I parchi naturali più belli del Nord Italia

I parchi naturali del Nord Italia completano un territorio, come quello italiano, ricco di montagne e rilievi. Questi i migliori parchi naturali del Nord Italia.

Il fascino unico dei Parchi Nazionali

Il parco naturale è ideale per gli amanti della natura e a tutti coloro che apprezzano le aree verdi ed incontaminate.
Questi i migliori Parchi Naturali nel Nord Italia.

 

Parco Nazionale del Gran Paradiso

Parchi Nazionali del Nord Italia, Parco Grand Paradiso

Siamo in Valle d’Aosta con tre strutture pronte a fornire informazioni a turisti e visitatori. Sono rispettivamente a Cogne, a Valsavarenche e a Rhêmes-Notre-Dame.
Questi centri permettono di approfondire in ogni stagione tutte le informazioni sulle aree naturalistiche.

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso si estende su 70.000 ettari di territorio, tra gli 800 metri ai 4.061 metri dal livello del mare.
Interessante da visitare nel centro di Cogne il giardino alpino “Paradisia”, specialmente a metà estate quando più di mille specie floreali fioriscono.

La storia del Parco nazionale Gran Paradiso è legata alla protezione dello stambecco.
Nel 1856 il re Vittorio Emanuele II dichiarò queste montagne riserva reale di caccia e salvò così lo stambecco dall’estinzione.
Il territorio divenne Parco nazionale nel 1922.

Parco Nazionale dello Stelvio

Il Parco Nazionale dello Stelvio è noto per essere il più ampio d’Italia, oltre al fatto che ospita anche uno dei passi stradali più affascinanti di tutto il mondo
Istituito nel 1935, è esteso per 134.620 ettari distribuiti su 24 comuni e 4 province (Trento, Bolzano, Brescia e Sondrio).
Il territorio trentino del Parco si estende nelle due valli di Peio e Rabbi.
La presenza del parco nelle due valli ha contribuito a mantenere intatto ancora oggi quell’equilibrio uomo-natura che un tempo era dettato in modo spontaneo dalla cultura rurale.

L’immagine panoramica dello Stelvio è unica, tra vette montane maestose, grandi foreste rigogliose e giganti prati verdi accompagnati da torrenti d’acqua pulitissima.
La varietà morfologica del territorio, caratterizzata da vari dislivelli di altitudine, consente la convivenza di ecosistemi diversificati, quindi svariate specie animali e una ricca flora.

Parco Naturale Adamello

Istituito nel 1967, si estende su una superficie di 620 ettari divisa in 4 diverse valli e rappresenta l’area protetta più vasta del Trentino. I territori a tutela del parco siti in Val di Sole riguardano i comuni di Dimaro Folgarida e Commezzadura.
Comprende ad est l’intero Gruppo di Brenta, formato da rocce dolomitiche e ad ovest una gran parte dei massicci granitici dell’Adamello-Presanella

L’elevata estensione del territorio protetto, l’alta escursione altitudinale ed il notevole stato di integrità ambientale fanno sì che questa possa ospitare una straordinaria varietà di flora e fauna.
È particolarmente presente l’orso bruno.

Parco Nazionale delle Cinque Terre

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre istituito nel 1999, in provincia di La Spezia in Liguria, è stato inserito nell’elenco del patrimonio mondiale, ambientale e culturale dell’Unesco ed è il Parco Naturale più piccolo del paese.
Offre caratteristiche ambientali e culturali uniche in Italia come le coste a strapiombo sul mare con baie e spiagge.

Il Parco si estende per circa 4.300 ettari e comprende cinque borghi ricchi di storia, arte e natura inerpicati sui costoni rocciosi: Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare.
Il patrimonio naturalistico è ricco e vario grazie alla complessità orografica del territorio. Sul litorale crescono il finocchio di mare ed i capperi, negli ambienti rupestri troviamo la Cineraria marina, il Senecio bicolore e la ruta, e poi boschi di pino marittimo, pino di Aleppo, sugheri, castagni e macchie ad erica arborea e mista, con mirto e ginepro rosso.

leggi anche:

Cosa vedere a LivignoLivigno, la valle incastonata fra Italia e Svizzera
Livigno, la valle incastonata fra Italia e Svizzera paradiso dello sci in inverno e ricca di attrattiva in estate. Questa è Livigno, scopriamola.

Parco Nazionale della Val Grande

Il Parco Nazionale della Val Grande, istituito nel 1991, si estende nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola in Piemonte.

È l’area selvaggia più delle Alpi e dell’intero paese ed è a soli 100km da Milano e apre il suo sipario a coloro che vogliono immergersi in un’atmosfera del tutto particolare.

Il Parco è un terreno montuoso di circa 15.000 ettari che comprende l’intera Val Grande e l’intera Val Pogallo.
Nelle due valli scorrono rispettivamente il Rio Valgrande e il Rio Pogallo, i due torrenti delle valli.
Per tutta la loro lunghezza i due corsi d’acqua hanno eroso gli stretti fondovalle creando delle gole che ne rendono particolarmente difficile il percorrimento e l’attraversamento.

I periodi dell’anno consigliati per la visita del parco sono la primavera, l’estate e l’inizio dell’autunno per le favorevoli condizioni climatiche.
Nel Parco Nazionale della Val Grande gli animali sono protetti, non disturbateli e rispettate il loro habitat, ricordate di essere ospiti di un luogo selvaggio.

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, istituito nel 1988, nasce per proteggere un territorio di grande rilevanza paesaggistica e naturalistica, venendo dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO nel 2009.
Il parco si estende per più di 31.000 ettari e comprende la provincia di Belluno

Nel parco sono presenti numerose risorse idriche: sorgenti, paludi, corsi d’acqua, come il Cordevole, il Mis, il Caorame e l’Ardo.
I bacini lacustri sono due: il lago della Stua, nel comune di Cesiomaggiore, e il lago del Mis, nel comune di Sospirolo.
Entrambi gli specchi d’acqua, di origine artificiale, hanno contribuito a incrementare la diversità faunistica.

Nel parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi, potrete ammirare una ragguardevole varietà floristica, che oltre a boschi di latifoglie e di conifere, comprende rododendri, cardi, stelle alpine e altre specie alpine.

Scopri di più:

Il fiume più corto d’Italia
Rousillon, il paradiso tutto rosso in Francia

 

Condividi su: