Condividi su:

Giardini di Tivoli, Copenaghen | Il parco tematico più visitato al mondo

Leggi tutti gli articoli della Danimarca

icona-articoloUn viaggio a Copenaghen non può mai dirsi completo senza aver visitato i magici Giardini di Tivoli. Situati nel cuore della città, i Giardini di Tivoli animano la capitale danese sin dal lontano 1843, quasi duecento anni di storia che hanno divertito intere generazioni. Parliamo, inoltre, del secondo più antico parco divertimenti a tema del mondo, superato dal vicino Bakken, nella periferia nord della città, più antico di ben trecento anni.

Giostre e attrazioni sono concentrate in questo grande spazio all’aperto nel centro di Copenaghen, il cui nome è preso dall’omonima città italiana in provincia di Roma. L’intero parco tematico concentra il proprio stile sull’esotico e sull’orientale, con numerose strutture che prendono ispirazione dall’architettura dell’Asia orientale.

Cenni storici

Mappa dei Giardini di TivoliI Giardini di Tivoli sono considerati l’icona di Copenaghen, nonché uno dei principali punti di ritrovo per i cittadini. La costruzione fu finanziata dall’imprenditore Georg Carstensen, che convinse il re Cristiano VIII a dedicargli un’intera porzione di terreno nel tratto dell’ex cinta muraria. Per l’imprenditore fu un’impresa semplice convincere il sovrano, tanto che bastò pronunciare una semplice frase: quando la gente si diverte, non pensa alla politica.

E cosi fu eretto uno dei primi parchi tematici al mondo, originariamente intitolato a Tivoli e Vauxhall, come dedica ai rispettivi giardini di Villa d’Este a Tivoli e del parco di Vauxhall, a ⇒ Londra. L’intero parco si caratterizza per le numerose fontane e laghetti artificiali, da cui cresce un rigoglioso patrimonio floreale, riccamente biodiverso. Possiamo facilmente descrivere i Giardini di Tivoli come il punto di incontro tra monumento, parco divertimento e giardino.

Durante i primi anni di apertura i Giardini di Tivoli presentavano due giostre meccaniche, un carosello e una montagna russa di legno, ancora oggi esistente, sebbene ricostruita nel 1913. Si aggiungevano dei ristoranti, caffè, giardini, un teatro e un padiglione per concerti, oltre a varie strutture in stile orientaleggiante. Con il trascorrere del tempo i Giardini di Tivoli si trasformarono da parco cittadino a un vero e proprio luna park, conservando il suo caratteristico fascino originario.

OneMag-logo
Link-uscita icona Copenahagen | Cosa vedere a Copenahagen, la capitale della Danimarca

Cosa vedere ai Giardini di Tivoli

Cosa vedere ai Giardini di Tivoli
Cosa vedere ai Giardini di Tivoli

I Giardini di Tivoli sono relativamente ristretti come dimensioni, in quanto si sviluppano su 8 ettari di superficie, un isolato del centro storico, per intenderci. Per usare dei termini di paragone, Gardaland si estende per 35 ettari. L’intero parco a tema è contornato da strade altamente trafficate e pertanto non sarebbe a prescindere possibile aumentarne le dimensioni. Non preoccupatevi: il parco racchiude egregiamente nel proprio spazio le attrazioni, quindi il divertimento è assicurato anche per un intero weekend.

I visitatori vengono immersi in un piacevole puzzle di giostre, strutture, attrazioni e luoghi dal fascino fiabesco. Dalle giostre più adrenaliniche sino a quelle più rilassanti, i Giardini di Tivoli rappresentano il principale luogo d’intrattenimento della capitale danese. Inoltre, la vicina città di Odense ha dato i natali al famoso scrittore Hans Christian Andersen, autore di molte delle fiabe più famose del mondo, rappresentato in più forme dentro il parco.

Durante la stagione estiva il Parco Tivoli si anima di spettacoli e concerti, sopratutto il venerdì e il sabato sera. La stagione è arricchita con spettacoli teatrali, nel suggestivo Teatro della Pantomina, il cui sipario è a forma di coda di pavone. Completano l’offerta i giochi pirotecnici e i diversi ristoranti tematici, perfetti per grandi e piccoli.

Un’altra delle più iconiche attrazioni è il Tivoli Boys Guard. Parliamo di una caratteristica parata composta da centonove ragazzi d’età compresa tra i 9 e i 16 anni con una propria banda musicale. Troviamo poi anche il Glass Hall Theatre e la Den fyvend Kuffrt, l’attrazione che trasporta i visitatori nelle favole di Andersen. Completa l’offerta, infine, il più grande acquario di acqua salata d’Europa: un vero e proprio piacere per gli occhi.


 

Condividi su: