Cosa vedere a Guayaquil

Guayaquil, la capitale economica dell’Ecuador | Cosa vedere a Guayaquil


Condividi su:

Cosa vedere a Guayaquil

Tutti gli articoli dell’Ecuador
Cosa vedere a Guayaquil, mappa
© Yandex maps

Icona articolo onemag

Nonostante sia la città più popolosa dell’Ecuador e la sua capitale economica, Guayaquil non è tra le mete preferite dai turisti in visita al paese della costa occidentale del Sudamerica. Quasi 2,7 milioni di abitanti, in costante ascesa, rendono la città di Guayaquil la città in assoluto più abitata, anche se di fatto qua si viene per il suo aeroporto, quello che permette di raggiungere velocemente le isole Galapagos. Siamo in una città portuale con una impronta moderna, molto lontano dagli stereotipi della tipica località dell’Ecuador, qui non troviamo infatti un centro storico coloniale come nella capitale ma il volto più attuale di una città che guarda costantemente il futuro.

Tuttavia Guayaquil merita di essere riconsiderata, anche da coloro che in un viaggio a queste latitudini sono alla ricerca di qualcosa di più tradizionale. Il gran numero di abitanti rende la città tra le più trafficate in assoluto e non solo lungo le strade ma anche nelle sue vie, quelle che si riempiono ogni giorno di abitanti in corsa per raggiungere il luogo di lavoro o, più semplicemente, acquistare qualcosa da cucinare. Non ci rimane altro quindi che scoprire cosa vedere a Guayaquil, invitandovi a considerare almeno un paio di giorni da trascorrere. Ne rimarrete sicuramente piacevolmente colpiti.

 

Cosa vedere a Guayaquil

Cosa vedere a Guayaquil, veduta centro storico

L’arrivo a Guayaquil probabilmente non vi darà da subito particolari emozioni. La sensazione potrebbe essere proprio quella di essere arrivati in una metropoli come tante nel mondo ma, superando il primo impatto, vi troverete invece in una città gioiosa e allegra, distante dal concetto di grande città a cui siamo abituati. Qui la gente è perlopiù allegra e l’arrivo di uno straniero è visto come una piccola gioia, gli ospiti sono sempre i benvenuti e tra un locale che propone musica e l’altro che offre le proprie specialità culinarie, sarà piacevole passeggiarvi.

Il nome della città pare ricordare una leggenda, quella della storia d’amore tra Guayas, il capo dell’allora tribù e la moglie, Quil. La città è stata fondata nel 1538 dagli spagnoli, anche se in precedenza esisteva già un villaggio. Ecco cosa vedere a Guayaquil.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Vulcano Pichincha, l’escursione da Quito in Ecuador

Malecon Simon Bolivar

Cosa vedere a Guayaquil, Malecon 2000

Noto anche come Malecon 2000, il Malecon Simon Bolivar è la prima tra le cose da vedere a Guayaquil. Siamo in una passeggiata di circa 2,5 km che di fatto rappresenta il simbolo della rinascita della città, un viale moderno dove hanno sede negozi, locali e anche un cinema IMAX e una ruota panoramica, la più alta di tutto il Sud America. Si tratta di un perfetto esempio di recupero di un quartiere che in passato era tutt’altro che consigliato, una delle zone più pericolose della città. La scelta di trasformare la passeggiata lungo il fiume Guyas in una delle zone più eleganti, ha reso l’intera città tra le più sicure e vivibili dell’Ecuador. Tra le attrazioni merita la Torre dell’Orologio, risalente al XVIII secolo e tra le attrazioni più storiche della città.

Proseguendo fino alla conclusione del Malecon, raggiungerete il quartiere di Las Peñas, la zona più colorata della città e il quartiere più antico della città. Posto su una collina, Las Peñas si caratterizza per i suoi stretti vicoli ricche di scale che conducono ai tanti edifici dai colori vivaci che guardano verso il Guyas. Altro quartiere che merita essere visitato è quello di Santa Ana, uno dei più caratteristici e posto anch’esso in collina, raggiungibile con una scalinata piuttosto impegnativa di oltre 400 gradini. Una volta in cima godrete una meravigliosa vista panoramica, allietata dalla presenza di un faro il cui accesso, gratuito, riuscirà a darvi una visuale ancora maggiore.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cuenca, città di storia e tradizioni della sierra andina

Centennial Park

Cosa vedere a Guayaquil, Centennial Park

Torniamo nuovamente nella parte pianeggiante della città per raggiungere una delle aree simbolo della città. Siamo nel Centennial Park, progetto nato alla fine del XIX secolo per celebrare l’indipendenza della città e nel tempo trasformato in un progetto molto discusso. La scelta di realizzare un parco in quest’area ha portato l’esproprio delle terre possedute dai suoi abitanti ma oggi, trascorsi i malumori dell’accaduto, siamo di fronte a un parco che ospita, al suo centro, la Colonna dei Próceres. La Colonna dei Padri Fondatori è una scultura realizzata da Agustín Querol, scultore spagnolo all’epoca tra i più accreditati in Europa. Oggi il parco, oltre alla colonna simbolica, propone delle fontane d’acqua e delle statue mitologiche, inserite in un contesto di giardino alla greca.

Cosa vedere a Guayaquil, La Rotunda

Sempre in tema potreste aggiungere una visita alla Rotonda, un semicerchio che rappresenta una vera pietra miliare di Guayaquil, l’incontro tra Simón Bolívar e José de San Martín nel 1822 per decidere il futuro della città. I due leader dell’Indipendenza Americana si sono incontrati proprio in questo punto della città durante l’avvenimento ricordato come Entrevista de Guayaquil, l’Intervista di Guayaquil. Merita una visita per il suo valore storico.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Quito, cosa vedere nella capitale dell’Ecuador

La Cattedrale

cosa vedere a Guayaquil, Cattedrale

Proseguiamo la nostra passeggiata per le strade di Guayaquil per raggiungere la maestosa Cattedrale di Guayaquil. Costruita al posto di una precedente struttura in legno risalente al XVI secolo, la Cattedrale venne realizzata in pietra dopo che un devastante incendio la distrusse. All’epoca la struttura religiosa era posta sulla collina di Santa Ana e la scelta di trasferirla dove oggi possiamo ammirarla è piuttosto recente, negli anni ’40 dello scorso secolo. Caratterizzata da torri neogotiche, la struttura richiama la vicina Chiesa del Sagrario e, al suo interno, l’illuminazione naturale è garantita dalle tante finestre che affacciano sulle tre navate. Nella navata centrale merita uno sguardo la statua di Cristo, posizionata in modo tale che le sue braccia simulino un’abbraccio alla città.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Perché alla fine… All you need is Ecuador

Palazzo del Governo

 

cosa vedere a guayaquil, Palazzo del Governo

Il Palazzo del Governo è uno tra gli edifici più antichi di Guayaquil. Costruito nel 1779, agli inizi del Novecento si era già completamente ridotto in un pessimo stato conservativo, rendendo indispensabile un completo restauro. Nel 1917 i lavori si conclusero ma durante la celebrazione dell’Indipendenza di Guayaquil andò completamente distrutto da un incendio. Quello che quindi oggi possiamo ammirare è risalente al 1923, realizzato in stile neoclassico. Suddiviso in quattro sezioni, collegate fra loro da due gallerie in acciaio e vetro, si trova a breve distanza dalla passeggiata Malecon. Recentemente ha dovuto essere nuovamente restaurato, questa volta a causa del cedimento del terreno che lo ha rimesso in sicurezza.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecuador, i luoghi da non perdere

I musei di Guayaquil

Guayaquil-Museum of Anthropology and Contemporary Art
Museum of Anthropology and Contemporary Art

Concludiamo la nostra passeggiata per scoprire cosa vedere a Guayaquil visitando i musei della città.

Iniziamo al Museo Antropológico y de Arte Contemporáneo, il Centro Culturale intitolato a Simón Bolívar e noto come MAAC, posto alla fine del lungomare Malecon. Siamo all’interno di una galleria d’arte che descrivono la storia dell’Ecuador dall’anno 10.000 a.C. fino ai giorni nostri. Interessante la sala dedicata alle mostre fotografiche e anche il piccolo teatro dove vengono realizzati concerti e spettacolo. La libreria posta all’interno della struttura è tra le più fornite al mondo per quanto riguarda la storia precolombiana.

Il LANN è invece il Museo Luis Adolfo Noboa Naranjo, intitolato all’imprenditore ecuadoriano che alla sua morte ha lasciato come eredità la collezione di opere pittoriche che ha collezionato nel tempo. I figli hanno scelto di mettere a disposizione del pubblico l’interessante eredità e oggi la struttura ospita anche numerosi dipinti realizzati da bimbi disabili, con uno sguardo anche agli artisti emergenti del paese.

Il Museo Histórico BAE (Buque de la Armada de Ecuador) Abdón Calderón è perfetto da essere visitato in famiglia. Siamo infatti in un museo allestito all’interno di una nave da guerra della Marina ecuadoriana. La nave è stata costruita in Gran Bretagna nel 1884 e acquistata dagli ecuadoriani due anni dopo per essere adibita a nave militare. Negli anni ’70 dello scorso secolo è stata trasformata in museo e durante la visita potrete ammirare le foto della barca originale, con tanto di cannoni e armi antiaeree, le cabine e i giornali di bordo. Imperdibile.

Il Museo del Bombero Ecuatoriano è forse il più stravagante, interamente dedicato ai Vigili del Fuoco. La Guayaquil del XIX e del XX secolo era, infatti, interamente costruita in legno e il loro intervento era qualcosa di più che mirato semplicemente a spegnere un fuoco ma proprio di salvare la città. I Vigili erano inizialmente unicamente volontari e la visita al museo permetterà di comprendere come venivano risolti i problemi di approvvigionamento idrico nelle zone più remote della città.


 

Condividi su: