Il Salento, ecco Otranto e Gallipoli

Il Salento, ecco Otranto e Gallipoli, due perle del Salento da scoprire sia per le loro spiagge che per le tante attrazioni. Ecco il Salento

Il Salento, la punta estrema del tacco

Facilmente esplorabile in auto dalla città di Lecce, il Salento offre un delizioso miscuglio di pittoreschi paesaggi costieri, un entroterra sbiancato dal sole, borghi caratterizzati da case bianche di calce e due importantissime città storiche: Otranto e Gallipoli.
Da Lecce si potrà prendere la SS543 che vi dirigerà verso nord-ovest, sulla costa di San Cataldo, piacevole località di soggiorno con una linda spiaggia sabbiosa.

Successivamente si imboccherà la SS611, un’affascinante strada che segue, come un’ombra, il litorale. Superata la piccola riserva naturale a Le Cesine, alla fine giungerete a Otranto, che può essere anche raggiunta anche in treno oltre che in superstrada da Lecce.

Otranto, la cittadina più ad oriente d’Italia, storicamente potrebbe essere stata fondata dai cretesi, per diventare in seguito un porto romano, bizantino e normanno.
Oggi è un luogo di villeggiatura molto frequentato, anche se deve la sua notorietà soprattutto a un attacco congiunto turco e veneziano nel 1480.

I diecimila abitanti locali vi persero la vita e gli 800 sopravvissuti perirono nelle torture.
Il comandante turco, dopo aver, letteralmente, segato in due l’arcivescovo della cittadina, si offrì di risparmiare le vite di questi 800 abitanti, se questi avessero rinunciato alla propria fede cristiana. Nessuno acconsentì e tutti, come promesso, morirono.

Visitare Gallipoli e le sue spiaggeCosa vedere e fare nel Salento, una delle perle italiane
Il Salento, una delle tante perle italiane da visitare. Ecco cosa vedere e fare nel Salento.

Continua a leggere

Cosa vedere a Otranto

L’attrazione artistica della città vecchia è la cattedrale di Santa Maria Annunziata, iniziata a costruire nel 1080. Il suo straordinario pavimento a mosaico, risalente alla metà del 12esimo secolo, mescola mitologia pagana, fatti storici e iconografia cristiana. Nel resto della chiesa, merita una visita la cappella, che contiene resti dei martiri del 1480.
Un altro edificio religioso interessante è anche la chiesa dei Santi Pietro e Paolo nel vicolo a scalini all’angolo di Piazza Basilica, ornata con affreschi antichi, alcuni dei quali risalenti all’11esimo secolo.

A sud di Otranto, sulla SS173, troverete territori mozzafiato. Questa strada presenta meravigliosi panorami sul mare e offre la possibilità di raggiungere alcune grotte. Tagliate all’interno e dirigetevi verso Gallipoli, facendo una deviazione per la minuscola Patù.
Qui si trova la famosa Centopietre, un misterioso tumulo di pietre squadrate che potrebbe esser stato un santuario preistorico, un mausoleo greco o una costruzione medievale sul quale rimane ancora ignoto lo scopo storico.

Cosa vedere a Gallipoli

La parte moderna di Gallipoli non regala alcuna emozione particolare, ma la vivace città vecchia ha un grazioso miscuglio di case bianco calce e vicoli in cui sono appese le reti da pesca. La cattedrale, il castello e il piccolo museo municipale costituiscono tutti punti di interesse.
Interessanti e meta di importante turismo estivo le rinomate spiagge di Gallipoli.

Spiagge di Gallipoli in SalentoLe spiagge più belle di Gallipoli
Le spiagge più belle di Gallipoli, la cittadina sullo Ionio è ricca di storia, cultura e spiagge. Queste le migliori spiagge di Gallipoli.

Continua a leggere

Il museo civico di Gallipoli, dedicato a Emanuele Barba, uno scienziato proprio di Gallipoli, potrebbe essere proprio la meta da visitare in una giornata di pioggia. Qui troverete un ampio salone dedicato alle patologie fetali ma anche una raccolta di animali più importanti di tutta la Puglia. Non è un museo adatto a tutti, vero, ma rappresenta un momento di cultura che dovremmo prendere in considerazione.

Da non perdere tra le cose da vedere a Gallipoli vi è sicuramente il castello, eretto a difesa della città e anche centro commerciale per i traffici verso l’Oriente.
La sua edificazione è da trovarsi verso la fine del 1200 ed era il fulcro della cittadella fortificata. Solo in seguito, nel 1522, l’importanza sia del castello che di tutto il sistema difensivo, assunse livelli superiori. In quell’anno venne infatti realizzata la torre Rivellino, una fortificazione complementare a protezione del castello già eretto.
Il castello è stato recentemente riaperto dopo una chiusura durata diversi anni.

Prima di concludere la vostra passeggiata esplorativa di Gallipoli perchè non passare da Corso Roma, la via principale della città dove avrete modo di fare sia shopping che prendere un aperitivo o anche pranzare in uno dei tanti ristoranti e locali della zona.
L’atmosfera qua è quasi sempre allegra e sarà davvero piacevole immergersi nella cultura e nella tradizione locale.

Altre cittadine del Salento

Da Gallipoli prendete la strada costiera verso nord, al centro di soggiorno di Santa Maria al Bagno. Quindi tagliate all’interno verso Nardò, la prima di tre cittadine interessanti e poco note.

A Nardò, ancora parzialmente racchiusa in mura antiche, visitate la Cattedrale e il monumento barocco ottagonale, in Piazza Osanna continuando ad esplorare fino a Piazza Mercato. A est Galatina presenta magnifici affreschi del 14esimo secolo nella chiesa di Santa Caterina d’Alessandria. Infine sostate a Copertino, cittadina dominata da un imponente castello costruito nel 1535.

Scopri di più:

Le spiagge da non perdere nel Salento
Sardegna medievale, scopriamo Castelsardo

 

Condividi su: