Cosa vedere nel Limburgo, Paesi Bassi

Il Limburgo, Paesi Bassi | Cosa vedere nella provincia del Limburgo


Condividi su:

Cosa vedere nel Limburgo, Paesi Bassi

Leggi tutti gli articoli dei Paesi Bassi

Mappa del Limburgo, Paesi Bassi

Icona articoloCi troviamo nella punta più meridionale dei Paesi Bassi, in una penisola dell’entroterra schiacciata tra i confini del ⇒ Belgio e della ⇒ Germania: benvenuti nel Limburgo. Fare molta attenzione a quale Limburgo facciamo riferimento: infatti l’omonima provincia è presente anche in Belgio, proprio al confine con quella dei Paesi Bassi. Parlando di confini nazionali, il Limburgo condivide il suo confine quasi interamente con il ⇒ Brabante Settentrionale, fatta eccezione per un piccolo tratto confinante con il Gheldria. Il nome della provincia deriva dalla città castello di Limbourg, che attualmente si trova nella provincia di Liegi, in Belgio.

Le più antiche tracce di presenza umana si stima siano risalenti all’Età dei Neanderthal, grazie ad alcuni ritrovamenti rinvenuti nel Limburgo meridionale. La posizione strategica della provincia l’ha resa anche un luogo di grandi conflitti nel corso della storia. Questa area era una volta la sede del Ducato di Limbourg nel Medioevo. Tuttavia la zona fu dominata anche da spagnoli, prussiani, romani, austriaci asburgici e francesi, che per secoli si contesero questo territorio.

I residenti autoctoni della provincia del Limburgo parlano un dialetto particolare, noto come Limburgish. Tuttavia, ogni città e sobborgo si caratterizza per una propria variante dilettale, alche rende questa provincia una delle più particolari in termini linguistici di tutta Europa. Come per tutti i Paesi Bassi, l’inglese è ben diffuso, tanto che spesso viene utilizzato al posto dell’olandese.

La provincia è dotata di aeroporto, situato a Maastricht, nell’estremo sud dei Paesi Bassi. La caratteristica curiosa di questo aeroporto è che condiviso con la città di ⇒ Aquisgrana, situata in Germania, e spesso viene utilizzato anche dai cittadini di ⇒ Liegi, anch’essa molto vicina. Ci sono diversi collegamenti ferroviari interurbani e regionali nel Limburgo che la collegano con Amsterdam e L’Aia. I viaggiatori possono raggiungere la provincia anche attraverso i collegamenti ferroviari tedeschi e belgi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Groninga, Paesi Bassi | Cosa vedere nella provincia di Groninga

Cosa vedere nella provincia del Limburgo, Paesi Bassi

Cosa vedere nel Limburgo, Maastricht
Cosa vedere nel Limburgo, Maastricht

La capitale della provincia, Maastricht, è una città incredibilmente interessante sotto l’aspetto storico. Il centro cittadino, infatti, si presenta con un labirinto di palazzi storici, strade acciottolate e diverse chiese antiche. Secondo alcuni storici, in base alle fonti a disposizione si pensa che Maastricht sia la più antica delle città olandesi.

La graziosa e vivace città gode di una privilegiata posizione al confine con il Belgio, mentre in pochi minuti di bicicletta è possibile raggiungere il territorio tedesco. Questa peculiarità rende Maastricht una delle più multiculturali città dei Paesi Bassi, un vero must per il territorio del Limburgo.

La provincia del Limburgo è anche rinomata per il gran numero di castelli che punteggiano tutto il territorio. Nella città di Geelen è possibile visitare nell’immediata periferia il Castello di Jansgeleen, di cui consigliamo una gita di almeno una giornata abbondante. Altri manieri davvero imperdibili sono quelli di Hoensbroek, Valkenburg, Arcen e Eijsden. Per un’esperienza alternativa vi consigliamo invece il Castello di Erenstein, sito a Kerkrade, eretto nel corso del XIV secolo e adibito oggi in hotel e ristorante: davvero imperdibile.

Merita particolare attenzione anche la ricca offerta naturalistica della provincia del Limburgo. A pochi passi dalla città di Roermond è possibile passeggiare nei sentieri del Parco Nazionale De Meinweg, istituito nel 1990 ed esteso circa 16 kmq. Nel nord della provincia invece spicca il Parco Nazionale Maasduinen, caratterizzato per le lunghe distese sabbiose perfette per rigenerarsi nel cuore della natura.


Condividi su: