Chi sono gli Amish?
Guida per conoscere gli Amish

icona-articoloLa comunità Amish vive prevalentemente in Pennsylvania, Ohio e Indiana, emigrando nel settecento dalla Svizzera, dove ebbero origine. La loro vita è quanto di più semplice si possa pensare: nessuna auto, TV, computer, telefoni e nemmeno il collegamento alla rete elettrica.

Eppure non sono rare le immagini che le ritraggono con un iphone in mano, sapientemente celato tra le lunghe gonne o nei pantaloni. Poco alla volta anche gli Amish pare si stiano avvicinando a un mondo più moderno, anche se difficilmente viene da loro confermato.

Chi sono gli Amish?

Chi sono gli Amish, donne al mercato dei fioriGli Amish sono proprio conosciuti per il loro stile di vita rurale e semplice.
Ma chi sono realmente gli Amish? Sostanzialmente li possiamo definire come un popolo che per ragioni sopratutto religiose vivono in un regime di tipo congregazionalista. Sono accomunati da un forte legame familiare e religioso, le cui basi si fondano su alcuni concetti richiamati dalla Bibbia.

Ogni Amish deve lavorare per il proprio sostentamento, aiutando tutti i familiari ma anche l’intera comunità. Esiste una specie di tassa che deve essere versata in una cassa comune che ha lo scopo di prevenire difficoltà e per aiutare il resto degli Amish in difficoltà.
Negli soli Stati Uniti si contano circa 350.000 Amish, tutte come visto sparse in aree rurali di alcuni stati, anche se negli ultimi anni timidamente sembra stiano popolando nuovi territori.

Le loro attività lavorative sono quelle più tipiche del 1800, quindi sostanzialmente l’agricoltura, il tutto senza alcun utilizzo della tecnologia. E’ infatti per loro vietato fare uso dell’elettricità e per muoversi utilizzano unicamente cavalli, essendo vietate le automobili. Lo stile di vita rurale, infatti, non consente nemmeno l’utilizzo di moderne tecnologie durante la coltivazione della terra. Tutto deve essere rigorosamente essere effettuato a mano.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Monowi, la città con un solo abitante

Gli Amish e la salute

Chi sono gli Amish, fiera espositivaGli Amish risultano essere il popolo con una longevità mediamente più alta rispetto sia al popolo americano ma anche rispetto a noi europei.

Come è possibile che siano di gran lunga più sani rispetto a tutto il resto del mondo, o quasi? E’ proprio questa attività fisica che si trasforma in un quotidiano addestramento del corpo umano. Gli uomini Amish percorrono infatti mediamente 18.425 passi al giorno contro un risultato inferiore di oltre il 70% del popolo europeo e americano.
Anche la famosa teoria del 10.000 passi per vivere in salute (ampiamente contestata) è più che rispettata.

La comunità religiosa è quasi del tutto priva di obesità. Si calcola che solo il 4% ha una forma di obesità, valore che risulta essere inferiore nettamente rispetto alla normale popolazione che invece si assesta ad un livello quasi 7-8 volte superiore. I tumori della comunità sono altrettanto nettamente inferiori: nonostante non vi sia un divieto esplicito nel fumare, solo pochi uomini hanno scelto la strada del tabacco e questo si  trasforma in una diminuzione del 63% del tasso di mortalità legato al tabagismo.

Stranamente invece in tema cardiovascolare gli Amish hanno livelli leggermente superiori a quelli di altre popolazioni. Questo tuttavia potrebbe essere facilmente spiegabile dall’alimentazione: la loro dieta è infatti a base di carne, patate, pane e sugo. Nonostante la loro attività li porti a bruciare molte calorie sale e carboidrati in genere non contribuiscono a completare un quadro clinico che altrimenti potrebbe essere definito quasi perfetto. Gli Amish hanno anche una familiarità genetica che difficilmente viene contaminato. Infatti la grandissima maggioranza si sposa all’interno della comunità, evitando quindi qualsiasi tipo di infiltrazione esterna. Con dei geni in quasi perfetta salute si evita qualsiasi infiltrazione negativa.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Nashville, la capitale del Tennessee

Amish: una vita più sana?

Chi sono gli Amish

La tipica sobrietà degli Amish non è solo dalle regole di una vita semplice ma anche nel modo di vestirsi e anche sull’arredo di casa. Gli Amish sono facilmente riconoscibili per la totale assenza di qualsiasi gioiello o altro accessorio, come un semplice orologio. Le donne vestono con tuniche lunghe, grembiuli e anche cuffiette che ricoprono i capelli. Anche gli uomini seguono questo stile sobrio, con camicie di vari colori che riportano indietro nel tempo.

Se li incontrate sappiate che la loro lingua non è l’inglese, che ovviamente conoscono imparandolo a scuola, ma è l’hoch Deutsch, un dialetto tedesco che spesso però viene a sua volta trasformato in una lingua ancora più semplificata. La lingua è infatti a sua volta declinata nel Pennsylvania Dutch, una lingua meno formale comunemente utilizzata a casa o durante le attività lavorative. Impararla non è ovviamente facile ma all’interno delle loro comunità esiste un’insegnante in grado di aiutare chi vuole avvicinarsi a questa cultura.

Si dice che gli Amish siano anche contrari all’uso dell’auto. Bene, non è del tutto corretto, non è infatti vietato possederne una o anche chiedere un passaggio o anche noleggiarne una se si deve raggiungere un posto lontano. Ovviamente non è il loro mezzo di trasporto preferito, un calesse è il loro tipico modo per spostarsi, visto che non avendo una vita sociale gli spostamenti si limitano di fatto dal villaggio al paese più vicino per fare compere.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Una vacanza nel Missouri per visitare Kansas City

Si può diventare Amish?

Chi sono gli Amish, donna che raccoglie latte

Superata l’ovvia domanda del perchè diventarlo, la risposta è si. E’ possibile diventare un’Amish, o meglio proporsi affinché si venga accettati come membri attivi della comunità.

Una volta presa questa decisione, un membro rispettato della comunità vi ospiterà, insegnandovi tutte le regole e valutando se siete degni di accedere. Prima di diventare membri ufficiali sarete battezzati, requisito indispensabile per poter essere valutati e quindi, a percorso completato sarete ufficialmente proclamati Amish. Il tempo di valutazione non è definito, generalmente si viene introdotti all’interno e una volta che il gruppo avrà ritenuto idonea la nuova presenza, si passa al livello successivo.

Una volta di fatto diventati Amish si dovranno seguire dei semplici passi, primo fra tutti l’acquisto di un lotto di terra che possa contenere l’abitazione e anche lo spazio per la stalla. Fatto questo, che naturalmente non è un semplice passaggio essendovi delle precise regole, ci si vede dimenticare dei propri vestiti. Dovrete in pratica adeguarvi al loro vestiario, diventare uno di loro e non distinguervi in particolar modo. Pur non avendo uno specifico abito, vi dovrete adeguare agli standard già visti in precedenza, abiti semplici e senza fronzoli di alcun tipo, non accettati.

Anche l’aspetto estetico ha un suo preciso scopo, se si devono tagliare i capelli solo un barbiere amish potrà farlo e le donne dovranno sempre coprire la testa con un berretto. Gli uomini di fatto non dovrebbero nemmeno sapere dove è di casa il barbiere, considerando che la barba dovrà essere lasciata crescere mentre è tollerato il taglio di capelli, saltuariamente. Ora che tutti questi passaggi sono stati fatti è arrivato il momento di presentarsi a tutti gli altri membri della comunità per essere consacrato ufficialmente.

La cerimonia di consacrazione è il momento forse più toccante di tutta l’esperienza, tutti i membri si prodigano per aiutare alla costruzione del fienile e della casa, suddividendosi i compiti. Ovviamente la casa andrà realizzata senza particolari strumenti di lavoro ma con il duro lavoro di tutta la comunità. Tutti trovano il loro spazio di lavoro con gli uomini intenti nei lavori più pesanti e con le donne intente a cucinare e a curare i bambini, un’attività che permetterà di socializzare fin da subito e sentirsi sempre più parte integrante della comunità.

Ottimo, a lavori conclusi sarete finalmente dei veri cittadini rispettati del 1700.

Ultimo aggiornamento 20 maggio 2021