Cosa vedere a Mahdia, guida turistica della località tunisina

Guida di Mahdia, la città portuale della Tunisia


Condividi su:

Cosa vedere a Mahdia,
guida turistica della località tunisina

Tutti gli articoli della Tunisia

Cosa vedere a Mahdia, mappa

icona-articoloPiccola località situata nella costa della Tunisia, Mahdia è abitata da circa 60.000 residenti stabili e nota per la sua pacata atmosfera e per l’elegante architettura.
Siamo in una delle più antiche città portuali della Tunisia, da sempre favorita dalla sua strategica posizione, sviluppata lungo una stretta penisola, larga 500 metri e lunga 1.5 km.

La città si presenta con un agglomerato urbano caratterizzato da strette strade pedonali e innumerevoli piccoli edifici completamente bianchi, che in certi aspetti ricorda l’atmosfera di ⇒ Santorini, in Grecia. A contornare la penisola troviamo le più belle acque del Mediterraneo, dal colorito turchese. Poco distante dal centro, la costa si caratterizza con la presenza di lunghi litorali di sabbia bianca, dall’aspetto verosimile alle paradisiache spiagge caraibiche.

La sua movida notturna è tra le più vivaci della Tunisia, ricca di locali con bar e caffè dove divertirsi fino al crepuscolo.

Pronti a scoprire cosa vedere a Mahdia, la città portuale della Tunisia?

Cenni storici

Cosa vedere a Mahdia, minareto
© Richard Mortel / Flickr

Siamo sulla penisola rocciosa di Cape Afrique e il nome della città si deve al mahdi, il fondatore della dinastia dei Fāṭimid. Fu lui a voler realizzare la città nel 912, proclamandola capitale poco dopo, nel 921.

Nel 973 la città venne abbandonata e alla fine dell’XI secolo proclamata capitale da parte della dinastia Zirida, una comunità berbera che divenne indipendente nel 1049. La metà del secolo successivo, il XII, Mahdia venne invasa dai normanni siciliani i quali, dopo averla occupata, la trasformarono in piccolo villaggio. I suoi secoli successivi hanno trasformato la città prima come base di pirati, durante il medioevo, fino alla breve occupazione spagnola del XVI secolo. Negli ultimi anni del XVI secolo furono gli ottomani a occupare il territorio.

Oggi Mahdia è una città moderna, la cui attività economica è principalmente incentrata sulla coltivazione dell’olio e la produzione di olio, oltre a essere un importante porto commerciale di pesca e produzione di pesce, sardine e sgombri in particolar modo.

OneMag-logo
Link-uscita icona Visitiamo il Museo Nazionale del Bardo di Tunisi

Cosa fare a Mahdia, Tunisia

Cosa vedere a Mahdia, mare


La città di Mahdia è meta perfetta per gli appassionati di snorkeling. Ogni mese dell’anno la località si affolla di esperti e neofiti delle immersioni, attratti dalle acque turchesi del Mediterraneo e dalla ricca fauna marina.

Mahdia è perfetta anche per escursioni fuori porta, in quanto situata a circa metà strada tra la capitale della Tunisia, ⇒ Tunisi, e la seconda città del paese, nonché centro economico, Sfax. Nelle immediate vicinanze di Mahdia è possibile visitare il Sebkha Sidi El Hani, un’esteso lago di acqua salata particolarmente affascinante.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tunisia, guida turistica

Cosa vedere a Mahdia

Cosa vedere a Mahdia, strada che costeggia il mare

Tante le cose da vedere a Mahdia. Tra queste imperdibile il Black Gate, il grande portone da cui si accede alla Medina, la Città Vecchia della città. Originariamente incorporata nella cinta muraria, oggi il Black Gate, o Skifa el Kahla, è lungo 44 metri e permette di accedere alla penisola di Mahdia. L’attuale portono è stato ricostruito nel XVI secolo ma rimane una delle porte di accesso più antiche di tutta la Tunisia. Inaugurata nel 1554, da allora è stato protagonista solo di alcuni piccoli restauri atti a preservarne l’integrità. L’originale pare invece risalire tra il X e il XIII secolo.

Il cuore di Mahdia, la Medina, è il luogo più rappresentativo della località, nonché il più trafficato. L’insieme di edifici bianchi e di attrazioni storiche rendono la Medina una tra le cose da non perdere assolutamente durante un viaggio a Mahdia. La Medina di Mahdia è ancora oggi come quando venne realizzata, senza ricostruzioni o aggiunte di rilievo, rimandendo una delle poche del mondo arabo a conservare la sua originalità.

OneMag-logo
Link-uscita icona  I luoghi imperdibili da visitare in Africa

Edifici e monumenti storici di Mahdia

Cosa vedere a Mahdia, monumenti

Tra le altre cose da vedere a Mahdia proseguiamo citanto la Grande Moschea, l’edificio storico più importante della città. La sua costruzione risale al 912 d.C. per volere del fondatore della città, nonché primo colono ad aver creato un villaggio nella zona, Obeid Allah al-Mahdi. In origine la Grande Moschea era direttamente collegata per due lati alle mura delle città. Le invasioni spagnole del XVI secolo distrussero la cinta muraria e gran parte dell’edificio religioso. A questi attacchi sopravvisse solo la facciata nord della Grande Moschea, l’unica a non aver subito danni di rilievo.

Altro simbolo di Mahdia è la fortezza Bordj el Kebir, costruita nel 1595 e situata a pochi passi dalla Grande Moschea. Dalla fortezza è possibile godere di un panorama unico, grazie alla sua elevata posizione in cima ad un colle. La fortezza Bordj el Kebir è stata eretta sul sito di un pre-esistente edificio governativo risalente al 10° secolo, realizzato per volere di Obeid Allah al-Mahdi.

Nell’immediata vicinanza della fortezza Bordj el Kebir è possibile raggiungere il Porto Antico, dove è possibile ammirare un piccolo sito archeologico di quel che era il primo insediamento di Mahdia.

Di fronte al simbolico Faro di Mahdia sono situate varie tombe sciite risalenti al X secolo e i resti di un’antico impianto di acquedotti. Gli studiosi inoltre hanno stimato che la zona meridionale del Porto Vecchio è stata utilizzata sin dai tempi del dominio punico, quando Cartagine rappresentava uno dei centri urbani più potenti del mondo, tra il VII e il V secolo a.C.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Viaggio per immagini nel cuore di Tunisi

Le spiagge di Mahdia

Cosa vedere a Mahdia, le spiagge
© Mogdan Morar / Flickr

Le spiagge di Mahdia sono naturalmente la principale attrattiva turistica della città tunisina, una lunga distesa di sabbia bianca che affaccia sull’acqua cristallina del Mediterraneo. Nota come la città delle due lune per la sua posizione incastonata fra due baie, la città ha nella sua parte settentrionale i lidi più apprezzati, nonostante la spiaggia locale sia a breve distanza dal centro cittadino.

Spontandosi in direzione Monastir troveremo le spiagge di Chebba, Salakta e Rejiche. Le spiagge di Chebba è la preferita da coloro che vogliono, oltre che rilassarsi e abbronzarsi, pescare. E’ tra le spiagge più frequentate oltre che dagli abitanti di Mahdia anche da quelli di Sfax, non troppo distante. La spiaggia di Salakta è quasi unicamente priva di turisti ed è una delle spiagge più belle della costa di Mahdia. La spiaggia di Rejiche, infine, è quella dedicata alle famiglie grazie alle sua acque poco profonde.

Se avete in programma una vacanza piuttosto lunga, cercate le spiagge di Kerkennah, un’arcipelago raggiungibile unicamente in barca. Qui hanno sede le isole Chergui e Gharbi e le loro spiagge, non toccate dal turismo di massa, sono le preferite da coloro che amano relax e privacy.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tunisia, i ristoranti sulla spiaggia da provare

Come raggiungere Mahdia dall’Italia

Cosa vedere a Mahdia, Aeroporto Tunisi

Per raggiungere Mahdia dall’Italia occorre fare scalo a Tunisi, quindi prendere un treno dalla Gare de Tunis, nell’immediata vicinanza di Place de Barcelone, da cui partono tutti i treni diretti per le principali città tunisine. Il viaggio in treno, senza cambi, è di circa 3 ore.

In alternativa è possibile scegliere Sfax come destinazione principale, per cui però è necessario fare scalo aereo a Parigi. Da Sfax sono presenti treni diretti per Mahdia, con un tragitto che richiede circa 2 ore e mezza.

È possibile infine noleggiare un’automobile, alternativa consigliata se si vuole visitare i dintorni di Mahdia o anche altre città. Il costo di una utilitaria (gruppo B) è di circa 200 € per 7 giorni, con ritiro sia dall’aeroporto di Tunisi che di Sfax.

Quando andare a Mahdia

Cosa vedere a Mahdia, il porto
© Richard Munden / Flickr

Mahdia, cosi come per quasi tutte le località sulla costa tunisina, è caratterizzata da un clima di tipo mediterraneo, con temperature medie più calde rispetto alle località sud-europee.

La stagione estiva a Mahdia si presenta particolarmente secca e torrida, con temperature che facilmente superano i 40° gradi. Ciononostante la vicinanza al mare permette di mitigare il clima, e renderlo più vivibile rispetto alle zone dell’entroterra tunisino.

Durante la stagione invernale Mahdia può avere qualche giornata di pioggia, seppur di media non sono più di 10 i giorni in cui è possibile incontrare forti precipitazioni. In inverno le temperature sono leggermente più miti, con una media di circa 22° centigradi durante il giorno e di 10° centigradi durante la notte.


 

Condividi su: