Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang, Vietnam
Condividi su:

Viaggio al Parco nazionale di
Phong Nha-Ke Bang, Vietnam

Tutti gli articoli del Vietnam
Phong Nha-Ke Bang, mappa
© Apple Maps

icona-articolo

Phong Nha-Ke Bang è il Parco Nazionale del Vietnam, Patrimonio mondiale UNESCO dal 2003. Al suo interno troviamo le più antiche montagne carsiche del continente asiatico, le cui origini risalgono ad almeno 400 miioni di anni.

Il parco di Phong Nha è il paradiso degli speleologi grazie alle centinaia di grotte di straordinarie lunghezza e profondità, oltre a spettacolari fiumi sotteranei. Il turismo della regione è basato proprio sulle visite alle grotte, ma ci sono svariate attrazioni anche al di fuori delle esse. Qui viene infatti praticato il trekking all’interno delle vaste foreste, le corse in mountain bike nelle campagne e si ha modo di scoprire la storia della guerra avvenuta in questa zona.

La regione sta crescendo per poter ospitare il maggior numero di turisti con nuove strutture alberghiere, alloggi residenziali, ristoranti e ampliando le infrastrutture legate ai trasporti.

Cosa vedere a Phong Nha

Cosa vedere a Phong Nha

La regione di Phong Nha è proprio una di quelle in forte ascesa turistica, un successo quasi inaspettato che raccoglie sempre un numero maggiore di richieste per visitare questa parte del Vietnam finora poco frequentato.

Viene quindi consigliato di prenotare in anticipo i tour per le grotte Tu Lan, Hang Va e Hang En. Ricordate inoltre che durante la stagione delle pioggie, ovvero da metà settembre e fino alla fine di novembre, le attrazioni sono chiuse.
Scopriamo le grotte oggetto di tanto turismo e interesse.

OneMag-logo
Link-uscita icona Hue, l’antica capitale vietnamita

Grotta Tu Lan

Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang, Grotta Tu Lan
Grotta Tu Lan

Iniziamo a conoscere le grotte del Parco Nazionale Phong Nha-Ke Bang dalla Tu Lan.
Per visitarla si dovrà salire su una piccola barchetta, protetti da un giubbotto di salvataggio, dove dovrete percorrere due spettacolari grotte fluviali.

L’arrivo sarà in una valle idilliaca, dove si potranno percorrere lunghi tratti di fitta foresta per arrivare alla foce dove i due fiumi si incontrano.
E’ una escursione consigliata a coloro che sono in buona forma fisica, a causa delle lunghe percorrenze e dei tanti dislivelli che si incontreranno.
E’ in ogni caso possibile accedere esclusivamente in forma guidata.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo cosa vedere in Vietnam, ecco la guida turistica

Hang Toi

Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang, Grotta Tu Lan
Grotta Tu Lan

La seconda grotta di interesse nel Parco Nazionale Phong Nha-Ke Bang è quella di Hang Toi, anche in questo caso visitabile esclusivamente con una visita guidata di circa 90 minuti.
Nel tour è compresa la Dark Cave, particolarmente interessante poichè sarà possibile scendere dalla barca e nuotare in una grande pozza interamente ricoperta di fango nero.
A conclusione sarà inoltre possibile proseguire con una bella pagaiata in kayak per ammirare la bellezza dell’intera zona.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Nga Trang, escursione tra mare e sabbia nel Vietnam del sud

Hang En

Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang, Grotta Tu Lan
Grotta Tu Lan

La grotta in questione è stata la protagonista di un documentario del National Geographic nel 2011 e per questo gode di maggiore notorietà.

Per raggiungerla è indispensabile attraversare la fitta giungla del Vietnam, le valli ed il villaggio tribale Ban Doong, quindi la forma fisica perfetta è indispensabile. All’interno troviamo un piccolo laghetto con una spiaggia di roccia che offre inoltre la possibilità di pernottare nelle tipiche tende locali.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona L’isola di Cat Ba, il paradiso per gli amanti dello sport

Paradise Cave

Parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang, Paradise Cave
Paradise Cave

Circondato da cime carsiche boscose, questo straordinario sistema di grotte si estende per 31 km. Nonostante la lunghezza, solo il primo km viene generalmente visitato, il resto rimane più che altro prerogativa di studiosi ed esperti.

All’interno troviamo una ripida scala che scende in profondità tra stalattiti colossali e stalattiti scintillanti. Per avere maggiore possibilità di visitare al meglio le grotte è consigliato arrivare prestissimo al mattino, prima dell’arrivo dei tour guidati.

Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2020


 

Condividi su: