I migliori parchi naturali della Tanzania

I migliori parchi naturali della Tanzania


Condividi su:

Parchi naturali della Tanzania,
safari e turismo

Tutti gli articoli della Tanzania

icona-articoloLa Tanzania è uno dei paesi dove l’economia è principalmente incentrata sul turismo ambientale, un territorio selvaggio al cui interno sono presenti 14 parchi nazionali che ricoprono oltre 42.000 km quadrati. Sembrano oramai lontani i periodi in cui la flora veniva sfruttata, quando le terre erano oggetto di conquiste da navigatori e commercianti arabi ma anche dagli europei, presenti qua a partire dal secolo XIX.
Oggi la Tanzania si è posta l’obiettivo di proteggere il territorio, realizzando nel 1951 il primo parco, quello del Serengeti, l’area protetta a più alta densità faunistica di tutto il mondo. Non solo, tra i parchi nazionali della Tanzania da visitare troviamo anche l’area del Ngorongoro, la cima del Kilimangiaro, il lago Tanganica e il Ruaha National Park, solo alcuni delle proposte che meritano assolutamente una visita.

Parchi nazionali della Tanzania, quali visitare?

Serengeti

I migliori parchi naturali della Tanzania, Serengeti


Il Serengeti è uno tra i più ricchi di fauna di tutto il mondo e il primo a essere stato inaugurato in Tanzania, nel 1951. Il suo territorio è di poco meno di 15.000 metri quadrati e le sue altitudini variano dai 1000 ai 1.850 metri. Oltre al grande numero di specie animali, come giraffe, elefanti, leoni, iene, ippopotami, qui si assiste la grande migrazione di gnu e zebre. E’ anche il luogo dove avvistare più facilmente ghepardi e leopardi e oltre 1,5 milioni di gnu che arrivano al Serengeti dopo aver varcato il Masai Mara. In alta stagione, non è raro vedere fino a 20 jeep attorno ad un unico animale. Il Serengeti è una regione vastissima e anche nei mesi di Luglio e Agosto vi sono aree del parco assolutamente prive di traffico.

Lago Tanganica

Parchi naturali della Tanzania, Lago Tanganica
© Luca Parmitano / Flickr

Siamo di fronte al lago Tanganica che attraversa Tanzania, Repubblica Democratica del Congo, Burundi e Zambia. La sua lunghezza è di 673 km con una forma allungata ed è il secondo lago africano per estensione e il primo per lunghezza al mondo d’acqua dolce. La sua scoperta risale al 1858 da parte di due esploratori inglesi che lo trovarono durante una spedizione il cui scopo era la ricerca della sorgente del Nilo.

Al suo interno sono presenti centinaia di varie specie di ciclidi e alcune decine di specie diverse, una risorsa fondamentale per il sostentamento delle popolazioni che oltre per sfamarsi rivendono il pescato nei mercati anche di altri paesi.

Ngorongoro Conservation Area

I parchi nazionali della Tanzania, Ngorongoro Conservation Area

La riserva naturale di Ngorongoro è famosa per ospitare un immenso cratere vulcanico di circa 26 metri di diametro. La visita è in genere inclusa in tutti i safari del circuito settentrionale della Tanzania.

La caratteristica che costituisce il cratere di Ngorongoro è che al suo interno potremo osservare quasi tutte le specie di grandi felini della savana e mammiferi africani, tra cui anche i rinoceronti. Il panorama dal bordo del cratere è mozzafiato e ciò che probabilmente vi colpirà è la grande quantità di animali selvatici presenti.

Ruaha National Park

I migliori parchi naturali della Tanzania, Ruaha national Park
Questo è il secondo parco naturale più grande della Tanzania ed è ancora piuttosto incontaminato e con poco turismo. Molte aree del parco sono inaccessibili ed è proprio questo a rendere il Ruaha una delle zone meno contaminate dell’Africa.
Il parco ha la più grande concentrazione di antilopi di qualsiasi altra riserva dell’Africa orientale e ospita un gran numero di elefanti, circa 12.000. I leoni sono numerosi e ormai abituati alle visite dei turisti e ci sono buone possibilità di avvistare leopardi.

Lake Manyara National Park

I migliori parchi naturali della Tanzania, Lake Manyara National Park

Dal 1981 Patrimonio dell’umanità UNESCO, il Lake Manyara National Park è caratterizzato da una piccola lingua di terra. E’ situato lungo la via che conduce a Ngorongoro e al Serengeti, incastrato tra la parete occidentale della Rift Valley e il lago stesso.

Siamo in uno dei parchi con la più alta biodiversità della Tanzania. In una superficie di soli 330 kmq, di cui 200 occupati dal lago, troviamo cinque differenti ecosistemi: in questo territorio 8km sono occupati dal Manyara, che si estende fino al ripido versante occidentale della Rift Valley. Si possono avvistare elefanti, giraffe, zebre, gnu, babbuini, leoni e ghepardi.

Saadani National Park

Saadani National Park, Tanzania
© GRID-Arendal / Flickr

Con il suo sbocco sull’Oceano Indiano, si tratta di un vero e proprio ecosistema che abbia caratteristiche dell’ambiente marino, fluviale e terrestre. Ora, dopo anni di lotta contro il bracconaggio, oltre ai primati, ospita giraffe bufali, antilopi, elefanti, leoni e molte altre specie. Da citare la presenza delle tartarughe verdi di mare.

Ultimo aggiornamento 12 marzo 2021


Condividi su: