0
Condividi su:

Guida alla Groenlandia Occidentale

icona-articoloCoperta dal ghiaccio per l’80%, la Groenlandia non è certo nella lista di viaggi del turista medio.
Nel remoto Oceano Atlantico settentrionale, questo territorio di dominio danese è caratterizzato con la più ampia calotta di ghiaccio polare dell’Antartide, potrebbe essere l’ultima frontiera di un viaggio d’avventura.

Cosa fare nella Groenlandia Occidentale

Groenlandia Occidentale, cosa vedere

Un viaggio per la Groenlandia occidentale comincia a Ilulissat, una città situata a sud di 250 km dal Circolo polare artico ed è caratterizzata dell’omonimo fiordo ghiacciato, dichiarato patrimonio UNESCO.
La terza città più grande del paese, naturalmente posta sul lato occidentale, ha una popolazione di 4.500 abitanti e lo stesso numero di husky, considerando che per ogni abitante si trova almeno un cane da slitta.

Nel panorama della Tundra, in cui Iluissat è inserita, passeggiare è possibile esclusivamente mediante delle passerelle, in modo che non venga danneggiato nulla. Quando il terreno infatti non è ghiacciato si potranno ammirare una enorme vastità di colori e anche di specie vegetali.
Osservare dove la calotta di ghiaccio precipita nell’oceano, creando valanghe e imponenti iceberg, è una ragione più che ottima per visitare la Groenlandia, ma non l’unica.

Spostandosi verso sud, a bordo di una nave per spedizioni, si potranno fare gite in gommoni tra le baie gelate, escursioni in kayak tra fiordi -molti dei quali senza nome- e camminate nella tundra artica alla scoperta dell’affascinante popolo inuit.
La Groenlandia è ricca di scenari stupendi, cultura e possibilità d’avventura.
Scopriamo alcune esperienze da fare assolutamente.

Trekking sul ghiacciaio Jakobshavn

Groenlandia ghiacciaio Jakobshavn

Attraversiamo llulissat ed i suoi tanti edifici variopinti per raggiungere il ghiacciaio Jakobshavn.
Anche qui il percorso è mediante una passerella di legno che attraversa il permagelo e conduce verso il potente ghiacciaio.

E’ un patrimonio mondiale dell’UNESCO e la sua particolarità è il continuo movimento. Oltre 20 metri al giorno, a volte anche 30, consentono di produrre una notevole quantità di iceberg, oltre 30 miliardi di tonnellate ogni anno.
Arrivando da llulissat avrete modo di osservare la parte finale del ghiacciaio che conclude proprio nel fiordo della città. Fermatevi ad osservare la caduta di pezzi enormi di ghiacchio che si staccano e cadono in mare.
E’ una delle tante emozioni che potrete provare in Groenlandia.

In kayak attraverso i fiordi inesplorati

In kayak attraverso i fiordi inesplorati

Pagaiate tra il ghiaccio frantumato e ascoltate il rumore delle fratture. Fiordi come Torsukattak ed Evighedsfjorden vi circonderanno con alte montagne e ghiacciai che si tuffano nel mare, mentre altri fiordi senza nome aspettano solo di essere scoperti.

Spostarsi in stile groenlandese

Groenlandia, slitta trainata da cani

Essendoci poche strade nel Paese, le slitte trainate da cani e le motoslitte sono ancora il mezzo principale per muoversi. Dirigetevi verso l’isola di Qeqertarsuaq, con le sue montagne vulcaniche e le scenografiche vallate. Spronate gli husky di antica razza groenlandese attraverso le aree più remote del Paese, poi saltate su una motoslitta per inseguire l’aurora boreale.

In un villaggio Inuit

Groenlandia, villaggio Inuit

In quello che il tipico villaggio esquimese potrete assaggiare le specialità locali come la balenottera minore e la foca a Sisimiut, la seconda città della Groenlandia. Qui è da visitare la storica chiesa di Paamiut e fermarsi al mercato del pesce locale.

Spostiamoci invece a Itivdleq, noto anche come Itilleq, un minuscolo villaggio con poco più di un centinaio di abitanti nato nel 1847 in una isoletta vicino a quella attuale.
Qui potrete incontrare anziani amichevoli e giocare a calcio con i bambini.
In Groenlandia comunità indigene mescolano, con eleganza, l’antico e il moderno.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0