Glasgow, la guida completa
Cosa vedere a Glasgow

Tutti gli articoli del Regno Unito

icona-articoloUn passato da città industriale, oggi con lo sguardo rivolto a centro artistico e tecnologico, Glasgow è una città in espansione. Sembrano infatti lontani gli anni '60 e '70 dello scorso secolo, quando la città scozzese era definita una delle città più grigie della Scozia e dell'intero Regno Unito. Oggi Glasgow è una città giovane, grazie alla sua frequentata Università, valorizzata dall'UNESCO come prima Città della musica e anche luogo da scegliere dove fare shopping.

La città scozzese è anche una meta perfetta per gli appassionati d'arte che potranno trovare numerosi musei, alcuni anche ad accesso gratuito e sede dell'Hunterian Museum, il museo più antico di Scozia. Per tutti è invece suggerita una passeggiata nel centro storico, caratterizzato da diverse strade definite le più belle della Scozia e porta di accesso alle istituzioni storiche. Divisa a metà dal fiume Clyde, il suo porto viene ricordato come uno dei più influenti della storia dell'Europa. Da qua, infine, potranno essere scelte numerose escursioni, quelle che ci permetteranno di visitare, tra gli altri, Loch Lomond, Stirling Castle, Linlithgow Palace.

 

Come raggiungere Glasgow

Cosa vedere a Glasgow, veduta dall'alto della città
Veduta di Glasgow dall'alto

La modalità più semplice provenendo dall'Europa è naturalmente l'aereo. La città è infatti raggiungibile atterrando allo → aeroporto internazionale di Glasgow, connesso con numerose destinazioni nazionali e internazionali. Qualora non vi fosse uno scalo diretto si potrà optare per Edimburgo. Una volta concluse le operazioni di sbarco potrete raggiungere il centro città con un comodo servizio di bus navetta, oltre che un valido servizio di taxi.

Se vi trovate già nel Regno Unito, potrete raggiungere Glasgow da qualunque destinazione vi trovate. Se siete particolarmente distanti, il comodo treno notturno collega Londra e altre destinazioni permettendovi di risparmiare tempo e giungere in città di primo mattino. Anche la rete di bus in tutto il Regno Unito è in grado di farvi raggiungere la città scozzese. Se invece siete in macchina considerate un tempo di viaggio di poco superiore a 1 ora se vi trovate a Edimburgo, circa 3 ore e mezza da Manchester e oltre 6 ore invece da Londra.

Una volta raggiunta vi potrete facilmente muovere in città grazie a una efficiente rete di bus con una rete metropolitana composta da una unica linea che segue un percorso circolare. Se siete in macchina, la città non risente di un particolare traffico urbano mentre trovare parcheggio nelle zone più centrali potrà non sempre essere semplice.

Ottima da visitare durante la primavera, Glasgow è una città da visitare in non meno di due giorni ma se ne avrete l'opportunità dedicatele anche una notte in più. Per organizzare al meglio il vostro viaggio potrete prendere visione anche del sito web ufficiale dell' → ufficio del turismo di Glasgow.

 

Cosa vedere a Glasgow

Cosa vedere a Glasgow, George SquareIniziamo quindi a scoprire cosa vedere a Glasgow dal suo centro storico, particolarmente ampio e che in George Square conserva il suo fulcro.

Il suo nome è intitolato a re George III e oggi la principale piazza della città è il luogo di ritrovo durante i principali eventi. Il suo passato la ricorda come un grande spiazzo di terra che sono alla fine del XVIII venne adeguata per ospitare le abitazioni in stile georgiano e, il secolo successivo, in una piazza. Qui ha sede il Municipio, la City Chambers di Glasgow, risalente al XIX secolo  e ammirabile sul lato orientale della George Square. L'intera piazza ha inoltre una serie di statue distribuite lungo tutti i perimetri, tra cui quella della Regina Vittoria e del Principe Alberto.

L'obelisco che potete ammirare al centro è dedicato a Sir Walter Scott, lo scrittore considerato l'inventore del moderno romanzo storico mentre giusto sotto è posta la statua di Robert Burns, il poeta che ha sempre scritto i suoi versi in scozzese. Durante i mesi invernali questa è la sede della divertente pista da ghiaccio mentre nel periodo estivo ospita un grazioso lunapark, tra cui l'imperdibile ruota panoramica. Tutto l'anno sono invece disponibili i tanti negozi e locali, luogo di ritrovo perfetto per giovani ma anche per abitanti e turisti di ogni età.

 

Gallery of Modern Art

Cosa vedere a Glasgow, Galleria di Arte Moderna
Galleria di Arte Moderna di Glasgow

Rimaniamo nel centro storico per raggiungere la → GoMA,  la più importante galleria d'arte moderna di tutta la Scozia. La mostra è allestita in uno storico edificio del XVIII secolo che è anche sede della principale biblioteca cittadina, in passato ufficio di alcune tra le principali attività commerciali e ancora oggi parzialmente sfruttata allo scopo.

Appartenente a → Glasgow Life, l'ente che si occupa di tutti i principali eventi sportivi e culturali, il GoMa conserva una serie di opere di realizzazione sia locale che nazionale che internazionale. Numerose le mostre temporanee, mentre quelle permanenti sono spesso rivisitate permettendo di valorizzare ogni visita successiva.

Gli orari di apertura di GoMA sono:

Lunedì-giovedì, sabato: 10:00-17
Venerdì e domenica:
11:00-17

 

 

Cosa vedere a Inverness
Cosa vedere a Inverness, città ricca di storia, cultura, fascino e capitale delle Highlands scozzesi. Tra le cose da vedere a Inverness impossibile perdersi Culloden...

La cattedrale di Glasgow

Cosa vedere a Glasgow, la cattedrale
Veduta sulla Cattedrale di Glasgow

Le origini di Glasgow sono antichissime, con prime testiomonianze risalenti all'età del bronzo.

La città sarebbe stata fondata da San Mungo, venerato dalla chiesa cattolica, anglicana e ortodossa e raffigurato all'interno del → Glasgow Murail Trail, una serie di murales che hanno avuto lo scopo di rallegrare i tristi quartieri della città. A lui è intitolata la Cattedrale di Glasgow, una degli edifici religiosi più importanti di tutta la Scozia. Questo sarebbe stato proprio il luogo di fondazione della città e oggi è la cattedrale medievale più completa della Scozia, essendo anche sopravvissuta quasi intatta alla Riforma protestante.

Al suo interno merita una visita la cripta, realizzata a metà del 1200, per ospitare San Mungo, colui che oggi è anche il santo patrono della città. Ma da non perdere anche il soffitto della navata dell'arcivescovo Blackadder, colorato di bianco e che rende la cattedrale ancora più affascinante, sotto ogni punto di vista.

Sempre al fondatore della città è dedicato il St. Mungo Museum of Religious Life & Art, il museo dedicato al Santo Patrono che racconta in ogni dettaglio la vita, la storia e i miracoli del religioso.

 

Lo straordinario fascino di Kirkcudbright
Guida di Kirkcudbright, località a sud della Scozia conosciuta anche con l'appellativo di città degli artisti posta sulle rive del fiume Dee ed abitata da...

La necropoli di Glasgow

Cosa vedere a Glasgow, veduta sulla necropoli
Veduta sulla Necropoli di Glasgow

Giusto alle spalle della Cattedrale e a breve distanza dall'appena citato Museo della Vita Religiosa e dell'Arte di San Mungo, è possibile attraversare una passerella che consentirà di raggiungere la necropoli.

Si tratta di un grande cimitero vittoriano con giardino posto in zona collinare e che ricorda quello pargino di Père Lachaise, dove sono stati sepolti Jim Morrison e Oscar Wilde. Numerosi anche qua i personaggi di riferimento sepolti, anche se nessuno particolarmente noto fuori dai confini scozzesi. Si tratta, infatti, di personaggi che hanno contrassegnato la storia della Scozia. Tra i tanti merita cercare il monumento di John Knox, leader della Riforma protestante in Scozia nel 1500 che, pur non essendo qua sepolto, viene ricordato proprio per la sua importanza storica.

La Necropoli occupa un'area di oltre 15 ettari e risulta essere uno degli spazi verdi più ampi di tutta Glasgow. La sua costruzione, vittoriana dicevamo, risale al 1831 in quella che era una area verde e oggi è una delle zone in cui passeggiare grazie anche ad un tour guidato, sempre a piedi, in cui viene raccontata la storia di Glasgow attraverso le tombe qua presenti.

Sia la necropoli che la Cattedrale è accessibile gratuitamente anche se una donazione libera è ben accetta.

 

Campbelltown, l’antica capitale del whisky
Campbeltown, l'antica capitale del whisky e oggi sede di 3 importanti distillerie in grado di proporvi un tour degustativo. Tra le cose da vedere a...

Provand's Lordship

Cosa vedere a Glasgow, Provand's Lordship
Provand's Lordship a Glasgow

A un paio di minuti dalla Cattedrale merita visitare il Provand's Lordship, il più antico edificio medievale di Glasgow, uno delle sole quattro strutture del periodo ancora oggi visibili.

Originariamente appartenente al St Nicholas's Hospital, nel tempo fu abitata da vari sacerdoti della cattedrale e oggi appartiene alla fondazione che ha voluto salvaguardare questa importante testimonianza storica. Si tratta anche di una delle pochissime abitazioni del periodo ancora oggi presenti in tutta la Scozia, una rarità che merita essere preservata nel tempo.

L'edificio è stato restaurato ed è arredato per rappresentare la vita tra il 1500 e il 1700, mettendo in mostra una serie di mobili scozzesi del XVII secolo donati da Sir William Burrell. L'edificio è stato ulteriormente restaurato recentemente e la sua riapertura al pubblico è prevista per il 2023.

Entrando troverete al piano terra e al primo piano i mobili d'epoca contemporanei alla costruzione dell'edificio ma altrettanto stanze invece piuttosto disadorne. Prima di lasciare il Provand's Lordship date uno sguardo al St Nicholas Garden, il giardino di erbe medicinali posto giusto alle spalle dell'edificio.

 

Cosa vedere a Londra, la guida completa

Londra, guida completa della capitale inglese, una delle più grandi dell'Europa. Questa guida vi fa conoscere anche i quartieri di Londra, suggerisce...

Buchanan Street

Cosa vedere a Glasgow, Buchanan Street
Veduta su Buchanan Street di Glasgow

Una delle vie più importanti di Glasgow, che taglia il centro storico della città è Buchanan Street, una arteria pedonale in cui è anche possibile passeggiare tra negozi e fermarsi per un caffè in uno dei tanti locali qua presenti.

E' anche la strada in cui ha sede la → Glasgow Royal Concert Hall, moderna sala concerti appositamente realizzata per ospitare eventi di primo livello e la cui acustica è garantita da una eccellente qualità sonora. La Glasgow Royal Concert Hall entra di diritto tra le cose da vedere a Glasgow e la trovate nell'estremità nord di Buchanan Street. Se avete voglia di shopping cercate invece le → Buchanan Galleries, poste circa a metà percorso.

Nella zona centrale della città troviamo anche la → Lighthouse, una mostra dedicata al design scozzese e anche la Gallery of Modern Art, una galleria di interesse nazionale e che rappresenta uno dei punti turistici da non perdere. Oltre a visitarla per le mostre d'arte temporanee o gli eventi organizzati, entrate per godere di una imperdibile vista della città dalla cima di questo edificio progettato nel 1895. Al tempo la struttura era progettata come torre serbatoio, al cui interno era presente un serbatoio di oltre 30.000 litri necessario a proteggere dal rischio di incendio il Glasgow Herald, il più antico quotidiano nazionale e ottavo al mondo per fondazione.

 

Cosa vedere a Leeds, viaggio nello Yorkshire

Leeds, la grande città del Regno Unito nota per il suo fiorente passato da snodo commerciale, oggi diventata meta vacanziera.

East End

Glasgow è da sempre nota come la città operosa per eccellenza, non solo della Scozia ma di tutto il Regno Unito. Proseguiamo quindi a scoprire cosa vedere a Glasgow da quello che fu il primo quartiere della città, una zona che a differenza del centro appena visitato ha un richiamo indubbiamente diverso, quasi proletariale.

Questo è probabilmente il quartiere dove meglio si assapora il  cuore popolare della città, il vero fulcro della vita degli abitanti. Passeggiate fra i mercati e fra le antiche strade per entrare a contatto con i residenti di questa zona di Glasgow, gente tranquilla abituata da generazioni a lavorare sodo ma altrettanto conviviale con chi si appresta a visitarla.

Anche nell'East End non mancheranno le attrazioni da visitare e il punto perfetto da dove iniziare a scoprirlo è il People's Palace, il cui nome già identifica in parte quello che visiteremo.

 

People's Palace

Cosa vedere a Glasgow, People’s Palace
Veduta sul People’s Palace di Glasgow

Inaugurato nel 1898 all'interno del Glasgow Green, un grande giardino verde all'estremità orientale della città, il People's Palace è un museo dedicato agli abitanti di Glasgow.

Visitabile sia con un tour guidato, o singolarmente, la mostra inizia dall'area denominata Single End, in cui viene raccontata la vita degli abitanti e dei lavoratori negli anni '30. Al suo interno è presente in realtà tutta la storia sociale della città di Glasgow , raccontata attraverso una collezione di oggetti, fotografie, stampe  e video che aiutano a comprendere come i Glaswegiani vivevano e lavoravano. All'esterno è invece presente la Doulton Fountain, un'altissima fontana di terracotta recentemente restaurata, ed i Winter Gardens, purtroppo chiusi a tempo indeterminato.

Altro da vedere nell'East End

Cosa vedere a Glasgow, edifici in pietra arenaria di East End
Gli edifici in pietra arenaria di East End di Glasgow

Il quartiere storico di Glasgow è anche la sede del noto → National Piping Centreil centro d'eccellenza mondiale dedicato alle cornamusa. Qui si potrà ammirare la cornamusa più antica del mondo, oltre che scoprire centinaia di strumenti unici. Oltre a visitare il museo, al National Piping Centre si viene anche per imparare a suonarla, con corsi per tutti i livelli di esperienza e con noleggio per eventi.

Approfittate per una visita al → Barres Market, il mercato principale cittadino aperto ogni weeend dalle 10 alle 16 e ospitato sia nelle strade lungo Gallowgate ma anche in una grande struttura coperta. Siamo di fronte a una delle istituzioni più famose della città, fondata nel 1921 ma il cui edificio dove oggi ha sede il mercato venne inaugurato nel 1934. Dopo essere stata coinvolta in un incendio nel 1958, la struttura principale è stata riaperta nel 1960 e oggi rappresenta la modalità migliore per acquistare davvero di tutto.

Concludete la vostra visita all'East End in quella che in molti defiscono la zona più bella di Glasgow, quella posta lungo le rive del fiume Kelvin.

 

I giardini botanici

Cosa vedere a Glasgow, i Giardini Botanici
I Giardini Botanici di Glasgow

Dedicati a Thomas Hopkirk, noto botanico di Glasgow, i giardini botanici della città sono stati realizzati nel 1817 con un primo gruppo di poche migliaia di piante.

Nel 1839 l'intenzione di uno sviluppo dell'area lo ha costretto ad un trasferimento, riaprendo tre anni dopo ma con apertura ai soli iscritti ad un club appositamente realizzato. Tra le cose da vedere a Glasgow, i giardini sono oggi una delle attrazioni più viste di Glasgow con oltre mezzo di visitatori ogni anno che entrano per ammirare una della aree verdi custodite più grandi della Scozia.

Passeggiare in questo meraviglioso giardino significa scoprire le tante piante tropicali, i tanti fiori ma anche i vari siti storici in esso contenuti, tra cui diversi ponti oramai secolari.
Nei fine settimana non sono rari vari eventi, aperti al pubblico, di vario tema tra cui anche concerti e spettacoli teatrali. L'ingresso ai giardini botanici è completamente gratuito.

 

Storia e consigli per visitare lo Stadio di Wembley di Londra

Wembley Stadium, il più importante stadio di Londra inaugurato nel 2007 in occasione delle Olimpiadi del 2012 sul sito...

West End

Quartiere residenziale per eccellenza, il West End si pone come l'opposto rispetto al quartiere dell'opposto lato. Dal quartiere proletario dell'East End all'opulenza del West End, il passo non è poco.

Quartiere fondato alla fine dell'Ottocento, una passeggiata da queste parti sembra voler proprio indirizzare a una aria di serenità e agiatezza, oggi per dire il vero respirabile praticamente ovunque. Tra le cose da vedere a Glasgow, il West End è anche la sede dell'Università e di conseguenza uno dei quartieri più giovani in assoluto, con numerosi pub e locali quasi sempre colmi di ragazzi che si concedono una pausa tra una lezione e la successiva.

Università di Glasgow

Cosa vedere a Glasgow, il West End
Università di Glasgow

Seconda università più antica della Scozia, qui vengono spesso organizzati convegni e concerti aperti al pubblico, occasione imperdibile per visitarla al suo interno.

La sua fondazione risale al 451 ed è nota anche per essere stato l'edificio che tra i primi ha usufruito dell'energia elettrica già nel 1881. All'interno dell'ateneo è presente anche il → Hunterian Museum, il più antico museo della Scozia, una importante galleria d'arte. Al medesimo primo piano è situato un'altro museo, quello zoologico, con anche animali viventi.

Meritano uno sguardo anche i meravigliosi giardini che proseguono fino a raggiungere la → Kelvingrove Art Gallery and Museum, maestoso edificio con numerose esposizioni dedicate alla storia culturale della Scozia. Non fatevi infine scappare la Torre dell'Università, uno tra gli edifici inconfondibili della città. Saliteci per ammirare dai suoi 85 metri di altezza uno dei panorami più profondi di tutto il centro abitato.

Cosa vedere a Nottingham

Nottingham, la storica città nel cuore dell'Inghilterra nota per essere la casa di Robin Hood, il leggendario eroe popolare britannico. Tra le...

Altro da vedere a Glasgow

Dopo aver visitato il centro storico, l'East e il West End, di fatto avremo visitato quasi per intero la città.

Sono poche le attrattive principali rimanenti e distribuite lungo tutto la città come nel Southside, dove merita andarci per visitare il Queen's Park, oggi rivisto rispetto ad un tempo e piuttosto gradevole. Centro sportivo per eccellenza, da cui prende il nome l'omonima Queen's Park Football Club, la società di calcio più antica della Scozia, fondata nel 1867, qui ha anche sede la Burrell Collection.

 

Burrel Collection

Cosa vedere a Glasgow, Burrel Collection
Veduta sulla Burrell Collection di Glasgow

Riaperto di recente dopo un'importante ristrutturazione e riesposizione, al suo interno sono custoditi oltre 9.000 oggetti, donati da Sir William Burrell magnate delle spedizioni e sua moglie Lady Constance nel 1944.

Si tratta di un viaggio lungo 6.000 anni con mostre che ripercorrono la storia dell'uomo senza una particolare collocazione geografica. Tra i punti di riferimento merita l'importante collezione di arte cinese, la più importante di tutto il Regno Unito, ma anche oggetti di varie altre civiltà, tra cui culture romane e ceramiche egiziane. Interessante anche i reperti medievali, tra cui armi e armature ma anche 200 tra gli arazzi più apprezzati al mondo. Concludete la vostra visita alla Burrell Collection di Glasgow ammirando i dipinti di Manet, Cézanne e Degas.

Al suo interno trova spazio anche la Sala Hutton, nota per riprodurre il castello dei Burrel con le sue meravigliose sale, ma anche le altre sale meritano uno sguardo, con una serie di reperti di provenienza soprattutto dall'antico Egitto e dall'antica Grecia. L'ingresso al museo è gratuito.

Clydeside

Cosa vedere a Glasgow, Clydeside, la zona portuale della città
Clydeside, la zona portuale della città di Glasgow

Una delle altre zone che merita prendere in considerazione a livello turistico è la zona del porto, la Clydeside. Se in passato avete avuto modo di visitarla, oggi si presenta in modo completamente diverso, completamente bonificato dai problemi di un tempo  si presenta elegante e decisamente più tranquillo.

Questa era anche la zona più trafficata della città, anche a livello lavoratico, luogo di costruzione dei transatlantici che venivano poi acquistati dalle grandi compagnie navali. Passando dal fiume Clyde ogni transatlantico raggiungeva la sua destinazione accompagnato da un forte applauso dei lavoratori e dagli abitanti della zona, fieri di un cantiere cosi prestigioso.

 

Museo Navale The Tall Ship a Riverside

Cosa vedere a Glasgow, Museo Navale The Tall Ship at Riverside
Veduta sul Museo Navale The Tall Ship a Riverside di Glasgow

Attraccata sul fiume Clyde troviamo anche questa imbarcazione, nota con il nome di Glenlee, una delle sole cinque barche del genere esistenti al mondo e trasformata in museo galleggiante.

Al suo interno viene raccontata la vita dei marinai, grazie anche a numerose rappresentazioni e costumi d'epoca.
La nave venne costruita nel 1896 e utilizzata prima come nave commerciale ed in seguito come nave scuola da parte della marina militare, che la tenne in attività fino al 1981.
Tra le cose da vedere a Glasgow, questo originale museo racconta, attraverso filmati e reperti, la storia dei viaggi, ricostruendo anche i vari locali di lavoro interni, come quelli degli addetti alla vela o la cabina del primo ufficiale.

A breve distanza troviamo anche una delle attrazioni più note agli sportivi, l'Hampden Park.

 

Hampden Park

Cosa vedere a Glasgow, Hampden Park
Veduta sull'Hampden Park di Glasgow

Una visita a Glasgow non può considerarsi completa se non si è visitato l'Hampden Park, uno dei più celebri stati di calcio della Scozia.

Siamo infatti nello stadio dove si svolgono gli incontri della nazionale scozzese e dove è presente un museo che racconta la storia del calcio scozzese, dalle sue origini ai giorni nostri. Qui gioca anche la già citata squadra locale, militante nella Scottish League Two, il Queen's Park Football Club le cui origini ci riportano al 1867. La sua realizzazione risale al 1903 quando la società proprietaria del Queen's Park Football Club decise di acquistare il terreno allo scopo di costruirvi uno stadio moderno e idoneo per ospitare anche le gare della nazionale.
L'Hampden Park è spesso utilizzato anche per ospitare concerti e altri eventi di primaria importanza.

 

Cosa vedere in Cornovaglia, la penisola del Regno Unito

Scopriamo la Cornovaglia dal suo capoluogo Truro ed i villaggi di Portloe o Port Isaac ammirando il paesaggio, patrimonio UNESCO. Tra le cose da vedere...

SECC

Cosa vedere a Glasgow, ​SECC
Veduta sul ​SECC di Glasgow

Concludiamo la nostra rassegna tra le cose da vedere a Glasgow con il SEC, Scottish Exhibition and Conference Centre.

Visibile anch'esso sul lungofiume Clyde, il SEC sono una serie di edifici che ospitano i principali eventi di tutta la Scozia, facilmene riconoscibili per lo stile contemporaneo, ben integrato nella zona. La loro realizzazione risale alla metà del 1970 quando l'area era sostanzialmente dismessa ed è parte della riqualifica del Clydeside. Tra le struttura oggi sono presenti il Clyde Auditorium di Norman Foster, edificio a forma di croissant noto anche con il nomignolo di armadillo, chiaro riferimento al suo particolare tetto. Altro edificio che merita uno sguardo è l'SSE Hydro, una sala concerti che propone numerosi artisti in questo edificio futuristico.

 

Continua a scoprire la Scozia