia dovrà essere portato tutto ciò che è indispensabile visto che il resto lo potrete sempre acquistare una volta giunti a destinazione. In questo modo valigia più leggera, più semplice da preparare e soprattutto efficace: anche in viaggio potreste doverla aprire e così avrete modo di trovare quanto occorre più rapidamente.

Non dimentichiamoci naturalmente pannolini, bavaglini, salviettine umidificate, gli indumenti ideali per il viaggio e per la destinazione, oltre ai farmaci per le piccole emergenze.
Verificate anche di aver fatto tutte le vaccinazioni e che tutti i documenti siano in regola.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tutto quello che serve sapere sull’assicurazione annullamento viaggi

Pianificare il viaggio

Come viaggiare sereni con bebè al seguito

Se è il vostro primo viaggio in compagnia del bebè preventivate davvero tutto per quanto riguarda la destinazione finale. L’itinerario, anche di viaggio, dovrà essere studiato per consentire delle pause e, se siete in aereo, valutate di non scegliere una meta troppo distante per non affaticare il pargolo. Informatevi anche sugli orari di pranzo e cena e, come già indicato, scegliete se possibile strutture che sono attrezzate per famiglie con bebè al seguito.

In aereo prenotate con largo anticipo per assicurarvi i posti migliori e verificate se la compagnia aerea è attrezzata in caso di necessità. Scegliete, se la destinazione supera le 2 ore di viaggio, di viaggiare in orari comodi per conciliare pappa e riposino.

In macchina è più semplice ma dipende dal tragitto. Se è prevalentemente in autostrada sarà piuttosto semplice scegliere una area di sosta dove potersi fermare. Se invece il percorso è su strade di montagna la situazione potrebbe complicarsi, sia per l’eventuale sosta che per il percorso vero e proprio. Mai, in ogni caso, lasciare il bimbo solo anche se per pochi istanti. Il pericolo è purtroppo sempre dietro l’angolo e i rischi che il bimbo possa sentirsi o farsi male sono piuttosto concreti. Nel caso di viaggi in montagna o lungo arterie secondarie, provate a simulare il viaggio in anticipo (ultime l’applicazione Google Maps, ad esempio) per vedere dove sarà possibile fermarsi senza creare problemi.
Partite sempre in orari comodi, in estate preferite il mattino presto o la sera quando il sole è calato ma preferibilmente mai di notte. Questo per evitare di avere inconvenienti in ore piuttosto insolite.  Ovviamente munitevi di tutti i dispositivi di sicurezza (seggiolini) omologati e assolutamente sicuri.

In treno forse tutto diventa più semplice sia per i cambi che per l’autonomia di spostamento. Portate con voi anche qualche piccolo gioco per intrattenerlo e, se possibile, provate a valutare l’itinerario con le fermate ferroviarie. In caso di necessità siate pronti per scendere e risolvere eventuali problemi non preventivati.  Si viaggia sempre sereni ma è meglio evitare di non poter scendere per diverse ore dal treno, anche se in apparenza la minor percorrenza potrebbe rivelarsi un vantaggio.

OneMag-logo
Link-uscita icona   Vacanza in albergo? Ecco come controllare che sia davvero pulito a fondo

Tutto sotto controllo

Come viaggiare sereni con bebè al seguito

Uno dei dilemmi di ogni famiglia è la scelta di portare o meno il passeggino. Il marsupio è una scelta che spesso viene preferita per le ridotte dimensioni ma altrettanto spesso non è comodo come un passeggino. Meglio optare per un passeggino di dimensioni compatte che potrà essere utilizzato proprio per gli spostamenti.

Oltre a come muoversi nasce l’esigenza prioritaria di non perderlo di vista. Vero è che risulta molto difficile perdere un bimbo sotto i 12-15 mesi di età ma la prudenza non è mai troppa. Può venirci in soccorso la tecnologia con i nuovi bracciali che hanno al loro interno un GPS in grado di localizzarlo nel caso lo si perda di vista. Può sembrare una forma estrema di precauzione ma meglio in certi casi esagerare, risolverà sicuri mal di testa.
Volendo sull’altro braccino potreste invece mettere un braccialetto con le informazioni necessarie a ritrovarvi.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Come lasciare la casa al sicuro quando siamo in vacanza

E ora finalmente… vacanza

Come viaggiare sereni con bebè al seguito

Dovremmo aver preventivato davvero tutto e ora è davvero il momento di rilassarsi in vacanza. Se avrete seguito tutti gli accorgimenti suggeriti sicuramente avrete pensato (quasi) a tutto ma indubbiamente valutate che possa accadere un imprevisto dell’ultimo minuto.

In tal caso cercate di stare sereni e pensare alla soluzione ma in tutto il resto del tempo (che sicuramente sarà tanto, non per forza deve accadere qualcosa di negativo) godetevi bebè & famiglia. Naturalmente… armatevi di cellulare o macchina fotografica e immortalate gli indimenticabili momenti.

Buona vacanza!

Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2021


 

Condividi su: