Guida di Seattle, il nord ovest americano

Guida di Seattle, la svettante metropoli dello stato di Washington, nel nord ovest degli USA. Tra le cose da vedere a Seattle citiamo il simbolico Space Needle, alto 160 metri, il Museum of Flight, la St. James Cathedral, la Pioneer Square, la Pike Place Market, il più antico mercato di Seattle, il Parco Nazionale Mount Rainer, il Kerry Park ed il Discovery Park. Tra le cose da visitare a Seattle ricordiamo il Woodland Park Zoo, il giardino di Dale Chihauly, il Museo d'arte asiatica, il Parco delle sculture olimpiche e la Galleria d'arte Henry Frey. Scopri la guida di Seattle.

Seattle, la città dello stato di Washington

icona-articolo

Siamo nella contea di King, nello stato di Washington, dove incontriamo la città più popolosa di tutto lo stato, pur non essendone capitale.
Affacciata sulla costa Pacifica, Seattle è una delle più importanti metropoli degli  Stati Uniti, sia dal punto di vista della cultura che, soprattutto, dell’economia.
Due nomi su tutti, Amazon e Microsoft, hanno qua il loro quartiere generale mentre la città passava da una forte presenza industriale a quella moderna, principalmente orientata all’informatica.

Ma la realtà aziendale di Seattle offre anche un panorama unico perfetto per una vasta tipologia di vacanze, sia per famiglie che per coloro che sono in fuga romantica.
Il periodo migliore per visitare Seattle è l’estate, quando il clima diventa caldo e secco e le giornate si allungano.

La storia di Seattle

Seattle, downtown

La ‘città smeraldo‘ ha una storia piuttosto recente.
La sua fondazione risale infatti alla metà del 1800 quando un gruppo di coloni decise di lasciare l’Illinois in cerca di nuove terre da esplorare. I suoi primi abitanti furono principalmente boscaioli e agricoltori, ma l’arrivo della ferrovia modificò rapidamente il flusso migratorio.
Nel 1884, infatti, le rotaie permisero di unire Seattle a diverse altre città del Nord America e, con l’arrivo della febbre dell’oro nella vicina Alaska, Seattle si ritrovava a espandersi sempre più.

Le crisi economiche

L’industria del legno, che per anni aveva reso Seattle una città prosperosa, cominciò a declinare e il nuovo flusso migratorio, principalmente asiatico, iniziava a creare i primi problemi agli statunitensi. Numerose le rivolte durante le prime crisi economiche verso i lavoratori, in special modo cinesi, ma il flusso non vide mai un vero e proprio arresto.
Il periodo di crisi venne gravemente ampliato da un terribile incendio che, nel 1889, distrusse gran parte della zona commerciale della giovane Seattle.

L’industria aerospaziale

Dopo la sua ricostruzione, la città vide il vero e proprio boom espansionistico agli inizi dello scorso secolo.
La prima industria ad arrivare nella città dello stato di Washington fu quella aerospaziale, grazie alla Boeing che qui si mise a fabbricare piccoli arei a due motori. Era il 1916 e nessuno, allora, poteva pensare che durante il secolo questa piccola attività era destinata a diventare il gruppo più importante al mondo nel suo settore.

L’EXPO del 1962

Dopo una pausa d’arresto derivata dalle due grandi guerre mondiali, Seattle si ritrova nuovamente protagonista. L’EXPO del 1962 contribuì a incentivare la crescita della città, facendola diventare protagonista anche in altri settori, come intrattenimento e turismo.
Oggi qui hanno sede Amazon e Microsoft insieme a diverse altre aziende operanti nel settore delle telecomunicazioni.

Cosa vedere a Seattle

Seattle è da sempre considerata, oltre che la città dello smeraldo grazie alle sue tante aree verdi, anche una città ‘più avanti’ delle altre.

– Space Needle

Space Needle, Seattle

Siamo all’interno del Seattle Center, oggi sede di Bill & Melinda Gates Foundation Discovery Centre, quello che è il vero fulcro culturale di Seattle.
E’ qui che troviamo lo Space Needle, costruito durante l’EXPO del 1962, e vero e proprio simbolo dell’era moderna della città.
La forma, un grattacielo somigliante a un missile, è proprio il suo massimo esponenziale, una verticalità che ricorda la modernità e il futuro di Seattle.
I visitatori vogliono naturalmente salire sulla cima di questa torre alta 184 metri, a suo tempo la struttura più alta di tutta la zona a ovest del Mississipi.

Il punto di osservazione è tuttavia situato a 160 metri, insieme ad un negozio che propone gli immancabili souvenir e a un ristorante, tra i più alti in assoluto con le sue cucine poste a 152 metri di altezza.
Dal punto di osservazione non si ammirerà unicamente Seattle ma anche i suoi dintorni, tra cui l’imponente  Monte Rainer, il Monte Baker e la Baia di Elliot.
Per raggiungere la cima dello Space Needle si utilizzeranno ascensori ad alta velocità in grado di percorrere i 160 metri di altezza in soli 45 secondi.

La recente nascita di Seattle, viceversa, non permette di visitare molti siti storici. La città è però nota per le sue attrattive culturali, soprattutto musei e gallerie d’arte.

– Museum of Flight

Museum of Flight, Seattle

Imperdibile è il Museo del volo, tra le cose da vedere assolutamente a Seattle. Posto nel Boeing Field, poco distante dall’aeroporto internazionale, conserva una collezione interessante riferita alla storia del volo, dai primi passi fino all’arrivo sullo spazio.
I suoi 6 piani di struttura contengono diversi aerei d’epoca e oltre un centinaio tra veivoli spaziali e di volo.
Perfetto per i più giovani, il Museum of Flight è tra le cose da visitare a Seattle anche per il suo simulatore di volo, solo una delle esperienze interattive.

Da vedere al suo interno anche il primo Air Force One, il veivolo presidenziale americano, oltre all’entusiasmante SR-71 Blackbird, l’aereo realizzato negli anni ’60 in grado di superare i 3500 km all’ora.
Se volete visitare il Museo del Volo di Seattle ricordate che il primo giovedi di ogni mese l’ingresso, dopo le ore 17, è completamente gratuito.

Ma Seattle è anche una meta nota per le sue tante chiese, in grado di abbracciare qualunque culto religioso.
Grazie a ⇒ questo sito è possibile trovare tutti gli edifici religiosi della città dello stato di Washington.
L’edificio più interessante è però la Cattedrale di San Giacomo.

– St. James Cathedral

St. James Cathedral, Seattle

La principale chiesa di culto cattolico romano è sicuramente la Cattedrale di San Giacomo, sede dell’Arcidiocesi di Seattle.
La sua storia ci riporta agli inizi dello scorso secolo, nel 1907, quando l’edificio in stile neorinascimentale venne realizzato. Trascorsero pochi anni prima che  una forte nevicata ne distrusse la cupola.
Alla riapertura la parte interna della Cattedrale venne rivista e oggi si presenta con magnifiche vetrate in grado di illuminare ogni angolo nelle giornate di sole.
Al suo interno è anche presente una statua della Vergine Maria, principale momento di devozione da parte dei fedeli.

OneMag-logo
Nashville, la capitale del Tennessee

Pioneer Square

Menzione particolare tra le cose da vedere a Seattle merita Pioneer Square, la più importante piazza cittadina ricordata per essere il fulcro della nascita della città. Qui, infatti, i primi coloni si stabilirono e oggi la storica piazza ed i suoi dintorni, sono completamente stati rivisti, pur mantenendo l’aspetto originale.

I primi abitanti insediati aprirono anche diverse botteghe per servire anche i primi minatori che passavano da Seattle in direzione Alaska. Per questa ragione il passato di Seattle la vede anche città prosperosa ma non sempre gradevole da viverci. I boscaioli, i minatori ed i tanti in cerca di fortuna non erano certamente persone sempre tranquille.
Per lungo tempo il quartiere era tra i più malfamati della città e ci volle tempo prima che venne trasformato in una delle zone più apprezzate e visitate della città.

Oggi è infatti possibile scoprire la zona comodamente seduti in carrozza mentre il cocchiere racconta i dettagli e le storie legate a Pioneer Place.
Esplorate anche le vie più suggestive della città vecchia di Seattle e non mancate di vistare la Smith Tower, imperdibile edificio realizzato nel 1914 dove è conservato l’unico ascensore a manovella di tutta la Pacific Coast.
Passeggiate, infine, lungo i tanti locali e ristoranti del quartiere per una pausa di relax, immersi in un contesto che ricorda quello di inizio secolo scorso.

Pike Place Market

Pike Place Market, Seattle

Oltre un secolo di storia avvolge Pike Place Market, il più antico mercato agricolo da sempre organizzato in città. Visitato da oltre 10 milioni di turisti ed abitanti ogni anni, il mercato vende prodotti alimentari freschi di fattoria, una caratteristica che richiama anche numerosi ristoratori che qui vengono quotidianamente a rifornirsi.
Il Pike Place Market venne infatti organizzato da un gruppo di agricoltori con lo scopo di eliminare i costi accessori derivanti dagli intermediari. In poco tempo l’esiguo numero di bancarelle passò da qualche decina a diverse centinaia, occupando un territorio di alcuni km.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale il mercato vide un profondo arresto, con la quasi demolizione durante i primi anni ’60. Grazie all’intervento di attivisti e sostenitori dell’iniziativa, il progetto non venne completato e oggi 28.000 metri quadrati si sono salvati dalla realizzazione di uffici e garage.
Al suo interno troviamo oltre 500 negozi, ristoranti, bar e un numero sempre vario di venditori ambulanti o con bancarelle. Molte di queste sono di proprietà delle famiglie originarie del progetto, le stesse che da oltre un secolo rendono il Pike Place Market qualcosa di più di un semplice mercato.

Il Parco Nazionale Mount Rainer

Impensabile visitare Seattle senza visitare il Parco Nazionale del Monte Rainer.
Largo ben 616 km quadrati, l’area è tra le più selvagge della costa del Pacifico e al suo interno è possibile passeggiare tra pascoli alpini e magnifiche cascate.
L’area è infatti una delle principali fonti di acqua di tutto lo stato di Washington e offre, nei suoi centinaia di km di sentieri, numeri ruscelli e corsi d’acqua.
Il suo vulcano, caratteristica che lo identifica tra tutti i Parchi Nazionali statunitensi, viene scalato da numerosi intrepidi che per diversi giorni si cimentano nell’impresa.

I sentieri di Mount Rainer

I più tranquilli potranno invece percorrere, sempre per giorni volendo, uno dei tanti sentieri presenti all’interno del Mount Rainer. Ognuno di questi sentieri, ben segnalato, è indirizzato ad un preciso pubblico, dalla famiglia con bambini agli esperti che potranno ammirare la flora e la fauna locale.
In uno dei tanti punti di noleggio, è possibile prendere in prestito una mountain bike e attraversare i diversi punti di interesse del Parco Nazionale ma anche scegliere di noleggiare una slitta o, sci a piedi, divertirsi con uno degli sport nordici.

La sua apertura è quotidiana da maggio a ottobre, mentre nel resto dell’anno la sua apertura è riservata nei weekend. E’ possibile visitare il Parco con una escursione giornaliera da Seattle oppure alloggiare all’interno del parco in uno degli hotel oppure in uno dei tanti campeggi.
Ci troviamo a meno di 150 km da Seattle ed è possibile raggiungerlo anche mediante uno dei vari bus turistici in partenza da alcuni quartieri della città.

OneMag-logo
Cosa sapere prima di visitare Chicago

Le altre attrazioni di Seattle

Seattle è una città moderna e assolutamente vivibile.
Una delle ragioni per cui scegliere di visitare Seattle è data anche dai suoi numerosi polmoni verdi, tra cui il Kerry Park è sicuramente il più interessante.
Enormi alberi sono la cornice perfetta per un pomeriggio di relax in uno degli angoli più turistici della città.

Altro spazio imperdibile è il Discovery Park, meno noto del precedente ma perfetto per fare jogging o andare in bicicletta. Lo riconoscerete facilmente grazie alla sua posizione, lungo la costa, e per il suo principale punto di riferimento, un vecchio faro.
Altro interessante angolo naturale è il Volunteer Park Conservatory, dove all’interno è presente una ricca collezioni di fiori.

Visitare Seattle con bambini

Perfetta da visitare con i bimbi è invece il Woodland Park Zoo, con i suoi tanti animali esotici.
Se viaggiate con bambini potrebbe piacervi l’idea di visitare l’Acquario, attrazione che vi permetterà di ammirare lo spettacolo con delle foche, ogni giorno organizzato al suo interno.

Sempre con piccoli esploratori al seguito, il giardino di Dale Chihauly offre un meraviglioso spazio verde con alcuni tra i momenti più interessanti della fantasia di questo importante artista del vetro.
Posto poco distante dall’iconico Space Needle è un viaggio attraverso decadi di lavorazioni dell’artista passeggianto da foreste di fili lluminanti arrivando alla Sealife Room, una torre con un geyser ricco di creature marine.

Tra gli edifici da ammirare a Seattle quello della Biblioteca pubblica è tra i più spettacolari. Interamente realizzato in vetro e acciaio, con i suoi 11 piani e la sua forma asimmetrica, è uno tra gli edifici più fotografati della città, specie nelle giornate di sole.
Al suo interno oltre 2,5 milioni di libri sono conservati e messi a disposizione di turisti e residenti.

I Musei di Seattle

I Musei di Seattle

Numerosi i musei di Seattle, perfetti da essere visitati in una giornata di brutto tempo o per approfondire la propria cultura.
Eccone alcuni, noti e meno noti, da inserire tra le cose da vedere a Seattle.

  • Museo d’arte asiatica: Ospitato in un edificio in stile Art Déco nel Volunteer Park annoverato tra i monumenti nazionali, il museo di arte asiatica è un piccolo museo con mostre permanenti e temporanee.
    Interamente dedicate ai paesi asiatici, le collezioni comprendono sculture, dipinti e ceramiche.
  • Parco delle sculture olimpiche: L’Olympic Sculture Park è stato inaugurato nel 2007 ed è la rappresentazione di un nuovo modello urbano su più livelli. In passato area dedicata al trasporto del petrolio, oggi permette di passeggiare tra le varie sculture sparse lungo il percorso che termina proprio di fronte al mare.
  • Galleria d’arte Henry Frey: Piccolo museo ad ingresso gratuito, la galleria propone numerosi oggetti della famiglia Frye ed altri reperti tra cui una mostra dedicata alla fotografa Diane Arbus.

Cosa fare a Seattle

Museo del Flipper, Seattle

Durante la stagione estiva la spiaggia di Alki si trasforma in una meta perfetta durante ogni ora della giornata. Nelle ore di sole, infatti, è meta balneare mentre in serata si trasforma per ospitare gruppi di amici intenti a divertirsi con una birra o mentre si preparano un delizioso barbecue.
In inverno, invece, Seattle regala divertenti momenti all’Alpental Ski Area, un centro perfetto sia per sciare che per lo snowboard.
Se invece siete appassionati di golf, al Jackson Park potrete trovare un green adatto sia agli esperti che ai principianti.
Coloro che amano le arrampicate in tutta sicurezza potranno invece dirigersi al REI Climbing Pinnacle.

Cosa fare a Seattle all’aperto

Ma tra le varie cose da fare a Seattle alcune possono appassionare gli amanti dell’estremo. Qui è infatti possibile praticare paracadutismo o parapendio o andare in kayak e fare surf, giusto per ricordare l’importanza dell’acqua a Seattle.
Per divertirsi fra amici potreste prendere in considerazione il Flatstick Pub, dove giocare invece a minigolf oppure, se siete appassionati di flipper, dirigervi al Seattle Pinball Museum, dove è anche possibile giocare.
Di tutt’altro genere, ma imperdibile, è la Grande Ruota Panoramica di Seattle, ideale per scoprire la città dall’alto e programmare la giornata seguente.
Interessante potrebbe essere anche l’idea di visitare il Portal Virtual Reality Arcade, dedicato naturalmente alla realtà virtuale.

Come raggiungere Seattle dall’Italia

Come raggiungere Seattle dall'Italia
Aeroporto Seattle-Tacoma

Per raggiungere Seattle dall’Italia è necessario preventivare almeno uno scalo aereo. Dall’aeroporto di Fiumicino è necessario fare scalo aereo a Dublino, tratta dalla durata di circa 3 ore e mezza, da cui si cambia per raggiungere Seattle, volo dalla durata di circa 10 ore.

In alternativa, da Milano Linate è possibile fare scalo a Londra e quindi cambiare volo in direzione Seattle. Potrebbe essere che in alcuni periodi i voli diretti a Seattle dall’Europa siano assenti, in tal caso è possibile fare scalo a Filadelfia, da cui in circa 6 ore e mezza è possibile arrivare a Seattle

Come muoversi a Seattle

Come muoversi a Seattle
Metropolitana di Seattle

Nella Contea di King, la cui città più popolosa è appunto Seattle, è presente un sistema efficiente di autobus chiamati Metro Transit, disponibili tutto il giorno e composti da 6 linee principali, nominate rispettivamente in ordine alfabetico. Le linee della Metro Transit collegano le principali municipalità della Contea di King con il Downtown di Seattle, permettendo di muoversi giorno e notte in maniera pratica e rapida.
Un mezzo di trasporto particolarmente comodo è il Link Light Rail, una tranvia leggera che collega i capolinea dell’University of Washington da nord ed Angel Lake a sud, attraversando il Downtown di Seattle.
Per spostarmi esclusivamente nel centro città risulta essere comoda la Seattle Center Monorail, che collega i principali quartieri del centro di Seattle con una frequenza di circa 10 minuti. La Seattle Center Monorail fa capolinea rispettivamente a Westlake Center ed al Seattle Center, con un tragitto che dura approssimativamente 2 minuti.

Condividi su: