Guida di Tenerife,
la più grande delle isole Canarie

Tutti gli articoli della Spagna
Cosa vedere a Tenerife, mappa
© Yandex maps

icona-articolo

Meta tra le preferite dei viaggiatori europei durante l’estate, Tenerife attira diverse centinaia di migliaia di turisti ogni anno. Le ragioni di tanto successo sono piuttosto semplici, sole e mare al primo posto e subito dopo il paesaggio. Chiamata l‘isola dell’eterna primavera, grazie al suo gradevole clima aiutata dalla sua posizione vicino alle coste dell’Africa, Tenerife è la più grande delle isole Canarie ed è anche terra con forti contrasti. La sua superficie aiuta a comprendere le dimensioni dell’isola, 2.034,38 km², mentre la sua popolazione è sempre in costante crescita, raggiungendo oggi quasi 950.000 abitanti.

Sono due gli aeroporti che permettono di raggiungerla facilmente da ogni angolo d’Europa, Los Rodeos e Reina Sofìa, con collegamenti che dall’Italia sono frequenti e che permettono di atterrare in meno di 5 ore di viaggio. Pronti a scoprire cosa vedere a Tenerife?

 

Cosa vedere a Tenerife

Tenerife è ricca di attrazioni, una vacanza nell’isola più grande delle Canarie non significa infatti unicamente mare e relax. Il turista in visita a Tenerife, infatti, potrà scegliere come trascorrere la propria giornata anche grazie ai tanti monumenti, musei e le numerose attrazioni storiche e naturali.

Il nord dell’isola ricorda un paesaggio quasi vulcanico, con spiagge che si interrompono per dare spazio a scogli e strapiombi. Tenerife è anche un’isola moderna, il luogo dove i quartieri coloniali si mescolano agli edifici moderni, come l’Auditorium Santa Cruz, giusto per dare un esempio, proprio nella capitale, Santa Cruz de Tenerife. Realizzato dall’architetto Santiago Calatrava, l’Auditorium ha una ricca programmazione musicale con ben 1700 posti a sedere.

 

Piramidi di Guimar

Guida di Tenerife, Piramidi di Guimar

Tra le cose da vedere a Tenerife da mettere in assoluto ai primi posti troviamo le Piramidi di Güimar, nella parte orientale dell’isola. E’ una delle attrazioni che richiamano in assoluto più pubblico grazie alla loro storia o, meglio, sul loro mistero. Pare infatti che non vi sia una certezza storica sulla loro realizzazione. Queste meravigliose piramidi, realizzate con blocchi recuperati dalla lava vulcanica, sono una delle attrazioni da non perdere, con i suoi enormi gradoni posti in maniera cosi geometrica.

Il tutto è inserito nel contesto del Parco Etnografico, dove al centro è posizionato un auditorio che proietta, durante le ore di apertura al pubblico, il racconto dell’antropologo norvegese Thor Heyerdahl, uno degli esploratori più noti della storia, recentemente scomparso. Fu proprio lui, nel 1991, ad analizzare le Piramidi di Guimar decretando che, come in parte convinzione fino a quel periodo, fosse un semplice e causale ammasso di pietre. Questo poiché le pietre erano state in modo evidente lavorate e che la sua origine era appunto di lava vulcanica.

Da non perdere anche l’interessante piccolo museo dove poter ammirare vari reperti che ricordano la storia di Tenerife.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Consigli di viaggio, Fuerteventura

Parco Nazionale Teide

Guida di Tenerife, Parco Nazionale Teide

Nel centro di Tenerife troviamo il Teide, il punto più elevato di Tenerife e anche di tutta la Spagna. Proprio qui ha sede il vulcano la cui lava è servita poi per costruire le piramidi.
Il nome del terzo vulcano del mondo per altitudine è traducibile, nella lingua dei primi aborigeni che qui hanno vissuto, come inferno, a ulteriore comprova della maestosità è anche della potenziale pericolosità del Teide.

Dal 2007 il Teide rientra tra i Patrimoni dell’Umanità e contemporaneamente è anche tra i Parchi Nazionali più visitati in Europa, con oltre 3 milioni di presenze annue. Il Parco Nazionale fu istituito nel 1954 come ambiente di preservazione della natura e del territorio dei vulcani. Qui infatti, oltre al Teide, troviamo anche il Pico-Viejo, il secondo vulcano che rappresenta anche la seconda vetta più alta.

Per raggiungere il Parco Nazionale Teide occorre prendere una funivia che vi permetterà anche di visitare il Giardino Botanico, un lotto verde di 4 ettari a ingresso gratuito dove poter ammirare quasi tutte le specie ospitate nell’isola.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida a Fuerteventura, la seconda isola delle Canarie

Faro di Punta de Teno

Guida di Tenerife, Faro di Punta de Teno

Punta de Teno è inserita nell’area protetta del Parco Rurale di Teno, lo spazio naturale tra i più importanti dell’isola. Qui, una delle zone più aspre di tutta Tenerife, troviamo uno dei sette storici fari costieri dell’isola. Per raggiungere il faro in bus potrete la linea 355 da Santiago del Teide o da Buenavista la linea 369, mentre in macchina occorre ricordarsi che la strada ha precisi orari di percorrenza, generalmente tra le 10 e le 19. Verificate anche i giorni di apertura, spesso (tranne che in piena estate) transitabile solo di lunedì, martedì e mercoledì.

La zona del faro è poi raggiungibile con una breve passeggiata, perfetta per ammirare (dall’esterno) la struttura realizzata dall’architetto Sanz nel 1897. Recentemente, nel 1978, vi è stata affiancata una seconda struttura più moderna ed efficiente in grado di assicurare, dai suoi 20 metri di altezza, una maggiore superficie di illuminazione.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco le spiagge più belle di Ibiza

Castello di San Miguel

Guida di Tenerife, Castello di San Miguel

Spostiamoci di zona per entrare nel Medioevo visitando il Castello di San Miguel. A breve distanza da Los Cristianos, una delle principali località di Tenerife, troviamo questo maniero, spesso sede di tornei e di giochi medievali eseguiti durante uno dei vari banchetti organizzati. Oltre alla Cena medievale, principale evento qua organizzato, merita una visita completa questo antico edificio di 6.000 metri quadri, la cui costruzione risale al 1577 come struttura difensiva contro gli attacchi dei pirati. In quel periodo Tenerife era infatti una capitale commerciale importante e la costa di Garachico una tra i principali porti dell’isola.

La struttura, a pianta quadrata, è realizzata con le tipiche grosse mura dei castelli del 1500 e all’interno troviamo varie sale, alcune oggi utilizzate come sede di esposizioni temporanee. Nella parte esterna troviamo invece un piccolo giardino che ospita un cannone dell’epoca.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Eccoci a Lanzarote, l’isola dei vulcani

Los Cristianos

Guida di Tenerife, Los Cristianos

Dopo aver visitato il Castello di San Miguel, proseguiamo la nostra visita a Tenerife con una passeggiata a Los Cristianos. Sorto come villaggio di pescatori, è rimasto tale fino alla metà del secolo scorso quando i primi turisti lo hanno timidamente scoperto. Da quel momento in poi il numero di visitatori è sempre aumentato, fino a diventare oggi una delle località più importanti di Tenerife. Con uno sviluppo così intenso, logico immaginare che la cittadina si è sviluppata, non unicamente a livello abitativo, ma anche come infrastrutture.

Oggi è una delle zone più affollate dell’isola e, per tale ragione, spesso viene scelta solo come tappa, preferendogli altre località più tranquille e rilassanti. Tuttavia è una delle zone perfette per i più giovani che potranno sicuramente divertirsi, soprattutto di notte quando si riempie di vacanzieri pronti a festeggiare in uno dei tanti ristoranti presenti sulla costa.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Una vacanza a Salamanca, la città universitaria della Spagna

La Laguna

Guida di Tenerife, La Laguna

Il suo nome completo è San Cristobal de La Laguna, ma la forma abbreviata è quella più utilizzata per definire questa località posta a nord est di Tenerife. Lungo la sua costa hanno sede numerose regioni agricole, come quella di Valle de Guerra, ma ovviamente sono più frequentati i centri turistici di Punta del Hidalgo, con i suoi laghetti e piscine naturali e Bajamar, una delle migliori aree di balneazione di tutta l’isola.

La località è stata la prima capitale dell’isola, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, e per questa ragione viene anche chiamata la Città dei Governatori, visto che è stata abitata dal Governatore Alonso Fernández de Lugo e i suoi discendenti. Qui ha sede anche la principale Università di Tenerife e il primo aeroporto costruito, oggi noto come Tenerife nord. L’attenzione è però verso la sua magnifica Cattedrale, una delle due sole cattedrali presente alla Canarie. La sua storia ci riporta al XVI secolo e da allora numerosi sono gli interventi di restauro che l’hanno portata ad essere visibile sia in stile neogotico che in stile neoclassico. Il suo ultimo restauro è recente, del 2013, momento in cui l’edificio religioso è stato completamente rivisitato utilizzando, tra l’altro, tecniche costruttive all’avanguardia. Le sue mura, in cemento, sono quelle che conservano i principali episodi di storia dell’isola, raccontando in ordine cronologico tutte le vicissitudini della prima capitale, fino ai giorni nostri.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Malaga, guida turistica della città spagnola

Santa Cruz de Tenerife

Guida di Tenerife, Santa Cruz de Tenerife

La capitale delle Tenerife è ricca di attrazioni. Il fulcro della città si sviluppa dal suo porto, punto ideale di partenza per una passeggiata lungo i suoi ampi viali e i diversi spazi verdi.
La storia di Santa Cruz de Tenerife ha inizio nel 1494, anche se ci volle un secolo prima che iniziasse a svilupparsi, proprio grazie al suo porto, diventato nel frattempo tra i principali per connettere l’isola al resto della Spagna e delle Canarie.

La piazza Espana, sorta nel luogo in precedenza occupata dal castello di San Cristobal nella metà dello scorso secolo, è oggi il principale punto di ritrovo degli abitanti. Qui possiamo vedere il Cabildo Insular de Tenerife, il primo edificio che ha ospitato il governo locale.
Da qui si potrà raggiungere la piazza della Candelaria, qui al centro troviamo il monumento neoclassico realizzato in marmo di Carrara conosciuto come Trionfo della Candelaria. Sempre in questa magnifica piazza ha sede il Palazzo della Carta e, poco distante, il Casinò, al cui interno trovano spazio numerose opere di pittori delle Canarie.

Numerosi gli spazi verdi come il parco García Sanabria al cui interno troviamo anche un Museo di Sculture all’Aperto. Da visitare a Santa Cruz anche il Parco Marittimo e, poco distante, il castello di San Juan, uno dei principali punti di riferimento dell’isola. Conosciuto anche con l’appellativo di Castello Nero, il maniero risale al XVII secolo e per la sua realizzazione sono state utilizzate pietre vulcaniche.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Madrid, attrazioni storia e cultura della capitale spagnola

I musei di Tenerife

Guida di Tenerife, Museo Militare Tenerife

Numerosi i musei da visitare a Tenerife. Ecco i principali:

  • La Casa de Carta: E’ il Museo di Storia e Antropologia di Tenerife, situato a La Laguna, una abitazione tradizionale trasformata in edificio museale. La sua costruzione risale al XVIII secolo e al suo interno troviamo mobili d’epoca, abiti tradizionali e vari altri reperti della vita comune della Tenerife storica.
  • Museo Militar: inaugurato nel 1988, si trova nella Caserma di Almeida della capitale Santa Cruz de Tenerife ed espone alcuni dei migliori cimeli di cartografia storica delle Canarie. Sono inoltre esposte uniformi, oggetti personali appartenuti a membri dell’esercito, ricostruzioni di oggetti bellici e una ricca collezione di armi.
  • Tenerife Espacio de las Artes: sviluppato su oltre 20.000 metri quadrati, il Tenerife Espacio de Las Artes è uno dei migliori musei di arte contemporanea non solo delle Canarie, ma di tutta la Spagna.
  • Museo de Arte Contemporáneo Eduardo Westerdahl: fondato nel 1953 da parte dell’omonimo critico d’arte Eduardo Westerdahlm, il Museo de Arte Contemporáneo Eduardo Westerdahl è stato il primo centro dedicato all’arte contemporanea in Spagna. Al suo interno è esposta una ricca collezione d’arte del XX secolo, con opere firmate da Eileen Agar, Will Faber, Wolfgang Paalen, Luc Peire, Carla Prina e César Manrique.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Santiago de Compostela, conosciamo la celebre città del Cammino

Le spiagge di Tenerife

Guida di Tenerife, spiagge

Le spiagge di Tenerife sono senza dubbio una delle attrattive più caratteristiche dell’arcipelago. Dalle piccole insenature sino agli estesi litorali sabbiosi, le spiagge di Tenerife sono tra le principali ragioni di vacanza alle Canarie.

Tra le più celebri spiagge di Tenerife, a Santa Cruz troviamo Las Teresitas, caratterizzata da sabbia fine e acque calme, perfetta per le famiglie. In alternativa, una spiaggia altrettanto eccezionale è quella di Las Gaviotas, caratterizzata da un litorale di sabbia nera. Nella costa meridionale è possibile visitare Los Cristianos ad Arona, con diverse piccole insenature eccezionali in quanto poco trafficate.

Ultimo aggiornamento 10 settembre 2021