Condividi su:

Cosa vedere a Giulianova, Teramo

Tutti gli articoli dell’Abruzzo

icona-articolo

Ci troviamo nella provincia di Teramo dove è situata Giulianova, una delle principali località balneari dell’Abruzzo e tra le cittadine più popolate, con quasi 25.000 residenti. Mare pulito, premiato con la Bandiera Blu e spiagge di sabbia la rendono una meta turistica che accoglie anche parecchi viaggiatori dall’estero, Germania e Nord Europa in particolar modo.

Una vacanza a Giulianova non significa unicamente relax ma anche divertimento e attività sportive. Qui si potrà, oltre che nuotare, praticare windsurf o vela ma anche passeggiare lungo le strade cittadine per ammirare le vetrine o per mangiare qualche specialità tipica.

La cittadina abruzzese è divisa in due parti, Giulianova Lido, la parte turistica, e Giulianova alta, la zona fulcro della città che racchiude la sua storia.
Pronti a scoprire cosa vedere a Giulianova?

Cenni storici

Mappa di GiulianovaLe origini di Giulianova risalgono probabilmente al III secolo a.C. quando i Romani fondarono Castrum Novum, sulle orme di quella che in precedenza poteva essere una città picena. Il suo nome venne cambiato, nel Medioevo, in Castel San Flaviano, intitolandola al Santo patriarca di Costantinopoli.
Il suo tempio fu tra i tratti salienti cittadini per tutto il Medioevo dando alla futura Giulianova una sicura importanza, confermata anche dalla presenza di un porto commerciale e da un ospedale.

Nel 1382 si vide annessa al dominio di Antonio Acquaviva che vi fece la sua residenza, distrutta poi dal figlio Giosia nel 1460 durante la guerra tra le truppe di Federico da Montefeltro e Alessandro Sforza contro quelle di Jacopo Piccinino e Bosio Santofiore.
La distruzione della città diede l’impulso per fondarne una completamente nuova su una collina poco distante, dandole il nome di Giulia dal suo fondatore Giuliantonio Acquaviva.
La nuova cittadella, completamente difesa da ogni lato e forte della sua posizione d’altura, riuscì a rimanere pressocchè integra, nonostante vari tentativi di assedio.

Dall’Ottocento ai giorni nostri

Nell’Ottocento Giulia era completamente abitata e priva di ulteriore spazio, ragione per cui si decise di costruire al di fuori delle mura che per secoli avevano garantito pace e prosperità.
Il litorale, posto sottostante, rimase completamente deserto fino all’Unità d’Italia e popolato unicamente dal 1863 con l’arrivo dell’asse ferroviario Ancona-Pescara. E’ il periodo di inizio dello sviluppo industriale con la nascita, nel 1888, di una società per la costruzione di mattoni. Fu la prima idea di rinascita, seguita poi dallo stabilimento balneare e dell’Ippodromo, pochi anni dopo. E’ proprio il litorale, denominata Marina, a vedere il massimo sviluppo demografico fino al 1934, quando la frazione iniziò a superare gli abitanti dell’allora centro conosciuto come Giulia.

Nasce cosi Giulianova Spiaggia e la costruzione dei primi alberghi, tra cui il lussuoso Kursaal, nato come club marino e convertito in hotel una quindicina d’anni dopo.
Conclusosi il secondo conflitto mondiale, Giulianova inizia uno sviluppo armonico della città. Nonostante l’elevato numero di abitanti, Giulianova è ricca di zone verdi che la denotano come cittadina elegante, vivace e apprezzata sia per la cultura e l’arte.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tornareccio, il borgo del Monte Pallano

Cosa vedere a Giulianova

Cosa vedere a Giulianova, panorama
Giulianova, panorama

Giulianova è un paesino tranquillo che vive di pesca e turismo, con un litorale delizioso e con la zona di Giulianova alta che rappresenta il fulcro storico cittadino.

Da questa piccola altura, circa 70 metri dalla parte Lido, si potrà ammirare il mare e il contorno della riviera adriatica da una prospettiva indubbiamente attraente. Per raggiungere Giulianova alta si percorre una dolce strada chiamata Salita Monte Grappa.
Una volta in cima si potranno ammirare le principali cose da vedere a Giulianova a livello artistico e culturale.
Da non perdere nella parte alta di Giulianova a livello di edifici religiosi la Chiesa di Santa Maria a Mare, la cui cupola domina l’intero nucleo abitato, il Santuario della Madonna dello Splendore e la Cappella dei Bartolomei.

Altre cose da vedere a Giulianova, nella parte alta, i meravigliosi resti delle mura che inglobavano il primo nucleo abitato della città, le stesse che si erano rese insufficienti a ospitare i tanti abitanti che nell’Ottocento volevano viverci.
Tra le altre attrazioni da non perdere segnaliamo Il Bianco, un torrione tondo che è il più grande e rappresentativo di tutta Giulianova.
Merita anche il monumento a Vittorio Emanuele II, costruito per ricordare agli abitanti e ai visitatori la visita del primo re d’Italia.

Infine da non perdere tra le attrazioni di Giulianova proprio il Palazzo Kursaal, realizzato in diversi stili architettonici e recentemente restaurato e riportato ai suo antichi splendori e primo albergo di lusso in Giulianova Lido.

OneMag-logo
Link-uscita icona  A spasso nel capoluogo dell’Abruzzo, ecco l’Aquila

Le spiagge di Giulianova

Cosa vedere a Giulianova, le spiagge
Giulianova, le spiagge

Giulianova Lido è invece la parte costiera della cittadina, il punto di ritrovo del turismo balneare. Le sue spiagge, da anni, conquistano l’ambito primato di Bandiera Blu, grazie alle sue acque trasparenti e pulite e all’accoglienza da sempre tra le più apprezzate.
E’ la zona degli alberghi e la parte da privilegiare se viaggiate in famiglia, non unicamente per le spiagge ben tenute e ottimamente attrezzate.
Gli amanti del campeggio potranno a loro volta trovare aree di sosta ma se pensate a un soggiorno di lunga data potreste preferire il più comodo alloggio in residence.

Le spiagge di Giulianova sono di sabbia bianca che regalano uno splendido contrasto all’azzurro intenso del mare. E’ da sempre tra i migliori lidi di tutta la regione, grazie anche al suo fondale che lentamente scende regalando emozioni ai nuotatori più esperti.

La parte iniziale è invece tra le soluzioni ideali per famiglie con bambini, che potranno essere lasciati liberi senza particolari rischi. Lungo le spiagge avrete modo di avere spesso un contorno di palme, una situazione che spesso proietta il turista verso località molto più distanti.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida di Teramo, il capoluogo di Giulianova

I dintorni di Giulianova, i parchi naturali

Cosa vedere a Giulianova, i parchi naturali
Giulianova, i parchi naturali

Ottima idea di viaggio da Giulianova una escursione ai diversi parchi naturali presenti in Abruzzo.
Prendete in considerazione l’idea di visitare il Parco Nazionale d’Abruzzo, che raggiunge Lazio e Molise, o anche la Riserva Naturalistica del Borsacchio, posta a Roseto degli Abruzzi.
Quest’ultima è una degli oramai pochi tratti della costa abruzzese integro dal punto di vista ambientale e paesaggistico.

Ultimo aggiornamento: 1 Novembre 2020


 

Condividi su: