Condividi su:

Giardini di Alessandro a Mosca

Tutti gli articoli della Russia

Mosca, giardini di Alessandro mappaicona-articoloA qualche centinaio di metri dal fiume Moscova, lungo le mura del Cremlino e vicino alla Piazza Rossa troviamo i noti Giardini di Alessandro di Mosca, tra i primi parchi pubblici aperti nella capitale russa. La progettazione del parco fu a carico dell’architetto italo-russo Giuseppe Bova, che divise la pianta dei giardini in 3 sezioni separate. L’architetto si occupò inoltre della deviazione del corso del fiume Neglinnaya, che da allora passa al di sotto del parco.

I giardini vennero ufficialmente inaugurati nel 1821 e presero il nome dall’Imperatore di Russia allora in carica, Alessandro I. Questi si estendono per 900 metri lungo le mura del Cremlino e offrono ai visitatori, oltre a splendidi prati variopinti, fontane, laghetti e monumenti vari.

Cosa vedere nei Giardini di Alessandro a Mosca

Tomba del Milite Ignoto

Cosa vedere a Mosca, Tomba del milite ignoto

Visitando i giardini dall’entrata principale, posta vicina alla Piazza del Maneggio, il primo monumento che salterà all’occhio sarà quello del Milite Ignoto, risalente al Dicembre 1966.

La tomba si presenta come una piattaforma rettangolare in granito rosso, al centro della quale è presente una stella in bronzo dove viene alimentata una fiamma costante che illumina la scritta “Il tuo nome è sconosciuto, le tue gesta sono immortali”. Questa è dedicata a tutti i caduti sovietici non riconosciuti durante la Seconda Guerra Mondiale e dal 1997 è costantemente sorvegliato dalla guardia d’onore, in ricordo della vittoria.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo lo Zoo di Mosca, la storica attrazione inaugurata nel 1864

La Torre Kutafya

Cosa visitare a Mosca, la Torre Kutafya

Un’altra importante attrazione presente nei giardini è la torre Kutafya. Questa si eleva per oltre 13 metri e fa parte della cinta muraria del Cremlino e fu costruita nel ‘500.

La funzione della torre era quella di sorvegliare e proteggere il ponte che passava sul fiume Neglinnaya, quando ancora scorreva in superficie. L’edificio si sviluppa su due piani, per garantire ai soldati una posizione sopraelevata da cui colpire i nemici tramite le aperture presenti nella torre. La torre è oggi visitabile grazie ai restauri effettuati tra il 1974 e il 1977.

OneMag-logo
Link-uscita icona  L’Orto Botanico di Mosca, la ricetta per il relax assoluto

Attrazioni minori

I Giardini di Alessandro a Mosca, fontana di Zurab Tsereteli

Nonostante la tomba del Milite Ignoto e la Torre Kutafya attraggano la maggior parte dei turisti, i giardini hanno ancora da offrire numerose attrazioni. Queste sono incentrate principalmente sulle guerre contro l’impero napoleonico, che ha segnato a fondo Mosca come tutta la Russia.

Tra queste va ricordata la grotta artificiale, costruita anch’essa su progetto di Giuseppe Bova nel 1841 sotto la Torre centrale dell’Arsenale. Ricordiamo inoltre i cancelli in ghisa che circondano il perimetro dei giardini, eretti in ricordo delle vittorie dell’esercito imperiale russo contro quello napoleonico. Non usciamo prima di aver visitato la splendida fontana di Zurab Tsereteli, dove potrete rinfrescarvi durante la bella stagione coi suoi magnifici giochi d’acqua. Nelle vicinanze numerosi sono i monumenti inerenti alla guerra costruiti in bronzo o in pietra nel 1812, sempre per celebrare il trionfo russo su Napoleone Bonaparte.

La visita dei Giardini di Alessandro è consigliata nei periodi primaverili ed estivi, durante i quali potrete osservare la fioritura e fare meravigliose passeggiate.

Link-uscita icona  Clicca qui per scoprire tutte le guide dedicate a Mosca

Ultimo aggiornamento 9 febbraio 2021


 

Condividi su: