Guida di Colmar, la piccola Venezia francese

Guida di Colmar, la piccola Venezia francese


Condividi su:

Cosa vedere a Colmar,
la pittoresca città dell’Alsazia

Tutti gli articoli della Francia

 

Mappa di Colmar

 

Icona articolo onemagColmar, città ricca di storia, in passato importante mercato e centro d’arte, oggi un borgo pittoresco caratterizzato dalle sue strade di ciottoli e da case tipiche.
Basta una semplice passeggiata per il suo centro storico per scoprire l’importanza che Colmar aveva nel XIII secolo, un centro culturale e religioso ancora oggi ben testimoniato dalle varie strutture religiose, cattoliche, protestanti e domenicane.

La cittadina francese non è poi variata molto nel corso dei secoli e ancora oggi è facile respirare un’aria storica ben presente nei suoi antichi quartieri. Proseguendo la vostra passeggiata non avrete difficoltà a scoprire le colorate abitazioni dei pescatori, deliziose casette che arricchivano la storia del borgo tra il XVI ed il XVII secolo.

Complice un clima piuttosto mite, Colmar è una meta che non subisce arresti di visitatori, in estate pronti a godere del panorama incontaminato dell’Alta Valle del Reno ed in inverno, invece, a festeggiare importanti eventi, come quello del Natale.
Pronti a scoprire cosa vedere a Colmar?

Cenni storici

Le prime notizie di Colmar risalgono all’anno 823 quando venne menzionata per una donazione da parte di Ludovico il Pio, il re dei Franchi e imperatore, all’Abbazia di San Gregorio di Munster. Inizialmente si trattava di un piccolo villaggio dedito interamente all’agricoltura e solo nel XIII secolo ottenne lo status di città, durante il regno dell’imperatore Federico II di Hohenstaufen. Fu il periodo in cui vennero a insediarsi diverse comunità religiose tra cui i domenicani, i francescani e gli agostiniani.

La prima importante notizia la troviamo nel 1354 quando Colmar si unì alla nascente Decapoli, la libera allenza fra dieci città alsaziane all’interno del Sacro Romano Impero. Lo scopo era quello di una comune protezione e il mantenimento dei privilegi acquisti. L’associazione si sciolse nel 1679, ossia fino alla Rivoluzione francese. In quel periodo Colmar e le altre città associate videro il dominio della borghesia sulla gestione cittadina a discapito dei nobili.

Il periodo più prospero fu tra i secoli XV e il XVI quando la città vide la realizzazione di numerosi edifici e l’economia iniziò a crescere grazie ai mercanti e al proseguimento della florida attività agricola. Fu la Guerra dei Trent’anni, dal 1618 al 1648, a destabilizzare l’intero nucleo cittadino, quando oramai allo stremo scelse di aderire prima alla Svezia e poi alla Francia. Conclusa la guerra, Colmar cercò di tornare alla sua indipendenza ma senza successo, diventando città reale nel 1678 con il Trattato di Nimega. Le furono riconosciuti tuttavia alcuni privilegi, acquisendo sempre più lo status di città francese. La sua crescita divenne innarrestabile diventando Prefettura dell’Alto Reno.

Nel 1870 Colmar passò alla Germania per tornare francese alla conclusione della Prima Guerra Mondiale. Nel secondo conflitto tornò nuovamente sotto il dominio tedesco. Oggi la città è il terzo polo dell’Alsazia e meta turistica di primo piano.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Il capoluogo dell’Isere, ecco cosa vedere a Grenoble

Cosa vedere a Colmar

 

Numero 1 (uno) OneMag

La città vecchia

Cosa vedere a Colmar, Cattedrale e Città Vecchia

L’area corrispondente alla Città Vecchia di Colmar, infatti, custodisce la maggior parte dei monumenti e luoghi storici di maggior rilievo in Alsazia. Il centro storico è da inserire come prima delle cose da vedere a Colmar, il cuore di …

Leggi tutto


Numero 2 (due) OneMag

Eglise des Dominicains

Cosa vedere a Colmar, Eglise des Domenican

Costruita a partire dal 1283, la sua struttura è molto semplice caratterizzata da ampie vetrate che consentono di illuminare a giorno l’interno. Completata alla metà del XIV secolo, la Chiesa Dominicana di Colmar è considerata …

Leggi tutto


Numero 3 (tre) OneMag

I musei di Colmar

Cosa vedere a Colmar, i musei

Il ricco patrimonio di Colmar si compone di luoghi architettonici di grande rilievo artistico, monumenti storici e lunghe file di edifici  che punteggiano la Città Vecchia. Ciononostante, una visita di Colmar non può ritenersi completa senza aver visitato i suoi musei ….

Leggi tutto


Numero 4 (quattro) OneMag

I quartieri di Colmar

Quartieri Colmar

Proseguiamo verso la Città Vecchia di Colmar, che si compone per alcuni quartieri storici molto interessanti, che meriterebbero essere assolutamente visitati…

Leggi tutto

 

 

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo Villeneuve-d’Ascq, la città più popolosa del Melantois

Cosa mangiare a Colmar

La cucina di Colmar è quella tipica alsaziana, una miscela tra i gusti e i sapori della Francia e della Germania.

Tra i piatti immancabili da provare troviamo naturalmente il foie gras, il paté di fegato d’oca simbolo della cucina alsaziana, da provare con il dolce tipico della regione, il pain d’épices.

La carne è naturalmente protagonista e merita provare lo jambon en croute, il prosciutto in crosta, un piatto unico che potrebbe ricordare altre preparazioni, come lo stinco. A base di crauti e salsiccia, insieme a pancetta e lardo, la choucroute (in tedesco Sauerkraut) è un’altro di quei piatti che deve essere gustato senza ulteriori aggiunte, probabilmente dopo averlo assaggiato non riuscirete davvero a mangiare altro. Da provare anche il baeckoffe, uno spezzatino che deriva dalla tradizione culinaria tedesca e preparato con manzo, agnello e maiale e servito con patate e verdure.

Se volete rimanere leggeri o per una pausa pomeridiana, le tartines possono essere il piatto perfetto. Sono sostanzialmente delle bruschette preparate con diversi ingredienti, tra cui il formaggio brie o quello di capra ma anche con noci, miele e anche funghi. In alternativa chiedete la tarte flambée, una sfoglia molto sottile che rappresenta un piatto tipico da street food anche se il suo spessore, veramente sottile, rende difficile mangiarla camminando. La potrete trovare con vari abbinamenti ed esiste anche la versione dolce, perfetta per concludere qualunque pasto. Merita infine, a tema dolciario, il kougelhopf, la tradizionale brioche alsaziane che trovate un pò ovunque nella città vecchia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Voglia di musica d’autore? Ecco i migliori 5 jazz club di Nizza

Gli eventi a Colmar

Durante il periodo estivo, particolarmente tra giugno e luglio, Colmar propone numerosi eventi.

Il 2, il 9, il 23 e il 30 giugno all’incrocio di alcune tra le strade principali della Città vecchia avrete modo di trovare guide turistiche in grado di raccontarvi la storia di Colmar e il dettaglio rispetto alla posizione in cui vi trovate. Informazioni e prenotazioni presso l’Ufficio del Turismo.

Nella settimana dal giorno 8 al 15 giugno e anche il 29 merita partecipare al Paese delle Luci delle fate, l’evento notturno premiato con il Premio Speciale dell’Accademia delle Arti di Strada che vi mostrerà la città da una prospettiva differente. Anche in questo caso maggiori informazioni e prenotazioni presso l’Ufficio del Turismo.

Dal 26 luglio al 4 agosto immancabile la Fiera del Vino.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Montpellier, guida ai quartieri della città francese

Ultimo aggiornamento: 04 novembre 2021


 

Condividi su: