Ho Chi Minh City, il volto moderno del Vietnam

Ho Chi Minh City è la capitale finanziaria del Vietnam dove i meravigliosi grattacieli si abbinano alle vecchie case coloniali. Ecco cosa vedere a Ho Chi Minh City.

Cosa vedere a Ho Chi Minh City, Vietnam

Icona articoloPer molti è ancora Saigon, sopratutto dai suoi abitanti, e per molti turisti è il punto di partenza per un viaggio nel  Vietnam. Sicuramente per noi italiani è una delle mete di partenza preferite per la presenza di voli che la uniscono facilmente con i principali aeroporti italiani. Atterrare qua significa entrare in un Vietnam colorato, vivace e assolutamente moderno.

Uscire dall’aeroporto significa proiettarsi da subito nel traffico di Ho Chi Minh City, proprio come nella capitale Hanoi, con migliaia di persone intente a muoversi in ogni direzione, anche a bordo di piccoli scooter che qua misteriosamente si trasformano per portare anche 3 o 4 persone. E’ facile comprendere da subito che la città è viva, forse anche troppo, e che non sarà semplicissimo muoversi nella capitale finanziaria del Vietnam.

L’aeroporto cittadino è il Tan Son Nhat, 7 km dal centro urbano, e per raggiungere Ho Chi Minh City potrete utilizzare un servizio navetta con partenze piuttosto frequenti e coordinate con gli arrivi. In un periodo che generalmente è inferiore ai 45 minuti arriverete, probabilmente in un bus stracolmo, nel centro città.
Se preferite un taxi il tempo sarà ridotto ed i prezzi piuttosto accettabili, a patto di utilizzare le compagnie autorizzate, diffidando dai tanti autisti che appena aperte le porte vi proporranno i loro servizi.

Periodo migliore per un viaggio a Ho Chi Minh City

Cosa vedere a Ho MInh City

Il periodo migliore è tra fine novembre ed i primi giorni di marzo quando le temperature oscillano tra i 15° C delle prime ore del mattino fino ai 32° C delle ore pomeridiane.
Negli altri periodi rimane comunque una città da visitare, semplicemente tenendo in considerazione che con quasi assoluta certezza incontrete una pioggia che può anche trasformarsi in torrenziale.
Generalmente le ore in cui è più probabile incontrare i rovesci sono tra le 14 e le 16 ma non escludete un cambio anche improvviso del tempo in altre fasce orarie.

Muoversi a Ho Chi Minh City

Cosa vedere a Ho Minh City

Come già citato, i taxi sono una soluzione comoda e veloce. E’ inoltre il mezzo più sicuro anche se dovete muovervi per pochi km. Le compagnie affidabili sono la Vinasun oppure la Mai Linh mentre le altre compagnie possono rivelarsi non affidabili.
Una volta a bordo meglio presentare un foglio scritto con l’indicazione del vostro luogo di destinazione. La pronuncia vietnamita potrebbe farvi portare davvero dalla parte opposta.
Cercate di avere denaro contante e di pagare con una banconota il più possibile piccola secondo l’importo. Le mance non sono obbligatorie ma se vi siete trovati a vostro agio saranno sicuramente gradite.
Negli ultimi anni anche servizi come Uber sono presenti in città con tariffe più alte rispetto ai classici taxi. Tuttavia risultano essere piuttosto competitive se paragonate con i prezzi europei.

Se volete provare l’esperienza a bordo di un bus cittadino preparatevi a grandi sudate. Praticamente privi di aria condizionata, i bus cittadini sono sempre affollati e non vi sono chiare indicazioni del percorso effettuato ne tantomeno della vostra fermata. Meglio evitarli, sopratutto se il vostro viaggio dura pochi giorni.

In alternativa potreste rivolgervi alle moto taxi precisando che queste non sono regolamentate e rappresentano una alternativa potenzialmente costosa. Trattate da subito il costo del viaggio e chiarite che non avete altri soldi, per evitare che vi venga chiesto una tariffa anche superiore di 4 o 5 volte quella pattuita.
E’ una soluzione che potreste giusto voler provare una volta, sono soluzioni di spostamento pericolose considerando anche la pericolosità delle strade vietnamite, tra le più insicure al mondo.

Cosa vedere a Ho Minh City

E’ la città dove il passato si è trasformato in futuro e dove è possibile ammirare altissimi grattacieli e vecchie abitazioni coloniali, ristoranti di classe vicino a vecchie baracche. Una visita a HMC non è solo un viaggio per scoprire il Vietnam, è un percorso che ci permetterà di comprendere come la storia, qua da intendersi come ‘vecchio e obsoleto‘, lascia spazio al futuro.
Ecco cosa vedere a Ho Minh City.

Il Palazzo dell’Indipendenza – della Riunificazione

Cosa vedere a Ho Minh City

Posto in pieno centro storico, il Palazzo della Riunificazione è stato costruito nel 1873 come residenza del Governatore Generale. Di dimensioni importanti, era in grado di accogliere diverse centinaia di persone, oltre a disporre di un parco meraviglioso.
Nel periodo della Seconda Guerra Mondiale il Palazzo è stato occupato dal quartier generale giapponese.
Merita una visita per conoscere la storia di Ho Minh City.

Basilica di Notre-Dame

Cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Costruita dai francesi alla fine del 1800, la Cattedrale di Notre Dame di Saigon rimane uno dei pochi edifici di culto cattolico presenti ad HCM, in prevalenza di religione buddhista. Nel 1962 il Vaticano gli ha attribuito il riconoscimento a Cattedrale.

Una volta arrivati nelle sue immediate vicinanze, avrete modo di esplorarne i dettagli e di ammirare la statua della Vergine Maria, portata qua direttamente dal Vaticano nel 1959. I fedeli ricordano come nel 2005 la statua iniziò a piangere, segnando un momento di fondamentale importanza per la Basilica di Notre Dame.
L’imponenza della statua si bilancia perfettamente tra le due guglie della cattedrale, la cui altezza è di circa 60 metri, costruite a posteriori rispetto al resto dell’edificio.

Una volta superati i grandi gradini che consentono l’accesso fermatevi per scoprire i dettagli del rosone che domina sulla facciata. La vetrata, oggi trasparente, era fino al secondo conflitto mondiale tutta colorata.
Al vostro ingresso avrete modo di vedere le decorazioni bibliche che compongono le pareti. Tuttavia l’interno della Basilica risulta essere lineare e piuttosto semplice.

Teatro dell’Opera

Cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Noto anche come Saigon Opera House, il Teatro dell’Opera è stato costruito nel 1898 per opera dell’architetto francese Ferret Eugene. Dopo il suo restauro nel 1998, oggi è un edificio moderno e funzionale.
La struttura è tipicamente coloniale e diverse sono le parti che lo compongono di produzione francese. Gli arredi sono stati infatti disegnati in  Francia mentre diverse parti ornamentali ed il tetto sono proprio stati prodotti a  Parigi e qua trasportati.

Per questa sua tendenza troppo spinta alla architettura francese, il Teatro dell’Opera ha subito diverse critiche e, durante il più recente rinnovamento, è stato oggetto di una piccola trasformazione che lo ha reso più consueto per il luogo in cui è stato costruito.
Le rappresentazioni in cartellone non sono unicamente opere ma anche spettacoli teatrali, tra cui alcune danze tipiche del luogo, forse la migliore opzione per assistere ad uno spettacolo.
Nonostante la dimensione, in grado di ospitare 1800 persone, per alcuni spettacoli è sempre meglio prenotare con largo anticipo.

Ufficio Centrale delle Poste di Saigon

Cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Posto praticamente a fianco della Basilica di Notre-Dame, è uno tra gli edifici più grandiosi di tutta  l’Asia. La sua progettazione è per opera di Gustave Eiffel, propio il noto ingegnere padre della Torre omonima e della Statua della Libertà.
L’edificio è stato costruito tra il 1886 e 1891 ed è composto da finestre ad arco con persiane in legno mentre al suo interno sono presenti dei maestosi parvimenti in marmo.
Da non perdere i due imponenti murali con una mappa delle “Linee Telegrafiche del Vietnam meridionale e della  Cambogia nel 1892” ed una mappa di “Saigon e dintorni nel 1892”.

Pham Ngu Lao

Cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Uno dei quartieri in assoluto più vivace di HMC è indubbiamente Pham Ngu Lao. Chiamato familiarmente il quartiere dei ‘backpackers’, ovvero dei viaggiatori con zaino in spalla, si trova a poca distanza dal centro città e facilmente raggiungibile a piedi.
E’ la classica zona dello shopping con i suoi tanti mercati che propongono sia souvenir che prodotti più classici, passeggiare da queste parti significa anche assaporare una zona tra le più consuete della quotidianità vietnamita. Qua naturalmente oltre a comprare praticamente tutto, merita fermarsi a sorseggiare un drink in uno dei tanti locali che qua hanno la loro vetrina.

Ma è durante la notte che Pham Ngu Lao diventa il vero fulcro della nightlife di HMC. I locali, che di giorno sembrano essere tranquilli punti di sosta, dalle prime luci della sera si accendono con musica e drinks venduti a prezzi economici, trasformandosi nella movida perfetta per turisti ed abitanti.
Qua la vita non si ferma davvero mai, divertitevi tutta notte e appena le luci del giorno appariranno preparatevi a vivere Pham Ngu Lao come uno dei tanti luoghi di incontro.
Consigliato sopratutto ai giovani ma anche a tutti coloro che vogliono scoprire il lato più autentico della vita di Ho Minh City.

Museo della Guerra

Cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Una tra le attrazioni più consigliate per scoprire la storia vietnamita. Siamo in quello che in precedenza era l’edificio del “US Information Service “, il Museo racconta la storia del conflitto sino-vietnamita dal 1964 al 1975 tra le due fazioni, Vietnam del Nord contro il Vietnam del Sud ed i suoi alleati, il governo degli Stati Uniti.
La sua inaugurazione è avvenuta proprio poco dopo dalla chiusura del conflitto e molti sono i riferimenti contro proprio gli USA, nonostante il Museo si ponga come obiettivo quello di raccontare la storia della Guerra del Vietnam.
Questo è dimostrato anche dal cambio del nome del Museo, in precedenza intitolato come “Museo dei crimini di guerra cinesi e americani”.

Una volta entrati avrete modo di vedere centinaia di foto ed oggetti che raccontano proprio le atrocità che hanno subito i vietnamiti dalle truppe nemiche. Nei suoi 2 piani avrete la possibilità di scoprire gli effetti chimici dell’Agente Arancio sulla popolazione, la mostra dedicata ai sostenitori internazionali ed il massacro di My Lai. Il secondo piano è dedicato alle fotografie, oltre 250 scatti che raccontano in maniera superba il conflitto.
Per la sua tematica si sconsiglia l’ingresso ai bambini, che potrebbero rimanere scioccati dalle atrocità qua rappresentate.

All’esterno dell’edificio la mostra si conclude con diverse armi ed attrezzature belliche qua esposti dopo essere stati recuperati dai campi di battaglia.

Museo di Belle Arti

Cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Rimanendo in tema della storia vietnamita, il Museo di Belle Arti racconta la nazione attraverso dipinti e statue.
Ci troviamo in una residenza coloniale del 1929 il cui stile richiama i trascorsi del Vietnam, quindi cinese e francese.
Una volta entrati avrete modo di vedere diversi dipinti di produzione locale con paesaggi tipici, in special modo le pagode.
Dopo aver percorso una ampia e maestosa scalinata, raggiungerete il primo piano dove avrete modo di vedere diverse opere prodotte da rinomati artisti vietnamiti tra cui alcuni dipinti tributo ai soldati che presenziarono alle guerre contro Francia e  Stati Uniti.
Al secondo e ultimi piano troverete invece dei rari reperti storici, tra cui alcune figure in pietra recuperate nel Mekong, il fiume più importante dell’Indocina ed il settimo fiume più lungo mondo del mondo.

Pagoda dell’Imperatore di Giada

cosa vedere a Ho Minh City, Vietnam

Dedicata a Ngoc Hoang, la divinità suprema del Taoismo, la Pagoda dell’Imperatore di Giada è stata costruita nel 1909 in stile cinese. E’ una delle pagode più visitate anche grazie a diverse sculture in legno e alle tantissime tartarughe, nome alternativo con cui è nota.
Visitandola, il tempio è ancora in funzione, avrete modo di ammirare la grande vivacità del luogo, ricco di monaci e di fedeli. Appena entrati troverete la scultura in legno proprio dell’Imperatore di Giada e passerete attraverso diverse stanze
.

Una delle stanze più importanti è la Sala dei Dieci Inferi, ricca di sculture in legno che raccontano le sofferenze che attendono i dannati spediti all’inferno. Ogni stanza ha un suo obiettivo di racconto e avrete modo di visitare anche quelle dedicate alle divinità.
Non perdetevi anche la terrazza panoramica, in grado di farvi ammirare dall’alto la pagoda ed i suoi dintorni.
Prima di lasciare l’edificio acquistate una delle piccole tartarughe che sono in vendita all’esterno: una volta lasciate libere nello stagno vi sarete assicurati la benevolenza dei monaci.

Scopri di più:

Vietnam, guida turistica ed informazioni
L’isola di Cat Ba, il paradiso per gli amanti dello sport
Le migliori attrazioni dell’Asia
I musei nel mondo da non perdere

 

Condividi su: