Castello di Rosenborg
Copenhagen

Tutti gli articoli di Copenhagen

!function(){“use strict”;window.addEventListener(“message”,(function(e){if(void 0!==e.data[“datawrapper-height”]){var t=document.querySelectorAll(“iframe”);for(var a in e.data[“datawrapper-height”])for(var r=0;r<t.length;r++){if(t[r].contentWindow===e.source)t[r].style.height=e.data["datawrapper-height"][a]+"px"}}}))}();

Icona articolo onemagUno dei complessi architettonici più impressionanti e affascinanti di Copenhagen è il Castello di Rosenborg. Ci troviamo nel lato settentrionale del centro storico cittadino, in cui immerso in un vasto spazio verdeggiante si erge questo antico maniero del XVII secolo. Il Castello di Rosenborg è un luogo da fiaba che da oltre 4 secoli affaccia sulla capitale della Danimarca.

Costruito tra il 1606 e il 1633 come residenza di vacanza per il re Cristiano IV, il maniero non ebbe mai una funzione difensiva. La sua struttura elegante mostra infatti lo scopo abitativo con cui fu concepito ma presto smise i panni di residenza poichè il re Federico IV scelse di trasferirsi nella città Fredensborg, a nord di Copenaghen. La residenza divenne quindi solo sede di ricevimenti ufficiali.

Cosa vedere a Copenaghen, il Castello di Rosenborg
Il Castello di Rosenborg

Circondato da un magnifico giardino che circonda interamente la struttura, il Castello di Rosenborg non è solamente bello visto da fuori ma è al suo interno che rivela tutto lo splendore. Qui è infatti possibile ammirare la Danske Kongers Kronologiske Samling, il Museo della Collezione Reale Danese, i gioielli della corona per intenderci. Oltre al tesoro reale ammirate la Sala dei Cavalieri, la Grande Galleria, una sala da ballo riccamente decorata in cui venivano incoronati i nuovi reggenti

Prima di accedere al grande castello si viene catturati dalla presenza del grande fossato e del relativo ponte levatoio, capaci di trasportarci nell’autentica atmosfera rinascimentale. Man mano che ci si avvicina al castello si riesce a scorgere ogni dettaglio che caratterizza la struttura. L’edificio è stato eretto mediante l’impiego dei caratteristici mattoncini rossi, che gli conferiscono il suo aspetto fiabesco. Aguzzando lo sguardo il tetto, le torri e le guglie in rame, che conferisce il tipico color verdognolo, testimoniano l’imponenza del maniero.

 

Il Museo della Collezione Reale Danese

Arrivando nel castello l’attrattiva principale è il Museo della Collezione Reale Danese, dislocato su tre piani con venti ampie stanze che ospitano la ricchissima mostra. La collezione, tra le più affascinanti del suo genere in Europa, conta al suo interno numerose opere d’arte, tra dipinti e sculture. A queste si sommano numerosi arredi storici, in particolari mobili originali d’epoca rinascimentale e risorgimentale. Ad arricchire la collezione troviamo poi un’interessante mostra di armi e porcellane. Tuttavia, la vera ragione per cui si visita il museo è per la presenza dei gioielli della corona custoditi nei blindati bunker al piano inferiore.

Interessante è il pian terreno del castello, in cui si trovano gli storici appartamenti del Re Cristiano IV, che si compongono in camere da letto, studio personale dell’ex sovrano e il magnifico salone d’inverno. Quest’ultima, la Sala d’Inverno, rappresenta la principale camera da letto, quella in cui Re Cristiano IV dormiva, ed è considerata la più elegante e affascinante del castello, oltre che quella meglio tenuta.


Altro da visitare a Copenaghen