0
Condividi su:

La fortezza di Karlstejn, Praga

icona-articoloGuida al castello di Karlstejn, Praga

Ci troviamo su un colle adiacente al fiume Berounka, nella ⇒ Repubblica Ceca, dove sorge il maestoso castello di Karlštejn. La struttura è stata costruita nell’omonima città ed è datata al XIV secolo, quando Carlo IV organizzò la progettazione e la costruzione. Siamo a sud-ovest di Praga.

La città è un piccolo comune che si estende per 12 chilometri quadrati e conta 736 abitanti. Questa è situata nella Boemia Centrale e ha preso il nome proprio dalla famosa fortezza. Guardandoci attorno invece vedremo un paesaggio boschivo tipico del centro europa, dove potrete passeggiare tranquillamente per i lunghi sentieri sterrati che conducono al noto castello, oggi Monumento Nazionale.

La notorietà della fortezza, unita alla vicinanza con la capitale, siamo infatti a meno di 30 km,  suggeriscono di prenotare uno dei tanti tour guidati o, nel caso, recarsi di mattina presto all’apertura, quando ancora è possibile aggiudicarsi un biglietto di ingresso.
Arrivando presto, tra l’altro, si potrà godere di una passeggiata tranquilla presso le bancarelle di souvenir, qui presenti in numero elevato.

Il castello di Karlstejn, Repubblica Ceca

La storia del castello di Karlstejn

Il castello di Karlstejn

La progettazione e la costruzione del castello di Karlštejn risalgono al XIV secolo, più precisamente nel 1348, quando vennero iniziati i lavori. Fu Re Carlo IV, “Re dei Romani”, cioè a comando del Sacro Romano Impero, a ordinare la sua costruzione. E’ invece Matthias di Arras ad occuparsi del progetto una volta ottenuto  l’importante incarico. Questo soprattutto grazie alla notorietà acquisita dalla costruzione della Cattedrale di San Vito 4 anni prima.

La fortezza fungeva da residenza estiva reale, ma il suo scopo principale era quello di fare da cassaforte per tutti i tesori reali. Tra questi ci sono i preziosi gioielli della Corona e  la collezione delle sante reliquie.

L’edificio

Il Castello di Karlštejn, Repubblica Ceca

La struttura del castello di Karlštejn si presenta imponente e caratterizzata da tratti gotici e neogotici. E’ costituita dai Palazzi dell’Imperatore, un piccolo borgo chiuso in una cinta muraria, cinque cappelle e le torri difensive. Tra queste ultime va ricordata la Grande Torre, usata un tempo come prigione.

La struttura nel corso del rinascimento subì una ricostruzione parziale e dopo 4 secoli dalla sua costruzione una revisione totale.
Nonostante qualche modifica il complesso ha mantenuto il suo splendore specialmente nelle cappelle, dove è presente la parte più artistica. La più importante dopo la Cappella della Croce è la Cappella di Maria, luogo di preghiera del sovrano, affrescata durante il medioevo e decorata da un ritratto raffigurante Carlo IV e sua moglie.

Altra componente importante del castello è sicuramente la Grande Torre, la più alta del complesso coi suoi 27 metri, e usata prima come tesoriera del sovrano, e successivamente come prigione per gli oppositori all’impero.

OneMag-logo
Praga, le attrazioni per scoprire la città

I tour guidati nel castello di Karlstejn

Il castello di Karlštejn

Andando all’interno del castello di Karlštejn troveremo invece arredi spogli, ma che comunque meritano una visita specialmente nelle stanze destinate all’imperatore. Qui sarà visitabile solo tramite due tipologie di tour a pagamento.

La versione base della visita al castello di Karlstejn comprende tutti gli interni del palazzo imperiale, alcuni dei tesori raccolti nella reggia tra il XIV e il XIX secolo e la Sala dei Cavalieri con la cappella di San Nicola. Tra le stanze interne sarà possibile visitare la Sala degli Antenati, la Sala delle Udienze, dove Carlo IV riceveva governanti e diplomatici del tempo, e una copia del trono imperiale allocato nella stanza da letto imperiale. Infine è presente e la galleria dei Premislidi, un tempo ricoperta di affreschi ma che oggi conserva solo i più recenti.

Il tour completo del castello di Karlstejn, aggiunge alla precedente visita la visione delle vari edifici religiosi, tra cui Cappella di Santa Caterina, Chiesa di Nostra Signora e la dorata Cappella della Santa Croce. Oltre a questi il tour proseguirà sul ponte in legno fino alla Grande Torre, per concludersi con la biblioteca contenente alcune immagini della ricostruzione del castello e una galleria d’arte.

OneMag-logo
Il Palazzo dei Commerci di Praga

Cappella della Santa Croce

castello di Karlštejn, Cappella della Santa Croce

Dedichiamo infine un po’ di attenzione alla Cappella della Croce, la più importante della fortezza. Questa è dedicata alla Passione di Gesù e un tempo raccoglieva tutte le reliquie raccolte da Carlo IV.

La cappella si presenta tutt’altro che sobria, completamente dorata e oltre 2200 gemme preziose incastonate in essa. Sulle pareti appare un ciclo di pitture di Maestro Teodorico, raffigurante santi angeli e apostoli e risalente al ‘300. L’edificio aveva come scopo quello di custodire reliquie religiose, gioielli reali asburgici le insegne imperiali. Molti di questi tesori sono ora in musei di Vienna e Praga, assieme ad alcuni dipinti, ma la cappella resta ancora il pezzo forte del castello visitabile da gruppi di massimo 20 persone.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0