Gomel, guida alla seconda città della Bielorussia

Gomel, guida alla seconda città della Bielorussia


Condividi su:

Gomel, Bielorussia

Tutti gli articoli della Bielorussia

Cosa vedere a Gomel, mappaicona-articolo Gomel (Homel’) è la seconda città più popolata della Bielorussia, capoluogo dell’omonima voblasc’. Gomel è una delle più antiche città della Bielorussia, tanto che nessuno conosce con esattezza la data della sua fondazione.  Ciò che pare essere abbastanza sicuro è che Gomel risalga al periodo precedente alla scoperta della scrittura, senza però conoscerne neanche spannometricamente il secolo di fondazione.

Il primo agglomerato urbano di Gomel è stato sviluppato lungo un piccolo colle ai bordi della città, precisamente alla confluenza dei fiumi Iputi e Sozh. Il luogo era particolarmente strategico sia per i commerci sia per lo sviluppo effettivo della città, in quanto in posizione rialzata per scorgere di eventuali pericoli e in zona particolarmente fertile. Gomel oggi è popolata da circa mezzo milione di residenti e rappresenta una delle più importanti località industriali nell’Europa Orientale, situata a circa 50km dal confine con l’Ucraina e a 310km dalla capitale Minsk. Ecco cosa vedere a Gomel.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida di Minsk, la capitale della Bielorussia

Cosa vedere a Gomel

Cosa vedere a Gomel, il Monastero di San Nicola
Il Monastero di San Nicola

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Gomel dal Monastero di San Nicola, principale edificio religioso della città costruito nel 1905.

Il Monastero di San Nicola di Gomel è uno dei simboli cittadini con una architettura  tipica dell’Europa orientale. Al suo interno sono conservate numerose reliquie, tra cui icone religiose e vari manufatti storici, oltre una vasta raccolta di rari libri, molte prime stesure manoscritte nei secoli passati, tra le più preziose tra quelle scritte in cirillico. Nel 2007 il Monastero di San Nicola ricevette in dono le reliquie di San Nicola, precedentemente conservate in Italia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Lago di Naroch, dove trascorrere un weekend di relax dalla capitale Minks

Palazzo Gomel

Cosa vedere a Gomel, il Palazzo Gomel, la residenza Rumyantsev-Paskevich
Il Palazzo Gomel

Proseguiamo le cose da vedere a Gomel presso il Palazzo Gomel, noto anche come residenza Rumyantsev-Paskevich, uno tra i principali luoghi di carattere storico in città. Il Palazzo Gomel è situato in terreno sviluppato per 800 metri lungo la sponda occidentale del fiume Sozh e l’edificio è riportato sul fronte della banconota bielorussa da 20.000 rubli. All’interno del Palazzo Gomel è conservata una numerosa collezione di opere d’arte varie e mobili antichi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco il Castello di Mir, una delle fortezze più importanti della Bielorussia

Da on perdere a Gomel è anche la torre panoramica, situata nell’immediata periferia della città. Costruita in mattoni, la torre panoramica di Gomel era storicamente adibita a ciminiera di una fabbrica di zucchero, oggi dismessa da diversi decenni e, vista la sua strategica posizione, è possibile godere di uno spettacolare panorama sulla città. Per accedere alla torre panoramica è necessario acquistare un biglietto d’ingresso e percorrere numerosi gradini, che portano il visitatore alla sua sommità, a circa 40 metri d’altezza.

L’itinerario proseguirà poi verso il Teatro delle Marionette, situato nel cuore della seconda città della Bielorussia, fondato da Victor Chernyaev nel 1968. Oggi la struttura è uno dei punti di riferimento per gli spettacoli teatrali ma anche un punto di riferimento turistico poiché sede di sculture di vari personaggi dalle sembianze fiabesche e stravaganti.

Cattedrale di San Pietro e Paolo

Cosa vedere a Gomel, la Cattedrale di Pietro e Paolo
La Cattedrale di Pietro e Paolo

Poco distante dal Palazzo Gomel è possibile visitare la Cattedrale di Pietro e Paolo, altro edifici religioso di elevata importanza in città, sede della apprezzata cappella dei principi Paskevich, dentro cui sono conservate le loro tombe. Dalla Cattedrale di Pietro e Paolo è facilmente raggiungibile il Monumento alle Vittime della Grande Guerra Patriottica, costruito per celebrare i caduti durante il Fronte Orientale, tenutesi tra il 41 e il 45 dello scorso secolo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Brest, la città di confine della Bielorussia

Come raggiungere Gomel dall’Italia

Cosa vedere a Gomel, stazione ferroviaria

Per raggiungere Gomel in automobile occorrerà percorrere un tragitto di circa 2500 km da Milano. Da qua si dovrà raggiungere la Svizzera, percorrendo la A2 fino al raggiungimento della A13 che vi condurrà in Germania. Qua si percorrerà prima la A7, poi la A9 e infine la A3 per arrivare a Dresda. Da qua si accederà alla Polonia e costeggiando le città di Breslavia e Varsavia si raggiungerà la città di Bialystok, poco distante dal confine con la Bielorussia. Entrando nel paese è necessario percorrere la P99 fino a Minsk, da cui si cambia con la M5 che vi porterà direttamente a Gomel.

In aereo si dovrà raggiungere l’aeroporto di Gomel in circa 3 ore di viaggio. In alternativa, più frequenti, si potrà raggiungere Minsk e da li procedere in treno.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Bielorussia, il fascino post sovietico

Quando andare a Gomel

Cosa vedere a Gomel, vedutaIl periodo migliore per quando andare a Gomel è indubbiamente durante la stagione estiva. Nell’Europa Orientale, in particolare modo nelle località d’entroterra, per metà dell’anno le temperature possono crollare notevolmente sotto lo zero, con frequenti precipitazioni che possono ostacolare il proprio viaggio a Gomel. Inoltre l’estate a Gomel è abbastanza mite, poco umida e piacevole per il turismo.

 

Ultimo aggiornamento: 02.08.2020


 

Condividi su: