Harpa Concert Hall, il fascino moderno dell’Islanda

Scopriamo la Harpa Concert Hall di Reykjavik, una delle più incredibili strutture architettoniche del nord Europa e tra le più significative della capitale islandese. La sua struttura, quasi interamente ricoperta di vetri, è stata inagurata nel 2011 nonostante Reykjavik voleva fin dal 1880 una propria sala da concerti. Oggi, la Harpa Concert Hall è uno dei gioielli della corona di Reykjavik. La sala ospita mostre, concerti, eventi culturali, incontri e festival come Airwaves, Sónar e il Reykjavik Fashion Festival. Ecco la Harpa Concert Hall, il fascino moderno dell'Islanda. 5 min


Harpa Concert Hall di Reykjavík, il fascino moderno dell'Islanda

Scopriamo la
Harpa Concert Hall
di Reykjavik

icona-articoloCi troviamo in una delle più suggestive capitali del continente europeo. Parliamo di Reykjavik, città dell’Islanda, nonché centro abitativo maggiormente popolato e capitale del paese.

Oggi parliamo di una delle strutture architettoniche più simboliche della capitale islandese: l’Harpa Concert Hall, definita da molti uno dei più affascinanti edifici del nostro continente.

Si tratta della principale, nonché più grande e maestosa, sala da concerto e centro conferenze di Rekjavik. La struttura, quasi totalmente ricoperta da vetri all’esterno, viene inaugurata nel 2011, come risultato nato tra la collaborazione dell’artista danese Ólafur Elíasson e la Henning Larsen Architects, una delle più importanti ditte di architettura del paese.

Harpa Concert Hall di Reykjavik

La storia dell’Harpa Concert Hall di Reykjavík

Harpa Concert Hall di Reykjavík, il fascino moderno dell'Islanda

Una prima forma dell’Harpa Concert Hall venne ideata e presentata molto tempo prima della struttura che possiamo ammirare ora: infatti l’intenzione di realizzare una sala da concerti a Reykjavik è presente sin dal 1880. Tuttavia però l’idea viene accantonata per vari motivi: da quello economico a quello dell’utilizzo, allora Reykjavik era notevolmente meno abitata ed una sala concerti risultava futile.

La crisi economica e gli effetti sulla sala concerti

Harpa Concert Hall di Reykjavík, il fascino moderno dell'Islanda

Anni, decenni e secoli sono trascorsi, sino ad arrivare al 2007, anno in cui la costruzione vide la sua prima pietra essere posata. Tuttavia la fase di realizzazione non viene ricordata rosea: infatti il crollo finanziario avvenuto nel 2008 ha colpito l’Islanda molto più di altri paesi europei. Le banche islandesi, con sede in molti paesi del nostro continente, hanno subito un grave indebitamento, che compromise la realizzazione dell’Harpa Concert Hall.

Negli ultimi anni del primo decennio di questo millennio il futuro finanziario dell’Islanda era più che mai in bilico. Questa difficoltà si era amplificata ulteriormente quando il governo aveva annunciato che non sarebbero stati sanati i debiti delle banche, in grave difetto contro paesi come l’Olanda o il Regno Unito.

Era un periodo buio dell’economia, e la magnifica sala concerti islandese rimase con la sua realizzazione in sospeso. La popolazione della città possedeva quindi questa grande struttura incompleta nel cuore della città, un terribile promemoria della disfatta economica del paese.

Ciononostante il governo islandese prese la decisione che l’Harpa Concert Hall era l’unico edificio del paese la cui realizzazione necessitava la conclusione. Quindi, dopo una lunga discussione nei piani alti della politica islandese la sala concerti ricevette gli adeguati finanziamenti per la conclusione.

L’architettura dell’Harpa Concert Hall di Reykjavík

Harpa Concert Hall di Reykjavík, il fascino moderno dell'Islanda

Vincitore del prestigioso premio “Mies van de Rohe”, noto anche come European Prize for Contemporary Architecture, del 2013, l’Harpa Concert Hall è sempre protagonista nei tour turistici della città.

La sua stupenda facciata è caratterizzata dall’incredibile numero di 714 pannelli di vetro, ognuno dalla forma diversa. Questi pannelli inoltre sono costruiti con delle luci a LED, che illuminano e colorano la struttura durante l’imbrunire, creando un’atmosfera magnifica.

OneMag - Logo Micro
Islanda, patrimonio di lagune e cascate

Olafur Eliasson e le sue opere
Cosa visitare a Reykjavik

L’artista Ólafur Elíasson è celebre in tutto il globo per essere uno dei maggiori esponenti dell’arte e delle installazioni a larga scala. L’Harpa Concert Hall rappresenta probabilmente il miglior esempio della cultura artistica di Elíasson.

L’edificio riflette i paesaggi di basalto dell’Islanda e il vetro di colore scuro crea meravigliosi effetti con la luce naturale. Considerando il sole di mezzanotte e l’aurora boreale, questo può essere piuttosto spettacolare.

Studio Olafur Eliasson impiega 90 persone, dagli architetti ai grafici, agli artigiani agli storici dell’arte. Con sede a Berlino, lavorano in tutto il mondo e sono famosi per opere come il Serpentine Gallery Pavillion di Londra nel 2007 e l’evento annuale Life is Space.

OneMag - Logo Micro
Cosa vedere in Islanda

Gli architetti Henning Larsen e le loro opere

Cosa visitare a Reykjavik

Anche gli architetti Henning Larsen hanno successo. Hanno collaborato alla costruzione di dozzine di edifici in oltre venti paesi, come l’Opera di Copenaghen e la Sala dei concerti di Uppsala in Svezia. Attualmente stanno lavorando alla creazione di tredici edifici in tutto il mondo, molti dei quali hanno segnato l’opportunità di lavorare a causa dei loro progetti vincitori della competizione.

OneMag - Logo Micro
Cosa vedere a Reykjavík in Islanda

La Harpa Concert Hall di Reykjavik oggi

Oggi, la Harpa Concert Hall è uno dei gioielli della corona di Reykjavik. La sala ospita mostre, concerti, eventi culturali, incontri e festival come Airwaves, Sónar e il Reykjavik Fashion Festival. Sede della Icelandic Symphony Orchestra e degli uffici dell’Opera islandese, è un centro culturale nella capitale islandese.

Molti artisti di fama internazionale di tutto il mondo si sono esibiti qui, tra cui persone come Eddie Izzard e Cyndi Lauper. Inoltre, presenta regolarmente talenti nativi, come Björk e Of Monsters and Men.


Like it? Share with your friends!