Il Castello del Belvedere di Vienna, la residenza reale

Il Castello del Belvedere di Vienna, la residenza estiva del Principe Eugenio di Savoia, è una delle attrazioni principali di Vienna, oggi Museo dell'arte. Formato da due distinti palazzi, il Castello del Belvedere di Vienna è caratterizzato dal Belvedere Superiore, Oberes Belvedere, e il Belvedere Inferiore, Unteres Belvedere. La costruzione del Castello del Belvedere risale tra il 1712 ed il 1723 ad opera di Johann Lucas von Hildebrandt, architetto incaricato proprio dal Principe per la sua residenza estiva. Oggi è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.2 min


0
41 condividi
Il Castello del Belvedere di Vienna

Guida al Castello del Belvedere
di Vienna

icona-articoloNoto per essere stata la residenza estiva del Principe Eugenio di Savoia, il Castello del Belvedere è fra le attrazioni principali da visitare in una vacanza a Vienna.
I suoi interni, tuttavia, non richiamano per nulla la principesca storia dell’edificio, oggi quasi completamente stravolto rispetto al progetto originale e diventato un museo d’arte.

Il Castello Belvedere di Vienna, Schloss Belvedere, è formato da due distinti palazzi il cui unico tratto di collegamento è lo splendido giardino francese. Siamo nella zona più meridionale di Vienna ed è facilmente raggiungibile dai numerosi mezzi pubblici che lo connettono alla città.

Le sue dimensioni permettono l’accesso da diversi punti e, nel caso di arrivo con i bus locali, valutate quale sia la fermata per voi più comoda.
E’ presente anche un terzo edificio, raggiungibile con una fermata apposita, che è invece dedicato ad ospitare concerti e diversi altri eventi.

Il Castello del Belvedere di Vienna

Belvedere Superiore

Il Castello Belvedere di ViennaTra le cose da vedere al Castello del Belvedere, partiamo dall’edificio principale della residenza, il Belvedere Superiore. L’Oberes Belvedere, la cui facciata è inperdibile, fa da contrasto all’interno, sfarzoso e accuratamente realizzato.

Non aspettatevi, infatti, un classico palazzo d’epoca ma spazi più che altro vuoti se non fosse per qualche angolo decorato.
Tra questi la Hall, la Cappella ed il Salone di Marmola. Le altre sale sono invece dedicate ad ospitare il Museo con le sue collezioni che partono dal Medioevo fino a concludersi ai periodi più attuali.

Nei suoi tre piani espositivi avrete modo di trovare il periodo compreso fino al barocco al piano terra. Al primo piano i lavori esposti sono quelli degli artisti viennesi compresi tra il 1880 e l’inizio del Novecento. Il secondo e ultimo piano ospita invece opere neoclassiche e romantiche.
Nel complesso museale avrete modo di vedere opere di Monet, di Klimnt e Oskar Kokoschka, giusto per citarne alcuni.

OneMag-logo
Vienna, parchi e giardini della capitale austriaca

Belvedere Inferiore

Il Castello Belvedere di ViennaMeno fastoso, il Belvedere Inferiore, l’Unteres Belvedere, ha sede il Museo di pittura e scultura riferito al periodo del barocco austriaco.

Qui troviamo la Sala dei Marmi, ambiente distribuito su due piani che in passato accoglieva gli ospiti. Oggi invece raccoglie invece statue, trofei di guerra e un meraviglioso affresco posto sul soffitto.

La Galleria dei Marmi è posta immediatamente dopo. Qui troviamo divinità greche, realizzate dallo sculture Domenico Parodi, a grandezza naturale.
La Sala Grottesca contiene invece diversi dipinti con pareti e soffitto ricoperte proprio da opere grottesche mentre le altre opere sono sopratutto in terracotta.

OneMag-logo
Cosa vedere a Vienna, la capitale sul Danubio

Informazioni utili

Castello del Belvedere Vienna

La costruzione del Castello del Belvedere risale tra il 1712 ed il 1723 ad opera di Johann Lucas von Hildebrandt, architetto incaricato proprio dal Principe per la sua residenza estiva. Oggi è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

L’apertura del Castello Belvedere è quotidiana dalle 10 alle 18 ed è consigliabile acquistare il biglietto on line con combinazioni differenti e prezzi differenti. Tutte le opzioni le troverete nella sezione Tickets del sito ufficiale.

Rispettate le regole: alcune aree hanno dei divieti particolarmente restrittivi, rispetto ad esempio alle foto. Considerate almeno un paio d’ore per una visita completa.


 


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

0
41 condividi