Geirangerfjord, il fiordo patrimonio UNESCO

Ecco il Geirangerfjord, il fiordo patrimonio UNESCO della Norvegia, il fiordo più grande di tutta la Norvegia e tappa praticamente obbligata se si è in visita da queste parti. Il fiordo Geirangerfjord è caratterizzato da una serie di cascate che vengono visitate da migliaia di persone che ogni anno lo visitano anche in crociera, scoprendo i lati più nascosti e inebrianti. Tra le cose da non perdere nel fiordo Geirangerfjord le cascate denominate Le sette sorelle, impreziosito dagli innumerevoli arcobalenti. Scopriamo il fiordo Geirangerfjord, Norvegia.

Geirangerfjord, il fiordo patrimonio UNESCO della Norvegia

icona-articoloCi troviamo nel lato centro-occidentale della  Norvegia dove troviamo uno dei fiordi più belli del mondo, il Geirangerfjord. Protetto dall’UNESCO, si tratta del fiordo più grande della Norvegia, una tappa quasi obbligatoria da fare una volta che si è in visita nel paese.

È descrivibile come un grande puzzle di cascate, scogliere ed acque di un colore blu intenso, un panorama che difficilmente si dimenticherà.
Oltre 600.000 persone ogni anno fanno visita in questo imponente capolavoro naturale, decine di navi da crociera ogni mese lo attraversano e numerose compagnie ci organizzano le escursioni.

Nonostante esistano fiordi meno affollati, nessuno di quelli raggiungono la bellezza di stretta, ampia e profonda insenatura.
Non resta altro se non recarsi nel vicino porto di Geiranger e raggiungere il Geirangerfjord, il fiordo patrimonio UNESCO.

Geirangerfjord, il fiordo norvegese

La natura del fiordo Geirangerfjord

Geirangerfjord, il fiordo patrimonio UNESCO

La natura del fiordo Geirangerfjord è composta da decine e decine di cascate che si gettano ad un’angolazione quasi verticale. Ammirandole si avrà quasi la sensazione che stiano accarezzando le scogliere, creando una perenne nebbia di vapore acqueo nei loro dintorni.
Le più spettacolari cascate sono indubbiamente quelle De syv Søstrene, in italiano ‘le sette sorelle‘, le Friaren, ‘il pretendente’, e la Brudesløret, ovvero ‘il velo da sposa’. Lo spettacolo delle cascate viene ulteriormente impreziosito dagli innumerevoli arcobaleni che colorano l’intero territorio circostante.

Le pareti montane sono rivestite interamente da un bosco secolare, che impreziosisce ogni angolo del territorio. Anche la fauna qua ospitata è altrettanto eccezionale, centinaia di specie selvagge vivono tranquillamente la propria vita da quando il fiordo non era ancora conosciuto all’uomo.

Ed è anche per tale motivo che il Geirangerfjord sta per ottenere la certificazione di “Destinazione Sostenibile“, dove il turismo di massa non ha minimamente influito sulla bellezza naturalistica del fiordo. Questo fiordo si creò durante l’ultima era glaciale, precisamente quando i ghiacciai perenni scavarono nel profondo le montagne, creando ciò che è possibile osservare oggi.

Le escursioni dal fiordo Geirangerfjord

Crociera nel Geirangerfjord

E non solo natura: infatti questo luogo è anche tra i migliori della Scandinavia per quanto riguarda le escursioni. Basta citare l’avventura in kayak sul fiume sottostante, ma anche il rafting, la pesca ed i sentieri che contornano il territorio. Non da sottovalutare anche la Trollstigen, quella che è considerata una delle strade più belle del mondo, come quella di  Tremosine del Garda.
Nonostante l’ambiente circostante delle due strade sia molto differente, sono entrambi opere di ingegneria davvero spettacolari.

La Trollstigen è stata inaugurata nel 1936, un’opera ancora più sorprendente se si pensa ai mezzi di allora, notevolmente meno sviluppati di quelli attuali.

OneMag - Logo Micro
Fiordi Norvegesi, viaggio lungo la costa della Norvegia

Gastronomia

Il luogo che negli ultimi anni ha avuto lo sviluppo turistico esponenziale ma ha mantenuto le sue tradizioni. Una tra queste è la gastronomia: un viaggio nel Geirangerfjord non può dirsi completo non prima di aver frequentato una delle trattorie presenti qua. Ingredienti a chilometro zero coltivati nell’aria pulitissima della zona, una tradizione che da secoli vive ed una grande quantità di ricette tipiche.

Basta solo questo per incitare un qualsiasi turista a recarsi in un ristorante locale. Da non perdere assolutamente sono le meringhe al gusto di liquirizia, presenti in quasi tutti i menù.

Scopri di più:

Cosa vedere a Trondheim in Norvegia
Le 5 cose da non perdere in viaggio ad Oslo

 

Condividi su: